Come sai di avere a che fare con uno psicopatico

Nel corso degli anni, i neurobiologi hanno identificato diversi fattori altamente correlati o associati a comportamenti violenti nelle persone:

  • Innanzitutto, l'incapacità di sviluppare adeguati meccanismi di coping nell'infanzia è associata a comportamenti violenti più avanti nella vita.
  • In secondo luogo, l'abbandono e / o l'abuso da parte dei caregiver durante l'infanzia è collegato a un aumento del rischio di violenza negli adulti.
  • In terzo luogo, l'abuso di sostanze (alcol e droghe) è altamente correlato con l'aumento dell'aggressività e della violenza negli adolescenti e negli adulti.
  • In quarto luogo, i neurologi hanno collegato il trauma cerebrale infantile – a causa di gravi lesioni alla testa – a comportamenti violenti in età adulta.
Kiselev Andrey Valerevich/Shutterstock
Fonte: Kiselev Andrey Valerevich / Shutterstock

Ognuna di queste correlazioni di violenza, o fattori che si trovano spesso in combinazione con esso, è stata osservata tra criminali violenti e assassini nel corso degli anni. Sebbene questi fattori siano scientificamente legati al comportamento violento, nessuno di essi, individualmente o collettivamente, dovrebbe essere considerato sufficiente o addirittura necessario affinché un individuo diventi violento.

Gli psicologi forensi hanno scoperto che alcuni tratti chiave del comportamento violento sono molto coerenti con un disturbo di personalità antisociale noto come psicopatia . Questo disturbo si manifesta in alcuni tratti e caratteristiche comportamentali distinti e problematici.

La psicopatia non è classificata come malattia mentale dall'American Psychiatric Association (APA). La quinta edizione del Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM-5), pubblicato dall'APA nel 2013, elenca la psicopatia sotto il titolo di Disturbi della Personalità Antisociale (ASPD).

L'APA stima che circa l'uno per cento della popolazione adulta negli Stati Uniti sia psicopatico. In generale, gli psicopatici sono intelligenti, disinvolti e affascinanti e usano questi attributi per manipolare gli altri in cui credono e credono in essi. Poiché spesso hanno forti capacità interpersonali, gli psicopatici possono presentarsi in modo abbastanza favorevole ad una prima impressione e spesso funzionano con molto successo nella società.

Tuttavia, un certo numero di atteggiamenti e comportamenti comuni agli psicopatici sono di natura chiaramente predatori : tendono a considerare gli altri come predatori o prede competitivi. Quando gli psicopatici considerano gli altri come preda , la loro mancanza di sentimento e legame con gli altri fornisce loro una chiarezza inusuale nell'osservare il comportamento delle vittime designate. Inoltre, non diventano ingombri dalle ansie e dalle emozioni che altre persone sperimentano negli incontri interpersonali.

Gli psicopatici non sono in grado di formare attaccamenti emotivi o provare una vera empatia con gli altri, nonostante le loro personalità disarmanti o persino affascinanti. La psicopatia è il più pericoloso dei disturbi della personalità antisociale perché gli psicopatici sono molto manipolatori e possono facilmente guadagnare la fiducia delle persone. Imparano a imitare le emozioni, nonostante la loro incapacità di sentirle realmente, e appaiono normali alle persone ignare. Gli psicopatici sono spesso ben educati e occupano un posto fisso. Alcuni sono così bravi nel manipolare e nel mimetizzare che hanno famiglie e altre relazioni a lungo termine, e quelli intorno a loro non sospettano mai la loro vera natura.

Quando commettono crimini, gli psicopatici pianificano attentamente ogni dettaglio in anticipo e spesso hanno piani di emergenza in atto. I criminali psicopatici tendono ad essere freddi, calmi e meticolosi. Fanno pochi errori e non vengono mai annullati dalle loro emozioni.

Non sorprendentemente, gli psicopatici sono sovrarappresentati tra i serial killer. Quando uno psicopatico diventa un serial killer, molto probabilmente verrà trovato tra gli assassini "organizzati" dell'FBI, che tendono a essere pianificatori meticolosi ea sangue freddo. Lo psicopatico affascinante e imperturbabile Ted Bundy è un classico esempio di serial killer in bilico, articolato e altamente organizzato.

Si ritiene che la psicopatia sia il risultato di "natura" (genetica) piuttosto che "educazione" (ambiente). Secondo David Lykken, un genetista comportamentale noto per i suoi studi sui gemelli, la psicopatia è legata a un difetto fisiologico che si traduce nel sottosviluppo della parte del cervello responsabile del controllo degli impulsi e delle emozioni.

Come risultato di questo disturbo, gli psicopatici sono incapaci di empatia e incapaci di creare legami emotivi con nessuno. Ironia della sorte, e spaventosamente, è la strana abilità degli psicopatici di imitare l'empatia con gli altri che li rende particolarmente pericolosi e vittoriosi serial killer. Dato che sono così disarmanti e apparentemente non minacciosi, il predatore psicopatico ci fa abbassare la guardia e ci mette più rischi della loro brutalità.

Esamino l'intenso fascino del pubblico nei confronti di famigerati e mortali serial killer, tra cui David Berkowitz ("Figlio di Sam") e Dennis Rader ("Bind, Torture, Kill"), con cui personalmente ho corrisposto, nel mio libro, Why We Love Serial Killers: il curioso appello degli assassini più selvaggi del mondo .

In un libro in uscita, provvisoriamente intitolato Women We Love to Hate: Jodi Arias, Pamela Smart, Casey Anthony e altri , esploro l'intenso fascino delle donne assassine e perché sono demonizzate dai media e da gran parte del pubblico. Più specificamente, esaminerò i processi sociali che trasformano certe femmine attraenti, giovani, bianche, accusate di omicidio in mostri celebrità di alto profilo.

Dr. Scott Bonn è professore di sociologia e criminologia presso la Drew University. È disponibile per consulenze specialistiche e commenti sui media. Seguilo @DocBonn su Twitter e visita il suo sito web docbonn.com

Solutions Collecting From Web of "Come sai di avere a che fare con uno psicopatico"