Come ti piacerebbe essere valutato?

Qual è il modo più giusto per valutare gli studenti? Quale metodo è più libero da pregiudizi? Gli studenti dovrebbero avere la possibilità di scegliere come devono essere valutati sul lavoro? Ho l'abilità e la personalità dello studente legate a queste preferenze?

Considera quanto segue:

1. Esami a scelta multipla;

2. Esami di tipo saggio (ad esempio, rispondere a due domande in 2 ore);

3. tesi di laurea dell'ultimo anno (ad es. Tesi di laurea, progetto di ricerca di 4 mesi);

4. Esame orale (viva voce);

5. Valutazione continua (ad es. Partecipazione a lezioni, frequenza, lavoro di corso, ecc.)

6. Lavoro di squadra (assegnazione della squadra, un voto per tutti nel gruppo).

Nelle università, proprio come nelle scuole, in molti paesi ci sono state prove drammatiche di inflazione di grado. Una spiegazione preferita è la modifica della difficoltà degli esami o dei sistemi di marcatura. I cinici credono entrambi: gli standard stanno calando per mantenere felici genitori, bambini, insegnanti e, soprattutto, il governo.

Gli scettici sostengono che questo non è giusto per due gruppi di persone. Quelle persone che, anche se non molto vecchie, hanno attraversato il vecchio sistema e ricevuto diversi voti che li fanno sembrare meno efficaci delle loro controparti moderne. L'altro gruppo da perdere sono le persone davvero brillanti che sembrano ottenere voti molto simili a quelli dei loro colleghi meno talentuosi.

Ma ci sono altre spiegazioni per inflazione di grado. Uno è molto rilevante per il mondo del lavoro. È stato notato che l'equilibrio tra test per esame e valutazione continua (CA) è cambiato. Gli insegnanti hanno ceduto al clamore degli studenti di tutto il mondo per avere meno esami e più CA. Gli studenti sanno che spesso fanno meglio alla CA: i voti sono più alti, lo stress meno. E quindi otteniamo inflazione di grado.

Ma quale metodo di valutazione è migliore? La misurazione delle prestazioni nel mondo del lavoro è più simile a un esame oa una CA? In parte dipende dal lavoro. I cuochi, gli attori e gli scrittori dicono che sono buoni solo quanto il loro minimo pasto / gioco / libro, il che implica una valutazione continua ma nel formato dell'esame.

Gli esami discriminano meglio: c'è quasi sempre una gamma più ampia di voti. Ma sono più giusti? Hanno una migliore validità predittiva, nel senso che sono più legati al successo misurabile successivo? Nonostante l'inevitabile scivolata verso CA, ci sono buone ragioni per credere che gli esami siano una forma migliore di valutazione.

Innanzitutto, il problema sempre crescente del plagio è quasi inesistente negli esami. È facile vedere di chi è il lavoro. Ci sono importanti fattori di integrità negli esami, ma CA spalanca la porta a possibili corruzioni.

In secondo luogo, e in relazione a quanto sopra, è possibile sostenere che gli esami sono più equi per gli svantaggiati. L'accesso a risorse di ogni tipo (genitori ricchi, computer, biblioteche) avvantaggia gli studenti in CA e quelli con meno risorse devono lottare di più per raggiungere gradi simili. Un esame è un campo di gioco più equo.

In terzo luogo, gli esami insegnano l'archiviazione e il recupero di informazioni. Certamente, l'avvento dei computer ha reso queste abilità meno importanti, ma sarà sempre vantaggioso praticare l'abilità di categorizzare e ricordare le informazioni. Gli esami insegnano questa abilità nella maggior parte delle discipline.

In quarto luogo , gli esami sono una buona pratica per la vita. Alcune persone ansiose possono sottoperformare negli esami, ma la pratica rende il prefetto. Nel gergo della psicologia, è la desensibilizzazione per la fobia. Più esami uno scrive, migliore imparerà a gestire lo stress degli esami. Nella "vita reale" le persone devono fare le cose "in condizioni di esame". Fare una presentazione; risolvere un particolare problema; dover discutere spontaneamente sono abilità ben affinate nella sala d'esame. Si tratta di attingere a un corpo di conoscenze che è stato ben conservato.

Gli esami sfruttano l'intelligenza fluida e cristallizzata: questa è capacità di problem-solving e conoscenza fattuale. Misurano abilità di pianificazione e abilità di coping. E quindi si differenziano meglio tra i più e meno capaci.

Nella vita esistono sia CA che "esami". Ma è meglio per differenziare il grano dalla paglia.

Ho fatto diversi studi in questo settore: vedi i riferimenti qui sotto. Hanno tutti dimostrato che esistono tratti di personalità e differenze di abilità prevedibili nella preferenza per i metodi di esame.

Riferimenti

Chamorro-Premuzic, T., Furnham, A., Dissou, G., & Heaven, P. (2005). Personalità e preferenza per la valutazione accademica. Apprendimento e differenze individuali, 15, 247-256.

Furnham, A., & Chamorro-Premuzic, T. (2005). Differenze e convinzioni individuali in merito alle preferenze per i metodi di valutazione universitari. Journal of Applied Social Psychology, 35, 1986-1994.

Furnham, A., Christopher, A., Garwood, J., & Martin, N. (2008). Abilità, demografia, stile di apprendimento e tratti della personalità correlati delle preferenze degli studenti per il metodo di valutazione. Psicologia dell'educazione, 28, 15-27.

Furnham, A., Batey, M., & Martin, N. (2011). Come ti piacerebbe essere valutato? I correlati delle preferenze degli studenti per i metodi di valutazione. Personalità e differenze individuali, 50, 259-263

Solutions Collecting From Web of "Come ti piacerebbe essere valutato?"