Come stanno facendo gli afroamericani? I: violenza e segregazione

Mentre gli americani di tutte le bande fanno un servizio a parole a una società egualitaria razziale, su ogni misura chiave – violenza, economia, istruzione, salute – lo status degli afroamericani nella società si è deteriorato negli ultimi cinquanta anni. Da parte loro, la risposta degli americani bianchi è stata quella di fare tutto il possibile per evitare il contatto con i neri americani medi. Ciò è altrettanto vero per i liberali e i conservatori, anche se i liberali hanno maggiori probabilità di offuscare lo status di entrambi gli afroamericani e il loro isolamento dai neri, insieme ai bianchi più poveri che considerano pregiudizievoli.

Violenza

Quando lo shooter di Las Vegas ha ucciso 58 persone, i giornalisti si sono affrettati ad affermare che la violenza di massa è un fenomeno bianco ("bianco privilegiato"):

"Questi tiratori provengono quasi esclusivamente da una singola classe socio-economica e da un gruppo razziale", ha scritto l'attore Cole Sprouse in un thread Twitter ampiamente condiviso. Dobbiamo ora affrontare "quale parte della bianchezza influenza questo tipo di piastre di Petri per la violenza e l'uccisione di armi".

Questo non era solo un fenomeno dei social media. L'Huffington Post pubblicò i tweet di Sprouse come "Potente presa su bianchezza e sparatorie di massa". Un articolo di Elle definiva il collegamento tra uomini bianchi e sparatorie di massa "una regola generale" e proponeva che "il nostro rifiuto di affrontare la violenza maschile bianca tossica è il motivo per cui Questo problema si metastatizza ". Il sito di notizie progressiste ThinkProgress ha detto che" quando parliamo di sparatorie di massa, stiamo parlando di uomini bianchi ". Newsweek si chiedeva se" gli uomini bianchi commettano sparatorie di massa per un senso di diritto ". Un pezzo di opinione della CNN si lamentava del fatto che "l'America ha accettato silenziosamente la rabbia dei bianchi".

In senso stretto, queste storie sono corrette: la pluralità degli assassini di massa è bianca. Ma l'idea che i bianchi di privilegio siano rappresentati in modo sproporzionato tra gli sparatori di massa – in effetti, che costituiscono "quasi tutti" – è un mito.

Quanto sopra è stato scritto da Daniel Engber in Slate. È notevole quanto sia diffusa l'opinione che cita; è ancora più straordinario che una pubblicazione liberale pubblichi la sua confutazione basata su dati di questa visione. Infatti, gli spettacoli di Engber (utilizzando la base di dati compilata da Mother Jones Magazine), mentre il 56% degli assassini di massa (definiti dal CDC come implicanti tre o più vittime) sono bianchi, ciò sottostima la presenza di bianchi nella popolazione generale, da cui il tasso degli assassini di massa è calcolato, mentre gli asiatici e gli afroamericani sono sovrarappresentati:

Secondo questo insieme di dati, quindi, asiatici e neri americani sono sovrarappresentati tra i tiratori di massa di circa la stessa proporzione (un po 'più di un quarto) che i bianchi sono sottorappresentati. Ciò significa che il tasso di popolazione delle sparatorie di massa dei bianchi è di 0,021 per 100.000 persone, mentre il tasso corrispondente di sparatorie di massa per i neri è 1,7 volte più alto, a 0,037.

Engber scrive poi (estremamente provocatoriamente) che la ragione per cui siamo impressionati dagli afroamericani è che solo il 25% di probabilità in più di sparare a molte persone contemporaneamente è perché sono così più probabilità di uccidere individui che i bianchi sono il 630% più probabili-con la maggior parte di quelle vittime che sono nere:

Questa disparità [il 25% in più di sparatorie di massa], che potrebbe essere considerata come la non-statica bianchezza delle sparatorie di massa, è molto più piccola di quella di uccisioni a livello nazionale. I tassi complessivi di omicidio tra i neri americani sono 6,3 volte superiori a quelli dei bianchi, secondo un rapporto del Bureau of Justice Statistics. Un altro rapporto suggerisce che i delinquenti bianchi costituivano solo il 45,3% di tutti coloro che commisero omicidi tra il 1980 e il 2008. * In altre parole, i bianchi americani possono essere in qualche modo sottorappresentati tra i tiratori di massa, ma sono ancora più sottorappresentati tra tutti gli assassini. In questo senso limitato, sarebbe corretto dire che i bianchi sono responsabili di più massacri pubblici di quanto ci si potrebbe aspettare. . . . [Ma] Penso che abbia più senso chiedersi perché quelli classificati come non-bianchi potrebbero essere rappresentati in modo sproporzionato tra gli assassini, dai tiratori di massa lungo la linea.

