Come raggiungere i tuoi obiettivi creando un nemico

fizkes/Shutterstock
Fonte: fizkes / Shutterstock

DJ Khaled, il meme online di un solo uomo, è noto per mettere in guardia le sue decine di milioni di seguaci dei social media su un gruppo di criminali che chiama "loro".

"Non ti vogliono motivato. Non vogliono che tu sia ispirato ", spiega sulla macchina fotografica. "Non vogliono che tu vinca", avverte. Nello show di Ellen DeGeneres, ha invitato l'ospite: "Per favore, Ellen, stai lontano da loro!"

I "loro" invocati da Khaled sono chiaramente una forza sinistra. Ma chi sono ? Khaled ha offerto indizi quando ha detto a DeGeneres: "Sono le persone che non credono in te … Sono le persone che ti hanno detto che non avresti mai avuto uno spettacolo di Ellen".

Khaled sta facendo leva su un potente hack psicologico – capro espiatorio. Immaginando un cattivo che sta cospirando contro di noi, il capro espiatorio può essere un modo efficace per motivare noi stessi e cambiare il nostro comportamento. Naturalmente, come la storia ha dimostrato, possono accadere cose terribili quando le persone agiscono in base a teorie di cospirazione infondate. Ma a volte l'antidoto è nel veleno.

Khaled non è il primo ad usare la tecnica. In The War of Art, Steven Pressfield utilizza un'entità che definisce "Resistance" per descrivere la forza che cospirava contro la produzione creativa. "La maggior parte di noi ha due vite", scrive. "La vita che viviamo e la vita non vissuta dentro di noi. Tra i due stand Resistenza. "Ricorda ai suoi lettori," La resistenza è sempre la trama contro di te. "

L'autrice e game designer Jane McGonigal descrive un gruppo simile di cattivi nel suo libro SuperBetter . McGonigal incolpa i cattivi come "Mrs. Vulcano "e" Snuff the Tragic Dragon "quando perde la pazienza con i suoi figli o prova autocommiserazione.

Khaled, Pressfield e McGonigal sanno che "loro", "Resistenza" e "cattivi" non esistono realmente. Per Khaled, è lo scherzo che alimenta il meme. Se Khaled dovesse puntare il dito contro un vero gruppo di persone intente a sabotarlo, diciamo, come gruppo etnico o entità corporativa, il suo capro espiatorio non sarebbe divertente – sarebbe malizioso.

Cause corrette

Per capro espiatorio produttivo funzionare, è importante non assegnare la colpa a qualcosa o qualcuno troppo specifico; se lo facciamo, ci sottrarremo alle nostre responsabilità di cambiare le nostre azioni.

Invece, abbiamo bisogno di trovare le cause alla base dei nostri comportamenti, il che richiede di porre domande difficili, soprattutto perché la nostra intuizione è spesso sbagliata. Forse non binge su junk food o video di YouTube per il piacere di ciò che stiamo consumando, ma a causa di problemi più profondi che ci consumano. Forse il vero motivo per cui permettiamo ai nostri telefoni di interrompere la cena non è che siamo dipendenti dai nostri telefoni, ma che siamo dipendenti dal lavoro.

Una volta identificati i nostri comportamenti autodistruttivi, la prossima sfida è implementare un cambiamento, che può essere difficile se pensiamo che ciò che ci sta accadendo è al di fuori del nostro controllo. In queste situazioni è facile sentirsi impotenti e rinunciare. È qui che il capro espiatorio può essere usato a nostro vantaggio. Indirizzando la nostra rabbia e le nostre ansietà ad un invisibile, le forze che lavorano contro di noi sembrano più tangibili, e così sentiamo di avere più potere di combatterle.

Solo impotente se pensi di essere

Diversi studi recenti hanno osservato una forte connessione tra il modo in cui pensiamo alla nostra capacità di agire e il nostro follow-through. Ad esempio, per determinare in che modo le persone si sentono a proprio agio per quanto riguarda le loro voglie di sigarette, droghe o alcol, i ricercatori amministrano un sondaggio standard chiamato Craving Beliefs Questionnaire (CBQ). La valutazione è modificata per il farmaco di scelta del partecipante, ma in genere presenta affermazioni come "Una volta che inizia la brama … Non ho alcun controllo sul mio comportamento" e le voglie "sono più forti della mia forza di volontà". Come le persone valutano queste affermazioni dice ai ricercatori quanto sia potente o impotenti si sentono di fronte alla loro tentazione. Punteggi più bassi rivelano che i soggetti credono di avere più controllo, mentre i punteggi più alti sono in correlazione con le persone che credono che le droghe o altre compulsioni li controllino.

