Come ti immagini oltre il tuo settantesimo compleanno?

Pensa all'ultima volta che sei andato a comprare un biglietto d'auguri divertente per un amico. Riesci a ricordare cosa dicevano alcune carte, quali erano le loro battute? È probabile che molti di loro abbiano scherzato sulla vecchiaia portando a perdita di memoria, senilità, perdita della sessualità o disabilità fisiche. Ogni carta può sembrare innocente, ma nel complesso, la nostra regolare esposizione a queste ipotesi negative sulla vecchiaia ci porta ad accettarle implicitamente.

Gli stereotipi degli anziani sono più forti e più negativi di quanto pensiamo, spesso espressi in modi sottili e apparentemente innocui, sfuggendo alla nostra attenzione.

Considera una recente pubblicità di Snickers che ritrae l'attrice ottuagenaria Betty White che gioca a calcio sul tackle dal naso duro. Il suo umorismo è guidato dall'attesa di tutti che una donna della sua età non possa mai farlo. Sappiamo che lo spot vuole essere ironico, quindi dov'è il danno? Il problema è che ritratti di questo tipo rafforzano l'assunto di fondo che gli anziani sono fragili e indifesi (mentre ironicamente ritrae Betty White come dura).

Gli stereotipi negativi degli anziani non sono affatto universali – dipendono da come una società considera la vicinanza alla famiglia estesa, la dipendenza dagli altri e gli ideali tradizionali (ad esempio, l'essere vecchi e saggi è qualcosa a cui aspirare). Questi valori sono de-enfatizzati nelle culture occidentali, dove gli anziani sono trattati in modo particolarmente negativo.

Quando diventiamo consapevoli del pregiudizio, di solito ci preoccupiamo di come influisce sulle persone che vengono prese di mira. Tuttavia, gli stereotipi negativi degli anziani comportano anche un costo terribile per coloro che detengono gli stereotipi, in un modo che nessun altro tipo di pregiudizio fa. A differenza dei marcatori di razza, disabilità, classe sociale e altri stimmi, la vecchiaia è l'unico gruppo a cui tutti un giorno un giorno appartengano (se sei fortunato, cioè). Quindi, i giovani che hanno percezioni negative degli anziani alla fine svilupperanno percezioni negative di se stessi. Le percezioni negative degli anziani non scompaiono solo magicamente una volta entrati a far parte del gruppo demografico; Le ipotesi profondamente radicate tendono a essere persistenti.

Sappiamo anche che quando le persone arrivano ad accettare gli stereotipi negativi diretti al proprio gruppo, questo può mettere in corto circuito il loro pensiero e far sì che gli stereotipi diventino profezie che si autoavviano. Ad esempio, immagina qualcuno che è uno studente di matematica medio, ma crede di essere molto cattivo. Anche se ha la capacità di fare bene, ogni volta che fa un esame di matematica o viene chiesto di calcolare un suggerimento al ristorante, diventa ansiosa e commette errori, così che le sue supposizioni su di lei finiscono per essere confermate. Un processo simile si verifica quando gli anziani acquistano le supposizioni che vedono sui biglietti d'auguri e nella cultura tradizionale.

Anziani che hanno credenze negative sull'invecchiamento – come la convinzione che la salute mentale e fisica inevitabilmente peggiora con l'età; o che cose come l'artrite, le difficoltà di sonno e le malattie cardiache sono aspetti normali dell'invecchiamento e finiscono per peggiorare con la memoria a breve termine e con i test di acuità uditiva. In modo più allarmante, studi a lungo termine hanno scoperto che le persone che mantengono queste convinzioni hanno più probabilità di subire infarti e ictus, impiegano più tempo a riprendersi da loro e hanno un'aspettativa di vita significativamente più bassa. Questi esiti non sono causati da una salute peggiore all'inizio o dalle differenze di personalità, ma sono invece direttamente previsti da convinzioni positive e negative sull'invecchiamento. (Per vedere come vengono misurate queste credenze, puoi trovare esempi qui).

In che modo queste convinzioni possono effettivamente modellare la nostra salute fisica e mentale? Quali sono i meccanismi coinvolti?

