Come si fanno amici quando si è single?

Parte 1: porre la domanda e chiedere i tuoi suggerimenti

Una volta ho insegnato un corso di estensione sul single vivente. Della dozzina che si iscrisse al corso, molti erano in pensione. Hanno avuto un'età compresa tra gli anni '80. Quando ho chiesto loro, il primo giorno, di presentarsi parlando delle loro vite singole, non sapevo cosa aspettarmi.

Uno dopo l'altro, i primi 11 studenti hanno descritto per la maggior parte quanto fossero orgogliosi di essere single e quanto apprezzassero la loro indipendenza. Alcune persone hanno persino deriso dolcemente alcune delle persone che sapevano che non avrebbero mai viaggiato o che sarebbero entrati in un ristorante informale da soli. Molti di loro avevano persone importanti nella loro vita che amavano vedere (due degli uomini della classe sembravano già essere buoni amici) e apprezzarono anche il tempo che avevano per loro stessi. Certo, hanno anche espresso alcune ambivalenze e indicato alcune sfide. Per la maggior parte, però, sembravano essersi sistemati comodamente nelle loro singole vite.

Poi è stato il turno dell'ultima persona a parlare. Ha detto che ha odiato essere single. No, lei HA DISPERSO. Perché? Perché lei era annoiata.

Non era una delle persone più anziane della classe, e sembrava essere in ottima salute, ma non lavorava più – non aveva bisogno di soldi. Anche a lei non piaceva la TV. Adorava leggere e ne faceva molto, ma non era abbastanza. Si è anche iscritta a un certo numero di attività di volontariato, e non le dispiaceva, ma non le ha trovate così significative.

Ho riflettuto molto su di lei nell'intervista, ed ero molto ansioso di rivederla. Per cominciare, volevo ringraziarla per la sua onestà. Deve essere stato difficile per lei dire quanto odiasse la sua vita da single dopo che il professore e altre 11 persone si fossero macchiate del loro. Ma non è mai tornata in classe.

Vide il suo problema come single, e forse lo era davvero. La mia ipotesi, tuttavia, era che, a prescindere dal fatto che fosse mai stata seriamente coinvolta con un partner romantico, sarebbe stata molto più felice della sua vita se avesse avuto alcuni amici intimi. Mi sono anche chiesto se non fosse abbastanza sicura di come fare amicizia.

È stato qualche anno fa, ma ultimamente ho pensato a lei per via di una e-mail che ho ricevuto da Karl, un lettore di "Living Single". Karl ha detto che sua madre, che ha 55 anni, vorrebbe avere alcuni amici intimi. In molti modi, è molto diversa dalla donna della mia classe. Karl la descrisse come una persona che "lavora in un ufficio, è estremamente popolare, fa un ottimo lavoro, e scrive e si diverte anche con film, sport, libri, ecc." Ha molte conoscenze, ma quello che brama sono "veramente buoni amici. ”

Quindi come fai a diventare amici intimi quando sei single, soprattutto quando non hai più 19 anni?

Devo ammettere che non è una domanda facile per me rispondere. Non mi piace pensare di fare degli amici come qualcosa su cui ti stai allenando. Sembra che dovrebbe accadere solo naturalmente. Ma certo, non sempre.

Ho letto pile di documenti accademici sull'amicizia. Posso (e forse lo farò, nel prossimo post) parlarvi del tipo di condizioni che rendono più probabile lo sviluppo di un'amicizia. Posso anche parlarvi di alcune mie esperienze personali e dei libri che ho letto sulle amicizie strette di altre persone. Ma non sono sicuro che tutto ciò aggiungerà una serie di risposte totalmente soddisfacenti.

Quindi, come primo passo, nel tentativo di rispondere a questa domanda, lascia che ti lanci aperto. Quali sono i tuoi suggerimenti per fare amicizia? Non solo amici occasionali, ma amici vicini.

Ecco la parte 2.

************
Su un tema non correlato, com'è questo per un grande tributo ai lettori di "Living Single": Scott Barry Kaufman, un collega blogger di Psychology Today, ha recentemente scritto di un commento pubblicato in questo saggio "Living Single". Scott ha descritto una serie di studi pubblicati che mostrano che la persona che ha pubblicato il commento era esattamente giusta! Grazie, Scott, e grazie ancora a tutti i lettori di "Living Single".

  • Dale McGowan su Rational Thinking and Emotional Wellbeing
  • Il nostro DNA è la nostra identità?
  • Lacrime di gioia, lacrime di dolore
  • Può Upskirting essere avvincente?
  • Vuoi essere creativo? Lascia fantasticare la tua mente
  • 4 modi potenti per "impostare la visione" per la giornata della tua famiglia
  • Uomini: sei solo bello come l'auto che stai guidando.
  • Calcio: incoraggia gli abusi domestici?
  • Questa tazza viene con tette o palle?
  • È la stagione per rimanere calmi
  • Come ti nutrisci una volta che i bambini sono andati via?
  • Come possono le coppie essere amici con altre coppie?
  • Lezioni per tutti noi di uno psicologo sportivo
  • Suffocation Roulette e giochi di soffocamento infantile
  • Tecnologia: relazioni 2.0: come la tecnologia ridefinisce il modo in cui ci connettiamo
  • Man up Roethlisberger, era solo una commozione cerebrale
  • Robin Hood: resilienza nei Green Tights
  • Fobie di pollo e altri argomenti di preoccupazione
  • Coliberation
  • La natura della critica
  • Non discutere Deepak Chopra
  • Leadership ed efficacia organizzativa
  • Quali sono gli effetti dei bambini sui padri?
  • Vivere sotto le luci della ribalta e il punto debole della superfluidità
  • Confluenza, Unità e Coliberazione
  • Sei cronicamente in ritardo? 8 suggerimenti per presentarsi in orario
  • "S-hole" di Trump: cosa dire ai nostri figli?
  • Segreti sorprendenti e ben tenuti sui padri
  • Gli uomini si sistemano. Le donne si immedesimano.
  • L'anatomia di una commozione cerebrale
  • Quattro modi per iniziare la tua settimana di lavoro nella parte superiore del tuo gioco
  • Perché la cultura americana è tormentata dall'ansia, due buone ragioni
  • Harry Potter, Quidditch e l'American University
  • The Toolbox of Self-Deception, Parte II
  • I Resteghinis implacabili e infuriati
  • Perché l'obesità si oppone a un esercizio moderato