Come si spiegano i programmi di psicologia clinica

La psicologia clinica si è biforcata tra i programmi (di solito il dottorato) che sono intellettualmente rigorosi tranne quando si tratta della loro mancanza di conoscenza clinica e dei programmi (di solito Psy.D.) che privilegiano la sicurezza emotiva sul pensiero critico. Il messaggio principale che ho ricevuto dal dottorato i programmi sono che non so cosa sto facendo perché non seguo un manuale; il messaggio principale di Psy.D. i programmi sono che tutti i medici sono già bravi a farlo. Ho scritto sul blog in merito alla spiegazione del dottorato. Ora sto pensando a come succede.

In primo luogo, alcuni esempi di ciò che intendo per wussification. Uno, abbiamo dato agli studenti l'opportunità di scoprire come pensano i loro coetanei. Nel nostro programma di master per la psicologia legale, tutti sono andati online e si sono valutati a vicenda, generalmente beneficiando del feedback. Nessuno ha trollato nessuno. Nel nostro programma clinico di dottorato, gli studenti si sono opposti all'idea, la facoltà ha deciso di "elaborare" la preoccupazione, e gli studenti in genere non hanno partecipato. I terapeuti in erba hanno evitato di ottenere feedback. Due, se correggi qualcuno in classe, sei trattato come un super-cattivo. È il lavoro della mia vita convertire la correzione da un punitore in un rinforzo (quando la correzione viene fornita dalla realtà o da un critico autorizzato come un insegnante o supervisore). Tre, abbiamo iniziato (sotto l'influenza di mia moglie) una troupe di sketch comedy per sollevare questioni di diversità in un contesto comunitario per la discussione; quasi non siamo decollati a causa della preoccupazione di alcuni studenti che la commedia avrebbe "re-traumatizzato" gli altri studenti. La crisi ha quasi scongiurato: i medici in erba non dovrebbero sopportare nulla che possa ferire i loro sentimenti (ma siamo comunque andati avanti).

I terapeuti non dovrebbero essere capaci di sopportare forti emozioni, affrontare il conflitto, mantenere la calma e andare avanti? Come siamo arrivati ​​in un posto dove "hai ferito i miei sentimenti" è un argomento più forte del pensiero critico?

Penso che il problema abbia qualcosa a che fare con la selezione. Ci sono fondamentalmente solo tre tipi di candidati ai programmi clinici: pazienti, terapeuti e letterati. Con i letterati intendo persone interessate alle arti, alla vita della mente, alla filosofia e alla storia, ma anche a chi vuole guadagnarsi da vivere e potrebbe desiderare di lavorare su "il lato utile della vita", in Adler frase, o sulla giustizia sociale nel linguaggio corrente. Questi sono i medici ideali, ma molti di loro possono entrare in Ph.D. programmi solo per far sbiancare i loro colori dalla cultura locale (che sostiene che l'arte non ha nulla a che fare con un buon lavoro clinico). Tuttavia, circa un terzo di Psy.D. gli studenti sono di questo tipo, praticando ciò che chiamo letteratura applicata.

Poi abbiamo i terapeuti, persone che hanno fatto la diplomazia della navetta per tutta la vita tra membri della famiglia ostili, persone che si sono definite in contrappunto a un genitore depresso o malato di mente o un fratello che abusa di droga. Questi sono i medici che Alice Miller ha descritto come specializzarsi in sintonizzazione con le ferite narcisistiche altrui. Questi studenti possono fare buoni clinici, specialmente se possono imparare a godersi la vita e il lavoro e non prendersi troppo sul serio. Non riescono a diventare buoni medici quando adottano un atteggiamento protettivo verso i clienti piuttosto che un orientamento al cambiamento.

E poi abbiamo i pazienti, studenti che si sono interessati alla psicologia a causa dei loro disturbi alimentari, ospedalizzazioni, traumi, ansie e depressioni. A volte vogliono essere come le persone che li hanno aiutati, ma a volte vogliono distruggere la professione che li ha falliti. O, non trattati o maltrattati, sono organizzati attorno a un'identità di fragilità, alla sua glorificazione, alla sua rettitudine e alla sua pacificazione. Sono costantemente "offesi", "innescati" o "non sicuri". Molti di questi studenti possono diventare buoni medici, ma solo se ripudiano il loro status di pazienti e si identificano genuinamente con la persona sana che sono diventati (se ne sono diventati uno ). Tuttavia, tendono a vedere la professione attraverso la lente della ben nota triade di soccorritori, e spesso proteggono i loro pazienti da genitori visti come demonizzati, da una professione considerata indifferente e persino dai loro stessi supervisori. Nella cultura della psicologia clinica, una postura di fragilità è diventata una sorta di prestigio, in gran parte perché attiva lo stesso tipo di tenerezza accattivante che un genitore perfettamente in buona salute mostra in un luogo pubblico quando l'impostazione potrebbe dare un significato al limite. Una proclamazione della sofferenza spesso spinge gli altri a mostrare consolazione piuttosto che un rude incoraggiamento. (Incoraggiare significa dare coraggio, giusto?)

Questa glorificazione della debolezza ha una componente di genere; è una performance che, in contrappunto, mette in scena la cavalleria, che è gradita a un certo tipo di uomo, e la condoglianza, che è gradita a un certo tipo di donna. La debolezza femminile giustifica anche l'appropriazione delle funzioni riproduttive da parte della società. Lo si vede negli svenimenti delle eroine vittoriane, o Marlene Dietrich (nel 1937) e Melanie Griffith (nel 1992) in fuga rispettivamente dai bolscevichi e dai nazisti, entrambi svenuti durante l'epilogo. Le persone con identità diffuse spesso si rifugiano in esagerate rappresentazioni di genere, ed è poco femminile essere un adulto.

Quindi, quello che succede è che all'inizio di un programma di formazione, quando gli studenti stanno ancora provando a percepire la professione, tutti sono preoccupati per la competenza, e gli studenti più fragili si lamentano di essere stati fatti sentire incompetenti. I "terapisti" si prendono cura di loro aiutandoli a evitare la spiacevolezza di non sapere cosa stanno facendo ancora, ei letterati sono consapevoli che sarebbero visti come pesci terribilmente freddi se dicessero: "Aspetta un minuto; Pensavo che fosse una scuola di specializzazione. Perché ci comportiamo come un rifugio per l'infanzia in un uragano? "Il gruppo si concentra intorno a lenire e demonizzare l'eccellenza come irraggiungibile o fonte di auto-valutazione dolorosa.

Se gli amici svengono alla vista del sangue, meritano la tua comprensione solo se non sono chirurghi, EMT e così via. Se i terapeuti non riescono a distinguere la critica dall'ostilità, la rabbia dalla violenza, l'eccitazione dalla mania, l'affetto dal sesso o la forza dal fascismo, hanno bisogno di trovare un'altra linea di lavoro.

Solutions Collecting From Web of "Come si spiegano i programmi di psicologia clinica"