Questa è una domanda difficile a cui noi liberali non piace porsi, forse nemmeno per riconoscere. Che cosa dice che le città interne americane sono luoghi altamente violenti? Le dieci città più violente degli Stati Uniti, con la percentuale di afroamericani in ciascuna città tra parentesi, sono: 1. Baltimora (64%), 2. Detroit (83%), 3. New Orleans (60%), 4. Kansas City (28%), 5. Cleveland (53%), 6. Memphis (63%), 7. Newark (52%), 8. St. Louis (49%), 9. Chicago (33%), 10 Milwaukee (40%).

È giusto dire che tutte queste città, oltre ad avere vaste popolazioni nere, sono profondamente segregate. Molti bianchi, ovviamente, hanno lasciato le città a causa della loro paura degli americani neri, mentre i quartieri rimanenti sono altamente segregati. Il Wall Street Journal ha valutato le 16 città più segregate negli Stati Uniti (compresi i sobborghi vicini). Otto delle dieci città con il più alto tasso di omicidi sono tra le prime 11 in termini di segregazione: Detroit (# 1), Chicago (# 2), Memphis (# 4), Cleveland (# 5), New Orleans (# 6) , Baltimora (# 8), St. Louis (# 9), Memphis (# 11).

Segregazione / Scuole

Mentre noi nordisti facevamo fischiare i sudisti per le scuole segregate, l'ultimo mezzo secolo ha dimostrato oltre ogni dubbio che i bianchi faranno tutto il possibile per evitare di vivere vicino, o mandare i loro figli a scuola, con un numero considerevole di neri. Brown v. Board of Education (1954) è stata la pietra miliare della decisione della Corte Suprema di porre fine alla desegregazione scolastica. Ora più di 60 anni dopo, la segregazione scolastica sta aumentando rapidamente, inclusa la forma più virulenta, chiamata Apartheid, in cui il 99 percento degli studenti in una scuola sono studenti di colore.

Queste scuole educano un terzo degli studenti neri a New York e metà degli studenti neri a Chicago; a livello nazionale, secondo un rapporto del Civil Rights Project alla UCLA, hanno educato oltre il 15% dei bambini afro-americani e il 14% dei Latinos nel 2012. Anche nei luoghi in cui la segregazione razziale non è così assoluta, la divisione fisica tra i bambini bianchi e i bambini di colore nelle scuole pubbliche e nelle scuole charter continuano a crescere . (il mio corsivo)

Ci siamo abituati a spiegare la segregazione che vediamo nelle nostre scuole indicando la segregazione che vediamo nei nostri quartieri. Sembra piuttosto semplice: i bambini che non vivono nello stesso posto non sono propensi a frequentare la stessa scuola.

Ma questa spiegazione l'ha fatto all'indietro. In molte città degli Stati Uniti, le scuole pubbliche sono state il primo e quasi sempre il più efficace degli strumenti che i residenti bianchi hanno dovuto controllare i confini dei loro quartieri. Spesso, era la segregazione scolastica a creare segregazione nel vicinato, non il contrario . (il mio corsivo)

In altre parole, i bianchi si muovono piuttosto che mandare i figli a scuola con una grande percentuale di neri che si muovono. Sorprendentemente, al nord, i quartieri (e le scuole) erano molto più integrati, con una minoranza di studenti neri, all'inizio del secolo scorso. C'era un punto critico in cui i bianchi si rifiutavano di continuare a mandare i figli a scuola che erano prevalentemente neri, o quasi.

Ma prima di allora, Baltimore era come molte altre città multirazziali: i neri e i bianchi erano spesso i vicini degli altri, vivendo fianco a fianco in uno storico che definisce uno schema "sale e pepe". Per esempio, su un blocco della West operaia del distretto operaio, il censimento del 1900 contava un droghiere bianco e la sua famiglia viveva accanto a un cameriere afroamericano e alla sua famiglia; lungo la strada, un lucidatore di marmo irlandese viveva tra un venditore di burro bianco e un musicista nero. Come nota lo storico Karen Olson nel libro di Baltimora, al volgere del XX secolo, "sebbene gli afroamericani costituissero il 10% o più della popolazione totale in tre quarti dei 20 quartieri della città, nessun reparto era più di un terzo nero."

