Come si vede il self-talk negativo?

Ascolta il file mp3 della sessione di coaching di 17 minuti

Nella sua sessione di coaching, Laura ha notato il suo sabotating gremlin velocemente, ma non è tipico. Proprio come respiriamo senza fare domande, interpretiamo anche le nostre situazioni senza esitazione. Abbiamo una "voce" interna che commenta e poi determina come percepiamo ogni nostra circostanza. Quando questa voce è critica, è descritta come autolesionismo negativo o il gremlin, così chiamato da Rick Carson in Addomesticare il tuo Gremlin. Questa voce è radicata nei pensieri coscienti così come nelle ipotesi e nelle credenze inconsce.

Che tipo di discorsi dovresti fare attenzione?

  1. Talk auto limitante. Quando siamo auto-limitanti possiamo dire cose come "Non posso dirgli come mi sento" o "È troppo difficile finire il progetto" o "Sto diventando così grasso!" Il discorso auto-limitante crea un sé – profezia di buon senso perché smettiamo di cercare soluzioni e ci assumiamo la sconfitta. Invece di guardare le nostre opzioni, ci diciamo che non possiamo gestire le cose che ci attendono.
  2. Saltare alle conclusioni. Quando sperimentiamo una situazione di disagio, facciamo delle interpretazioni piuttosto che semplicemente affermando i fatti. Ad esempio, diremo: "Ho provato i miei jeans e ho avuto un aspetto così disgustoso" oppure "Tom mi ha parlato e mi sono reso ridicolo" oppure "Se vado in palestra, la gente parlerà di me". saltiamo alle conclusioni, troppo spesso assumiamo il peggio e facciamo di tutto ciò che potrebbe essere una finzione.
  3. Abitudini di parola. I nostri schemi vocali possono essere così automatici che non li notiamo nemmeno. E anche se forse non intendiamo nemmeno quello che diciamo, può avere un impatto negativo su come ci sentiamo rispetto a noi stessi. Questo può sembrare, "Cosa ti aspetti da una bionda stupida?" O "Sono così stupido!" Questa abitudine si manifesta anche nel modo in cui ci scontiamo con gli altri. Per esempio, quando qualcuno ci dice che siamo belli e rispondiamo, "Sì, giusto!" Anche se queste abitudini dannose possono a volte essere mascherate da umorismo, non sono affatto divertenti.
  4. I pensieri di altri diventano nostri. Alcuni dei nostri pensieri sono impiantati da fonti esterne come i nostri genitori, coniuge, colleghi o amici. Queste voci ben intenzionate hanno chiare aspettative su di noi che diventano parte del nostro stesso parlare di sé. Sebbene i loro pensieri possano servirci, possono anche diventare dannosi quando non siamo in grado di distinguere le loro idee dalla nostra. Un segno di questa forma di autolesionismo negativo è quando iniziamo a sentirci dire cose come "Non dovresti davvero …" o "Dovresti …" Quando i pensieri di altri diventano nostri, iniziamo a comportarci da sensi di colpa, piuttosto che desiderio

Resta sintonizzato sul prossimo blog: esploreremo le strategie per elevarci al di sopra del nostro discorsetto negativo …

Coach Meg

Solutions Collecting From Web of "Come si vede il self-talk negativo?"