Un grande modo è attraverso i comportamenti di mantenimento della salute di una persona. Le persone che credono che la salute possa essere migliorata attraverso una migliore dieta, esercizio fisico e fisico regolare – questi sono esempi di convinzioni positive sull'invecchiamento – sono più propensi a mantenere queste attività ea rimanere più sani a lungo termine. Sono anche più propensi a discutere di problemi di salute con il proprio medico ea prendere i farmaci prescritti. Al contrario, le persone che ritengono che l'invecchiamento porti inevitabilmente a un deterioramento della salute sono meno motivate a impegnarsi in comportamenti che promuovono la salute, ritenendo che siano inutili (e alla fine causano la conferma delle loro ipotesi sull'invecchiamento).

Gli auto-stereotipi negativi sono anche dannosi perché producono stress. Per esempio, esporre gli anziani a stereotipi di età negativa – come le battute che vedete sui biglietti d'auguri – innesca le risposte fisiologiche allo stress (ad es. Aumenti della frequenza cardiaca e della pressione arteriosa), che danneggia la salute nel tempo. Quando si considera la frequenza con cui questi stereotipi vengono trasmessi nella vita di tutti i giorni, questo stress supplementare aumenta sicuramente il rischio di malattie cardiovascolari e altri problemi di salute.

Nonostante i loro effetti sugli anziani, mantenere questi stereotipi non pregiudica il funzionamento dei giovani, che non li vedono come se si applicassero a loro stessi. In effetti, mantenere queste credenze può davvero conferire potere ai giovani, facendoli sentire più sani, più competenti e migliori rispetto al confronto. Questo senso di superiorità è probabilmente un grande motivo per cui le persone si aggrappano a queste convinzioni.

Anche l'avversione verso la vecchiaia è guidata dalla nostra paura di farlo, alla prospettiva di perdere la nostra indipendenza, apparire vulnerabili, cambiamenti nel nostro aspetto e nella morte. Tuttavia, respingere la vecchiaia, mentre può essere temporaneamente confortante, finisce per essere un modo distruttivo per affrontare le nostre paure.

Un primo passo per cambiare le nostre ipotesi è semplicemente essere consapevoli dell'estrema negatività che si associa alla vecchiaia e imparare a non lasciarsi coinvolgere. Ancora più importante, abbiamo bisogno di coltivare credenze positive sull'invecchiamento, poiché anche piccoli ricordi a loro possono fare una grande differenza. Ad esempio, quando gli anziani mostrano per breve tempo stereotipi positivi – come compiuto, illuminato, perspicace, educativo, saggio – questo migliora immediatamente il loro funzionamento a tutto tondo: producendo memoria migliore, stress ridotto, maggiore autostima e percezioni più positive di invecchiamento.

Queste percezioni positive possono essere sostenute anche a lungo termine. Un modo è creare un'immagine mentale di ciò che vuoi essere nei tuoi anni '70 e '80, una versione realistica del tuo miglior sé possibile. Considerando il tuo miglior sé futuro, la "vecchiaia" non sarà più questo lontano evento che è visto attraverso la lente dei nostri stereotipi culturali. Invece, immaginare il tuo sé futuro è un ottimo modo per chiarire quali obiettivi a lungo termine sono importanti per te (ad esempio, buona salute, buone relazioni), motivandoti a perseguire questi obiettivi e dandoti un senso di controllo sul tuo futuro. (Suggerimento: scrivere del tuo miglior sé futuro è ancora più efficace del solo immaginarlo).

Siamo pienamente in grado di migliorare le nostre percezioni sull'invecchiamento (e quindi renderle più realistiche). Ciò richiederà strategie di manutenzione attive, tuttavia, data tutta la negatività a cui siamo esposti. Per continuare ad accettare passivamente questa mentalità è pericolosa, dobbiamo accettare che le nostre convinzioni siano parte integrante della nostra salute e del nostro benessere in età avanzata.

(Questo post è stato scritto da Josh Foster).

Solutions Collecting From Web of "Come ti immagini oltre il tuo settantesimo compleanno?"