Come regolate le emozioni sotto stress?

Il regolamento delle emozioni ci calma quando siamo arrabbiati e ci prende quando ci sentiamo bassi. Ha due componenti principali: raggiungere il comfort interno (sentirsi meglio) e motivare un comportamento di successo. Se funziona come una sorta di termostato e un segnale di azione per negoziare l'ambiente. Ma, ahimè, è difficile da fare sotto stress.

Il cervello Toddler guidato dall'allarme – dove è probabile che ci ritiriamo sotto stress (vedi post) – è mal equipaggiato per calmarci o capire come negoziare l'ambiente. Con uno scarso sviluppo nel polo normativo della corteccia prefrontale, i bambini devono cercare una regolazione esterna delle proprie emozioni, di solito dai loro genitori. Questo a volte è difficile da fare nella loro lotta con la Grande Contraddizione Umana, dove la spinta all'autonomia (libertà e autosufficienza) compete con la spinta altrettanto forte alla connessione emotiva e alla fiducia. Anche se cercare conforto nella connessione sembra minacciare l'autonomia, il costo della disregolazione emotiva – sentirsi sopraffatti o fuori controllo – è intollerabile. La maggior parte dei bambini piccoli trova un modo per convincere i genitori a sentirsi meglio, sia per coercizione (irascibilità) sia per irresistibile carineria.

Gli adulti, abituati a ritirarsi nel cervello di Toddler sotto stress, sentono un bisogno simile di regolazione esterna delle emozioni. Dal momento che non sono più adorabili, probabilmente useranno critiche, controllo, abuso o seduzione per sentirsi temporaneamente più potenti, a costo di un benessere a lungo termine e di relazioni stabili.

La regolazione esterna delle emozioni è un'impresa non vincente, anche se la si fa attraverso la seduzione piuttosto che la coercizione. È troppo difficile regolare un sistema interno controllando le condizioni esterne. È come un termostato che cerca di mantenerlo a proprio agio nella stanza soffiando aria calda o fredda intorno al perimetro esterno dell'edificio.

Persistiamo in questo sfortunato compito perché il cervello di Toddler non è in grado di regolare i sentimenti con valutazioni di ciò che sta realmente accadendo nel mondo esterno. (Questo è come confondere il segnale di un allarme fumo con un fuoco acceso.) Né può regolare le emozioni con l'impegno per valori più profondi. (I valori – al contrario delle preferenze – sono una funzione del cervello adulto.) Non sorprende che la regolazione esterna delle emozioni sia stata collegata alla ricerca di problemi di depressione e rabbia, che sono entrambi reazioni ai sentimenti di impotenza.

Dove il dolore diventa sofferenza

Come sistema di allarme salvavita, il dolore ci tiene concentrati sull'angoscia, allo scopo di alleviarlo. Il dolore motiva il comportamento che aiuta a guarire, riparare o migliorare. Un dolore al piede, ad esempio, spinge a togliersi il rock, a ottenere scarpe più comode, a immergerlo in una vasca di acqua tiepida oa visitare un podologo.

Se non agiamo sulla motivazione per guarire-riparare-migliorare (o fallire nei nostri tentativi di farlo), l'allarme del dolore si intensifica e generalizza. Il mal di denti diventa dolore facciale; il piede dolorante sembra pulsare lungo tutto il lato del corpo. Quando il dolore si intensifica e si generalizza nel tempo, diventa sofferenza. La sofferenza si ripete nell'incapacità di agire con successo sulla naturale motivazione del dolore per fare qualcosa che guarirà, riparerà o migliorerà. Nel cervello Toddler, è più probabile che ci si concentri sull'allarme e si ignori la motivazione a guarire, riparare, migliorare. Nel cervello Toddler, il dolore diventa sofferenza.

Come la sua controparte fisica, il normale dolore psicologico (non causato da una malattia del cervello o da un disturbo grave) è localizzato all'inizio, di solito sotto forma di senso di colpa o ansia per qualcosa di specifico. Inoltre, come il dolore fisico, l'incapacità di agire sulla motivazione a guarire-riparare-migliorare intensifica e generalizza l'allarme. La colpa diventa vergogna (sentirsi inadeguata o difettosa) o depressione (non importa niente), e l'ansia diventa paura cronica o incapacità di rilassarsi, insonnia e ipervigilanza – aspettandosi il pericolo ovunque.

Quando si tratta di dolore emotivo, le scelte comportamentali che guariranno, ripareranno o miglioreranno sono più ambigue. Come il dolore psicologico generalizza, sembra riguardare l'io – una specie di auto-dolore. (Nel cervello di Toddler, tutto riguarda il senso emergente del sé.) Mentre l'allarme del dolore si intensifica, rafforza la concentrazione sulla nostra stessa angoscia, rendendoci ossessionati da se stessi. Alla fine ci identifichiamo con il dolore, in un'identità di vittima sottile o aperta. A quel punto, possiamo a malapena percepire il dolore di altre persone che non sembra corrispondere alla nostra esperienza. Questa intensa autoossessione rende l'allarme del dolore più forte e più generale, impedendo connessioni genuine che guariscono e promuovono la crescita.

Sperimentare la compassione per gli altri guarisce se stessi. Riceverla dagli altri è la guarigione solo nella misura in cui rende più facile sfuggire alla prigione dell'ossessione di sé per apprezzare, ammirare e simpatizzare con le difficoltà e la meravigliosa capacità di recupero delle altre persone. La compassione che diamo regola le nostre emozioni dolorose e rende superfluo il bisogno di manipolare o svalutare gli altri.

Copyright, Steven Stosny in Soar Above: Come utilizzare la parte più profonda del tuo cervello sotto qualsiasi tipo di stress 2014

Solutions Collecting From Web of "Come regolate le emozioni sotto stress?"