Come scimmie emozionali intelligenti non siamo soli, quindi superiamolo

Stamattina stavo sfogliando il New York Times e un saggio del famoso primatologo Frans de Waal intitolato "Cosa ho imparato dalle scimmie solleticanti" attirò la mia attenzione. Mi è piaciuto leggerlo e sono d'accordo con gran parte di ciò che scrive. E, in molti modi, resto sorpreso che lui, altri ricercatori, e io riscrivi lo "stesso vecchio stesso vecchio" perché sembra che ci siano ancora degli scettici – anche se il numero sta diminuendo – anche quando scriviamo delle vite cognitive ed emotive di animali non umani (animali) con grande cura e prestare attenzione a ciò che la ricerca scientifica ha scoperto.

Il saggio del Dr. de Waal è disponibile online, quindi ecco alcuni suggerimenti su cosa pensare. Dopo aver scritto della reazione di uno scimpanzé giovanile all'essere solleticato e alle risate che lo accompagnano, entra in una discussione sui presunti mali di "essere antropomorfo". Il dott. De Waal scrive, secondo alcune persone, "Gli animali non hanno" sesso ", ma si impegnano in un comportamento riproduttivo. Non hanno "amici", ma partner di affiliazione preferiti. "

In un precedente saggio ho notato che c'è spesso un doppio discorso sulle accuse di antropomorfismo. Ho usato l'esempio di Ruby, un elefante africano di quarantatre anni che vive allo zoo di Los Angeles. Nell'autunno del 2004 Ruby era stato rispedito allo zoo di Los Angeles dallo zoo di Knoxville nel Tennessee perché le persone che avevano visto Ruby a Knoxville si sentivano solo e tristi. Le discussioni che seguirono chiarirono che alcune persone ritenevano che fosse antropomorfico affermare che Ruby era solo e triste, ma che era perfettamente giusto dire che era felice. Doppia conversazione al suo meglio.

La parola "F", amici

Che mi dici delle amicizie tra non umani? Naturalmente, i non umani formano amicizie profonde e durature con membri della stessa specie e di altre specie. Uno dei migliori esempi, ovviamente, è il legame tra animali da compagnia (animali domestici AKA) e umani. A causa delle loro riserve sull'affermare che gli animali formano amicizie, gli scettici spesso mettono la parola tabù "F", amici, tra virgolette per riflettere la loro incertezza. Quindi, l'uso di "amici" significherebbe che due cani o due gatti che chiameremmo amici o amici di sesso maschile stanno semplicemente agendo come se fossero amici, ma non sappiamo davvero se è così. Sicuramente, chiunque abbia vissuto con più di un cane o gatto o ratto, per esempio, o chi ha fatto ricerche sul campo a lungo termine su animali sociali, sa che formano amicizie profonde e significative.

"Castrazioni linguistiche"

Il dott. De Waal prosegue scrivendo: "Considerato quanto parziale sia la nostra specie per le distinzioni intellettuali, applichiamo tali castrazioni linguistiche ancora più vigorosamente nel dominio cognitivo. Spiegando l'intelligenza degli animali come un prodotto dell'istinto o dell'apprendimento semplice, abbiamo mantenuto la cognizione umana sul suo piedistallo con il pretesto di essere scientifica. Tutto si riduce ai geni e ai rinforzi. "Sì, molte persone sono preoccupate che stiamo rendendo gli altri animali" troppo intelligenti ". Tuttavia, sinceramente, non so cosa significhi. Una solida ricerca empirica ha portato alla luce numerose "sorprese" sulle capacità cognitive degli animali non umani.

Inoltre, i confronti tra specie diverse su come gli individui intelligenti di una specie sono rispetto ad altri sono pieni di errori perché gli individui fanno quello che fanno per essere membri portatori di carte della loro specie. Lungo queste linee, il dott. De Waal scrive: "Quanto è probabile che l'immensa ricchezza della natura si adatti a una singola dimensione? Non è più probabile che ogni animale abbia una propria conoscenza, adattata ai propri sensi e alla propria storia naturale? … Invece di una scala, siamo di fronte a un'enorme pluralità di cognizioni con molti picchi di specializzazione. "Confrontare i membri della stessa specie potrebbe essere utile in termini di modi in cui le persone apprendono abilità sociali o la velocità di apprendere compiti diversi, ma il paragone tra cani e cani, maiali o umani, per gli scimpanzé, dice poco di importanza.

