Come trarre vantaggio da un Air Crash

Lufthansa, la compagnia aerea tedesca, intende citare in giudizio una donna che ha approfittato della sua offerta per far volare i parenti delle vittime dell'incidente Germanwings sul luogo del disastro nelle Alpi. Sosteneva di essere la zia di un bambino morto, aveva tatuato il nome del bambino sul braccio e fingeva di aver infranto la notizia della morte del bambino a sua madre. Tutto ciò era falso.

Almeno secondo i rapporti, l'azione di Lufthansa contro di lei è solo civile, non criminale, anche se ciò che ha fatto è stato chiaramente fraudolento. Forse, nel cercare solo di recuperare i suoi costi, Lufthansa vuole evitare la comparsa di vendetta: dopo tutto, il suo grado di responsabilità per l'incidente di Germanwings non è ancora del tutto chiaro.

Ci sono molti aspetti interessanti di questa straordinaria storia. La prima è che tatuare il nome di un bambino su un braccio (o altrove) dovrebbe essere considerato un segno di amore profondo o eccezionale per quel bambino. Dove è in gioco la condotta umana, senza dubbio, non c'è nulla di nuovo sotto il sole; tuttavia, ho notato un aumento del tatuaggio dei nomi dei bambini come un supposto segno d'amore per loro più di un decennio fa, e mi sono chiesto cosa significasse. Niente di buono, pensai.

La bellezza è sempre stata solo la pelle profonda, ma così ora, per una parte della popolazione, è amore. Quando ho notato il tatuaggio dei nomi dei bambini come un segno di devozione, ho notato anche il tatuaggio del nome dell'altro genitore dei bambini nelle vicinanze sulla pelle. Quello che sarebbe stato divertente, se non fosse stato triste, era che quest'ultimo nome era spesso cancellato da un altro tatuaggio dopo che la relazione era fallita. In alcuni casi, si poteva tracciare la vita amorosa di un uomo con i nomi tatuati e gli incroci sulle sue braccia.

"Non c'è amore più grande di questo", dice il Vangelo di San Giovanni, "che un uomo dia la vita per i suoi amici". Una versione moderna potrebbe leggere "Il grande amore non ha uomo che questo, che si tatuaggi la pelle con il nome dei suoi amici". Questo non mi sembra indicare un aumento di profondità o forza delle relazioni umane, per usare un eufemismo.

Il secondo aspetto interessante della storia è la facilità con cui la donna è stata in grado di perpetrare la sua frode. Doveva solo affermare di essere una parente della vittima dell'incidente, cioè di essere una vittima lei stessa, da credere. Abbastanza vero, pochissime persone avrebbero il coraggio di commettere una simile frode in questa situazione, quindi la compagnia non si sarebbe messa in guardia da simili tentativi; ma c'è anche un clima culturale generale in cui le richieste di vittimismo sono sfidate, se non del tutto, solo in modo molto cauto. Questo perché qualsiasi sfida del genere può essere facilmente divulgata dalla presunta vittima in un'ulteriore, o meta, vittima. Non prendere qualcuno in parola significa causargli ulteriori traumi.

Infine, c'è indubbiamente un desiderio o sete autodrammatizzante per lo status di vittima, e questo potrebbe aver giocato un ruolo nella scelta della frode da parte della donna di commettere: perché se davvero fosse stata davvero una parente in lutto di una vittima dell'incidente avrebbe ricevuto un insolito grado di comprensione da parte di un numero insolito di persone. Le vittime dello schianto non sono morte per cause naturali o nemmeno per un incidente, ma per un atto di omicidio di massa, rispetto al quale nessun tipo di perdita chiama più commiserazione. Inoltre, quindi, per il viaggio gratuito in Francia, quindi, l'autore sarebbe stato premiato da espressioni della più profonda simpatia.

La maggior parte di noi vive una vita, se non di tranquilla disperazione, almeno di mediocrità e anonimato. Per la maggior parte di noi il più delle volte è abbastanza; ma forse un numero sempre maggiore di noi sente che non è abbastanza. Ecco perché di tanto in tanto vengono pubblicate memorie fraudolente di sofferenza eccezionale; Binyamin Wilkomirski e Misha Defonseca, ad esempio, hanno inventato e pubblicato storie di fanciulle in Europa per la guerra, e un australiano, Donald Watt, ha affermato falsamente in un memoriale di essere stato un fuochista nei forni crematori di Auschwitz. Politici e presentatori televisivi sono stati sorpresi ad abbellire le loro esperienze, per apparire più a rischio di quanto non fossero in realtà. Avere vissuto comodamente mentre c'è una tale sofferenza o pericolo nel mondo sembra quasi insensibile o insensibile, quindi inventiamo sofferenza e pericolo per noi stessi. E probabilmente siamo tutti inclini ad esagerare per renderci più interessanti per gli altri di quanto non lo siamo noi. Alcuni di noi vanno agli estremi, comunque. Quasi certamente il pilota del velivolo Germanwings era un autodidatta di un tipo estremo.

Solutions Collecting From Web of "Come trarre vantaggio da un Air Crash"