Uno studio del 2010 sugli utilizzatori di metamfetamine nel Journal of Substance Abuse Treatment ha concluso che le persone con bassi punteggi CBQ avevano più probabilità di rimanere sobri e che i partecipanti i cui punteggi diminuivano nel tempo – indicando che si sentivano più potenti col passare del tempo – avevano aumentato le probabilità di astinenza . Uno studio sui fumatori di sigarette pubblicato nel 2014 ha trovato risultati simili: i fumatori che hanno più probabilità di cadere dal carro dopo aver smesso sono quelli che credevano di non poter resistere.

La logica non è sorprendente – se crediamo di essere impotenti, non proviamo nemmeno a non fallire – ma la portata dell'effetto è notevole. Uno studio del 2015 sul Journal of Studies on Alcohol and Drugs ha scoperto che le persone che credevano di essere impotenti a combattere le loro voglie erano molto più propense a bere di nuovo. In effetti, le credenze di impotenza determinarono se qualcuno avrebbe ricaduto dopo il trattamento tanto quanto il livello di dipendenza fisica stessa.

Abbracciando il nemico

Oltre a farci sentire più potenti, il capro espiatorio può sfruttare i nostri istinti per resistere alle minacce alla nostra libertà e autonomia, un fenomeno che gli psicologi chiamano reattanza . Ad esempio, quando il tuo capo ti controlla in modo paternalistico, potresti sentirti scadente e decidere di fare il contrario, di "attaccarlo all'uomo". Il capro espiatorio usa il potere della reattanza verso fini produttivi. Se pensiamo che qualcuno o qualcosa stia cospirando contro di noi, è più probabile che lavoriamo di più per dimostrare che hanno torto.

La reattività reattiva è stata utilizzata con successo negli sforzi per la salute pubblica, come la campagna antifumo della verità, che ha cercato di attirare i liceali ribelli (che provano reattività nei confronti di quasi tutti). Invece di mostrare conseguenze lontane come enfisema e polmoni neri, la campagna della Verità ha eliminato il sangue e ha invece dipinto l'industria del tabacco come un gruppo di cretini intriganti. In un annuncio, gli attivisti tentano di consegnare un caso contrassegnato come "rivelatore di bugie" al quartier generale di una compagnia di tabacco e vengono immediatamente cacciati. In un altro punto, i personaggi dei cartoni animati interrompono i fumatori ad una festa urlando "È una trappola!"

Possiamo applicare gli stessi metodi per usare un capro espiatorio attento per aumentare la nostra motivazione. Se immaginiamo una forza che lavora contro di noi, è più probabile che ci infiamma, resistiamo alle nostre tentazioni e lavoriamo più duramente per raggiungere i nostri obiettivi.

Certo, in realtà siamo solo noi contro di noi . Ma per le volte in cui non vogliamo ammetterlo, fornendo un chiaro nemico da ribellarsi – un "loro" che non vuole che tu lasci quel biscotto extra nel piatto o torni a scrivere quel post sul blog – puoi aiutaci a raccogliere la tenacia di cui abbiamo bisogno per avere successo. Anche se, in realtà, quel "loro" risiede in ognuno di noi.

Ecco il succo:

  • Se usato correttamente, il capro espiatorio può essere un potente strumento per resistere alla tentazione e attenersi a obiettivi difficili. Può anche essere pericoloso e ritorcersi contro se usato in modo errato.
  • Assegnare la colpa è una sorta di meccanismo di difesa psicologica che ci libera da sentimenti spiacevoli quando accadono cose brutte che sono fuori dal nostro controllo, o quando non vogliamo accettare di essere responsabili dei nostri stessi problemi.
  • Non si può fare nulla quando accadono cose brutte a causa di circostanze che sfuggono al nostro controllo. Ma siamo spesso più potenti di quanto pensiamo di essere quando si tratta del nostro comportamento. Gli studi hanno scoperto che le persone che credono che le tentazioni li controllino sono molto più inclini a cedere.
  • Finché miriamo al comportamento alla radice del problema, creare un nemico immaginario – proiettando la nostra lotta sul capro espiatorio – può farci sentire più potenti e aiutarci a resistere alle tentazioni o raggiungere i nostri obiettivi.

Hai usato il capro espiatorio per affrontare obiettivi difficili? Hai qualche tecnica per superare le avversità? Parlamene nei commenti qui sotto

Nir Eyal è l'autore di Hooked: come creare prodotti di formazione di abitudini e blog sulla psicologia dei prodotti su NirAndFar.com. Per ulteriori approfondimenti su come cambiare il comportamento, iscriviti alla sua newsletter gratuita e ricevi un libro di esercizi gratuito.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su NirandFar.com

Solutions Collecting From Web of "Come raggiungere i tuoi obiettivi creando un nemico"