Come sapere quando ascoltare la paura e quando sfidarla

Paura. Tutti lo sperimentano. È l'emozione umana più basilare, una funzione del nostro cervello di rettile. È lì per avvisarci quando siamo in pericolo – per tenerci al sicuro. A volte, tuttavia, la paura ci ostacola. Mentre istintivamente ci protegge per proteggerci, la paura a volte può dirci che non è sicuro procedere quando in realtà, potrebbe essere saggio procedere. In questo modo, la paura può sembrare un ostacolo per vivere la vita che vogliamo vivere. Quando rispettare la paura e la schiena e quando sfidare e superare la paura – a volte è difficile saperlo.

Viviamo in una cultura che detesta la paura. La paura è debolezza. Riceviamo importanti punti di auto-aiuto quando combattiamo la nostra paura e "facciamo lo stesso". Abbiamo fatto paura a un nemico. Se abbiamo paura, contro-intuitivamente, dobbiamo fare la cosa che ci spaventa. Non c'è niente di peggio di essere qualcuno che lascia che la paura li controlli. Ma in verità, siamo spesso controllati dalla paura anche quando stiamo combattendo.

C'è un modo più salutare di guardare alla paura. Nel processo, è importante stabilire alcune linee guida per quando mettere in discussione la paura e quando onorarla – quando dovremmo costringerci a fare la cosa che ci fa paura e quando dovremmo permettere alla paura di essere la nostra saggia guida.

Ragioni salutari per spingere / sfidare la paura:

1. Quando il guadagno supera il dolore.

Io personalmente faccio qualcosa ogni pochi mesi che mi spaventa. Non importa quante volte lo faccio, mi fa sempre paura. È una cosa molto difficile da fare e non sembra mai essere più facile. Eppure, il senso di empowerment e forza che provo come risultato di farlo vale sempre il dolore della paura. Avendolo vissuto tante volte, lo so, andando verso la paura, che mi sentirò meravigliosa con me stesso dall'altra parte. So anche che la paura si alleggerirà una volta che mi trovo all'interno del compito, e che mi sentirò di nuovo contento di aver camminato attraverso il fuoco della paura e di darmi il dono dell'empowerment.

2. Quando non siamo disposti a rinunciare alla cosa di cui abbiamo paura.

Una mia amica ha terribilmente paura di guidare con i suoi bambini in macchina. Nonostante abbia guidato con loro per nove anni, la paura non è mai scomparsa. Tuttavia, non è disposta a smettere di guidare i figli alle loro attività, né a rinunciare alle vacanze in famiglia che comportano la guida. Essere in grado di guidarli significa partecipare alla loro vita e questo è qualcosa che lei non è disposta a sacrificare. Per questo motivo, spinge la paura ogni giorno, facendo la scelta consapevole di non lasciare che la paura porti via qualcosa che è estremamente importante per lei.

3. Quando vogliamo essere liberi di fare le cose che vogliamo fare e non vogliamo essere controllati dalla paura.

Sembra spiacevole voler fare qualcosa ma non essere in grado di farlo … a causa della paura. Se è così, è sano provare a capire la paura, ma anche provare a superare la paura. Il desiderio di essere liberi è anche un istinto di autoprotezione e di affermazione della vita, e uno che presenta una buona ragione per resistere alla paura.

Quando ascoltare la paura e (possibilmente) smettere di fare ciò che ci fa impaurire:

1. Dimostrare (ancora una volta) che possiamo spingere attraverso la paura.

Se stiamo facendo qualcosa che ci fa continuamente paura, ma continuiamo a farlo per mostrarci che possiamo combattere attraverso la paura, potremmo prendere in considerazione di fermarci. Fermare il comportamento che ci fa paura non è la stessa cosa che cedere alla paura. Piuttosto, è riconoscere che mentre possiamo fare questa cosa spaventosa (e lo abbiamo dimostrato), possiamo anche scegliere di non farlo. Scegliere di non fare qualcosa (una volta che sappiamo di poterlo fare) è spesso la scelta più forte e più salutare. Piuttosto che dimostrare implacabilmente, credendo che stiamo diventando più forti, dobbiamo fare le domande più grandi: "Perché non credo di poterlo fare, non importa quante volte provo che posso?" "Perché non mi lascio 'qualcuno' che può fare questo? "" Cosa provo davvero di me stesso riuscendo a farlo? "E infine," Qual è il rischio se dovessi lasciarmi smettere di farlo? "La vera forza è quando ci fermiamo dover dimostrare che siamo forti.

2. Dimostrare un'identità.

Se stiamo facendo qualcosa che ci rende ansiosi per dimostrare che siamo un certo tipo di persona. Un ex cliente ha fatto una casa condivisa negli Hamptons ogni estate perché voleva "essere" una persona cool e socialmente alla moda. Il problema era che lei lo odiava, ogni estate, e l'esperienza generò un'ansia tremenda che durò per tutto l'anno. Nonostante l'ansia, essere "il tipo di persona che è stato in estate negli Hamptons" è stata una parte importante dell'impalcatura su cui è stata costruita la sua identità.

Se sentiamo di dover continuare a provare questa versione di noi stessi, possiamo sempre onorare la paura trovando modi meno ansiosi di dire la stessa cosa di noi stessi. Tuttavia, il fatto che ci sentiamo così ansiosi su di esso è una bandiera rossa che potremmo in realtà non essere questo tipo di persona. Indipendentemente da ciò, è necessaria un'ulteriore auto-indagine. Perché è così importante essere visti come questo tipo di persona? Se siamo questo tipo di persona, allora che tipo di persona vuol dire che non lo siamo? E inoltre, perché non crediamo che saremo conosciuti come tali senza dimostrarlo attivamente?

3. Quando il rischio non vale la ricompensa.

A volte il pericolo che la paura ci sta allertando è uno di cui abbiamo davvero bisogno di prestare attenzione. A volte il rischio non vale il potenziale profitto. Lo scorso fine settimana ho visto un istruttore di equitazione dire a una giovane donna di salire su un cavallo e mostrare a un gruppo di top rider "come è fatto". Essendo stato in quel punto, sapevo che alla giovane donna veniva offerta un'enorme opportunità per dimostrarla strisce, per mostrare a tutti che lei era davvero la ragazza "It". È stata anche l'occasione per dimostrare a se stessa che avrebbe potuto raccogliere la sfida e consegnare una monetina. Le potenziali ricompense per la sua identità e autostima erano enormi. Eppure, ho potuto vedere che c'era anche la paura. Non aveva un berretto da caccia e cosa succederebbe se accadesse qualcosa di imprevisto. Paura contro fama. Il risultato: ha rifiutato l'invito. Il vantaggio per la sua identità non valeva il rischio di lesioni gravi. La paura era lì per un motivo. Mentre la sua scelta non era certamente senza perdita, onorava la paura come il protettore che in questo caso era.

Come rispondere alla paura è diverso in ogni caso. Ciò che è importante è che non reagiamo automaticamente alla paura né facendo ciò che ci spaventa o non facendolo. La paura è solo una luce di avvertimento, lì per avvertirci che abbiamo bisogno di indagare più profondamente in noi stessi. A volte scopriamo che il nostro vantaggio crescente è quello di andare avanti, dentro e attraverso la paura e, a volte, scopriamo che dobbiamo fermarci. Come usiamo la paura – come mezzo per crescere e diventare più consapevoli di sé … questo è in definitiva ciò che conta.

Solutions Collecting From Web of "Come sapere quando ascoltare la paura e quando sfidarla"