Come rispondere quando il trauma è rivelato

Visualizza immagine | gettyimages.com

Fare domande ai clienti sulle esperienze passate o presenti di trauma, abuso o negligenza è diventato una parte standard delle fasi di assunzione e valutazione della maggior parte delle pratiche di trattamento della salute mentale. I clinici comprendono l'importanza di raccogliere tali informazioni e riconoscono i modi in cui il trauma influisce sui successivi pensieri, sentimenti e scelte comportamentali dei loro clienti. I professionisti della salute mentale che lavorano con i sopravvissuti al trauma si preoccupano profondamente del benessere dei loro clienti e lavorano duramente per stabilire rapporti terapeutici che non siano giudicati giudiziosi e sicuri.

Eppure, nei loro momenti più onesti, molti terapeuti ammettono che porre domande intime può essere difficile. Quando i clienti trovano il coraggio di rivelare il loro trauma, i terapeuti non hanno necessariamente imparato molto su come rispondere al meglio. Il consiglio che sto offrendo non vuole essere formulato, ma nella mia esperienza sembra dare ai clienti una sensazione di sollievo e conforto dopo che sono stati resi noti. Ecco alcuni suggerimenti su come rispondere.

La cosa più importante è l'autenticità e la sincerità del terapeuta.

  • "Grazie per avermi affidato abbastanza per condividere una storia così personale e difficile"
  • "Apprezzo il coraggio che ci è voluto per condividerlo con me."
  • "Voglio che tu sappia che quello che è successo non è stata colpa tua. Hai fatto tutto ciò che dovevi fare per sopravvivere. "
  • "Mi dispiace molto che tu sia stato ferito / maltrattato / danneggiato".
  • "Ti meriti supporto. Ti meriti un testimone per il tuo dolore. Ti meriti di imparare le strategie che possono aiutarti a guarire. "
  • "Non sei solo. Non devi essere solo nella tua guarigione. "
  • "Hai appena fatto il primo passo. Sarebbe il mio privilegio aiutarti a fare il prossimo. "

Queste risposte possono essere utili perché sono non giudicanti, compassionevoli e possono ridurre la vergogna. Offrono parole di conforto e scuse che la vittima probabilmente non ha mai sentito prima. Invece di dire "hai bisogno di aiuto", che può essere interpretato erroneamente come "c'è qualcosa che non va in te", dicendo "ti meriti il ​​sostegno", puoi potenziare il potenziamento e l'empowerment dell'ego. Dopo una qualsiasi di queste risposte iniziali, è ugualmente importante consentire il silenzio, in modo che tali messaggi possano essere assorbiti.

Può anche essere utile invitare il cliente a notare i pensieri, i sentimenti e le sensazioni corporee che sono stati evocati dalla divulgazione, in quanto tali esperienze devono essere validate e elaborate. Divulgare richiede un coraggio e una fiducia straordinari. Le risposte iniziali del terapeuta possono aiutare a preparare il terreno per l'elaborazione e la guarigione successive.

Quali risposte potresti avere per un cliente che rivela un trauma?

Solutions Collecting From Web of "Come rispondere quando il trauma è rivelato"