Il dott. De Waal ritorna alle accuse di antropomorfismo mentre attraversa il suo saggio e osserva: "Questa accusa funziona solo a causa della premessa dell'eccezionalismo umano. Radicato nella religione ma che permea vaste aree scientifiche, questa premessa non è in linea con la moderna biologia evolutiva e la neuroscienza. I nostri cervelli condividono la stessa struttura di base con altri mammiferi – nessuna parte diversa, gli stessi vecchi neurotrasmettitori "(per favore vedi anche" Menti animali e la debolezza dell'eccezionalismo umano "). Osserva anche, "I cervelli sono in effetti così simili su tutta la linea che studiamo la paura nell'amigdala del ratto per trattare le fobie umane. Questo non significa che la pianificazione di un orangutan sia dello stesso ordine con cui io annuncio un esame in classe e che i miei studenti si stiano preparando per questo, ma in fondo c'è continuità tra entrambi i processi. Questo si applica ancora di più ai tratti emotivi. "

Il dott. De Waal ha introdotto il termine "antropodeniale", che si riferisce al rifiuto a priori di tratti umani in altri animali o tratti simili agli animali in noi. "Continua a scrivere:" L'antropomorfismo e l'antropologia sono inversamente correlati: più vicina un'altra specie è per noi, più antropomorfismo aiuta la nostra comprensione di questa specie e maggiore sarà il pericolo di antropomeni. Viceversa, più lontana è una specie da noi, maggiore è il rischio che l'antropomorfismo proponga delle discutibili somiglianze che si sono verificate indipendentemente. Dire che le formiche hanno "regine", "soldati" e "schiavi" è una semplice stenografia antropomorfica senza una grande connessione con il modo in cui le società umane creano questi ruoli. "Questo è un modo molto ragionevole per incassare tutto.

Quindi, cosa significa tutto questo?

Secondo il dott. De Waal, "Le barriere linguistiche ingiustificate frammentano l'unità con cui la natura ci presenta. Le scimmie e gli umani non hanno avuto abbastanza tempo per evolvere in modo indipendente un comportamento quasi identico in circostanze simili. Pensa a questo la prossima volta che leggi la pianificazione delle scimmie, l'empatia dei cani o l'auto-consapevolezza degli elefanti. Invece di negare questi fenomeni o ridicolizzarli, faremmo meglio a chiedere "perché no?". Egli nota anche che una delle ragioni per cui i dibattiti sono così accesi è a causa delle loro implicazioni morali.

Per molte persone, ciò che stiamo imparando sulle vite cognitive ed emotive di altri animali deve essere usato a loro nome, per proteggerli dall'abuso volontario in un mondo sempre più dominato dall'umano in cui miliardi e miliardi di non umani sono abitualmente e orribilmente abusato. E, mentre stiamo facendo progressi, è molto spiacevole che la Legge federale sul benessere degli animali degli Stati Uniti non riconosca ancora molto di ciò che sappiamo sugli animali più comunemente usati nella ricerca invasiva. Questo atto piuttosto zoppo, inoltre, non riconosce ratti e topi come "animali". Nessuno scherzo.

Abbiamo ancora molta strada da fare prima che i non umani ricevano la protezione che meritano tanto bene, tuttavia negare ciò che sappiamo sulla vita cognitiva ed emotiva dei non umani è una cattiva abitudine. Sicuramente possiamo fare molto meglio, e sicuramente dovremmo esigere che coloro che scrivono leggi per proteggere altri animali e coloro che li usano per il cibo, l'abbigliamento, la ricerca e l'intrattenimento, e coloro che scelgono di condividere le loro case con loro, usano cosa conosciamo questi esseri affascinanti. Certo, dobbiamo anche prenderci molto più cura degli animali selvatici e delle loro case. Spero che il saggio del Dr. de Waal ci renda tutti e ripensiamo a chi siamo e chi "loro", altri animali, e ci consentano di agire tutti in questo momento. Hanno bisogno di tutto l'aiuto che possono ottenere.

Gli ultimi libri di Marc Bekoff sono la storia di Jasper: Saving Moon Bears (con Jill Robinson), Ignorando la natura non di più: il caso di conservazione compassionevole, perché i cani e le api vengono depressi: l'affascinante scienza dell'intelligenza animale, le emozioni, l'amicizia e la conservazione, Rewilding Our Hearts: Costruire percorsi di compassione e convivenza, e The Jane Effect: Celebrando Jane Goodall (edita con Dale Peterson). (Homepage: marcbekoff.com; @MarcBekoff)

Solutions Collecting From Web of "Come scimmie emozionali intelligenti non siamo soli, quindi superiamolo"