Ma tutto è cambiato, con la segregazione dei quartieri per preservare principalmente le scuole a una sola corsa. Oggi, pionieri nel Sud, ma estendendosi in tutto il paese, vengono creati nuovi sistemi scolastici per tenere separate le razze (vedi Solo i bianchi: la segregazione scolastica è tornata, da Birmingham a San Francisco):

Un sobborgo borghese di Birmingham chiamato Gardendale vuole lasciare il sistema scolastico di Jefferson County. Gardendale, che è per lo più bianco, dice che la razza non ha nulla a che fare con la sua spinta alla secessione: vuole semplicemente controllare le sue scuole. . . . "L'intento è quello di creare un sistema scolastico locale in cui avranno il controllo su chi entra e che ridurranno al minimo il numero di neri che entrano". . . . Il controllo locale è diventato un popolare grido di battaglia nei comuni di tutta la nazione, inclusi stati liberali come New York e California, che vogliono formare i loro distretti scolastici.

Ma, affermano i critici, ciò che la gente vuole controllare è la composizione razziale delle scuole.

Le scuole charter (che sono state sbandierate da liberali e conservatori allo stesso modo) hanno accelerato questo processo, ad esempio a Washington:

Le scuole charter DC, che servono oltre il 40% della popolazione studentesca della città, sono più segrete delle altre scuole pubbliche della DC. Nel 2012 oltre i due terzi delle scuole charter. . . erano "scuole dell'apartheid" (definite con meno dell'1% di iscrizioni bianche), mentre solo il 50% delle scuole pubbliche aveva popolazioni completamente separate. Le scuole di voucher, un altro modello a favore di DeVos, spesso hanno accentuato questo problema, secondo il rapporto, concentrandosi in comunità bianche benestanti e famiglie nere sottoservite, che spesso non potevano permettersi di pagare le tasse richieste oltre ai buoni stessi.

New York – una città estremamente liberale e diversificata – è intensamente segregata dalla razza: "Nonostante la sua diversità policromatica, New York City ha uno dei sistemi scolastici più profondamente segregati nella nazione." Infatti, New York creò intenzionalmente un sistema in cui i bambini potevano muoversi fuori dai loro distretti locali per frequentare la scuola. Mentre naturalmente (come in DC) i quartieri sono profondamente segregati, questa iscrizione flessibile ha esacerbato la segregazione scolastica. Lo ha fatto separando i bambini in base alle loro capacità accademiche. Anche se questa sembra una politica liberale di mentalità aperta, ha l'effetto di governare i neri (e i latini, ma non gli asiatici) dalle migliori scuole:

Entrare nelle migliori scuole, dove quasi tutti gli studenti si laureano e sono pronti a frequentare il college, spesso richiede punteggi migliori nei test annuali di matematica e inglese e una media di alto livello.

Quelli ammessi a queste scuole di maggior successo rimangono sproporzionatamente borghesi e bianchi o asiatici, secondo un'analisi approfondita dei dati di accettazione e dei tassi di laurea condotti per il New York Times da Measure of America, un ramo del Social Science Research Council. Allo stesso tempo, bambini neri o ispanici a basso reddito. . . vengono regolarmente spostati nelle scuole con tassi di graduazione inferiori di 20 o più punti percentuali.

In particolare, le scuole selettive di New York (ad es. Bronx School of Science, Stuyvesant) richiedono test di ammissione. I neri e i latini raramente entrano in queste scuole. Ma i bianchi non dominano nemmeno queste scuole pubbliche d'élite: gli asiatici (sfidando così le facili idee di pregiudizi e pregiudizi).

Composizione razziale delle scuole più selettive di New York:

  • Asiatici (57%)
  • Bianchi (27%)
  • Neri (7%)
  • Ispanici (8%)

Quindi, vedete, in termini di argomenti correlati di segregazione residenziale e istruzione, l'America può essere altrettanto cattiva o peggio che mai. Non sta certamente migliorando.

Prossimo in serie: rendimento scolastico, salute e ricchezza.

Solutions Collecting From Web of "Come stanno facendo gli afroamericani? I: violenza e segregazione"