Come ottenere un partner resistente nella terapia di coppia

Come psicologo praticante, nel corso della terapia individuale, a volte determino che le difficoltà di una persona sono in gran parte dovute a un matrimonio problematico (o a problemi all'interno di un'altra relazione impegnata).

Nella maggior parte dei casi, quando suggerisco che il "paziente" dovrebbe essere la relazione piuttosto che l'individuo, non ho problemi a spostare l'attenzione da un membro della coppia alla coppia stessa. In effetti, la persona attualmente in terapia deve semplicemente suggerire l'idea al suo partner e la cooperazione di solito segue.

Quando la cooperazione non è imminente, incoraggio i miei clienti a utilizzare la "metafora dello specchio". Pertanto, al partner viene detto (dalla persona già in terapia) che le persone sono spesso troppo vicine ai loro problemi per vedere le cose con chiarezza e attenzione; come se guardassero uno specchio con il naso premuto fino al vetro. Per vedere con maggiore chiarezza, è necessario fare un passo indietro di una certa distanza affinché l'immagine rimanga fuori fuoco.

Quindi, un terapeuta ha presumibilmente una distanza sufficiente dalla relazione per vedere con la necessaria chiarezza e attenzione su quali problemi devono essere affrontati.

Nonostante la metafora dello specchio, in alcune occasioni ho incontrato un partner meno che disposto e, in alcuni casi, uno che è apertamente ostile all'idea di consulenza o terapia. In queste situazioni, di solito provo la seguente strategia per ottenere la collaborazione e il coinvolgimento del partner riluttante.

Ottengo i rilasci e l'autorizzazione necessari e faccio appello al partner resistente in un modo non minaccioso che è improbabile che possa evocare la difensiva. Ciò avviene contattando la persona (di solito al telefono poiché le discussioni "live" di solito funzionano meglio di e-mail o altre forme di comunicazione asincrona) e spiega che apprezzerei molto la sua assistenza.

Quindi, la conversazione suona spesso come questa (ovviamente, userei i nomi reali delle persone durante la discussione, ma per motivi di illustrazione sto usando il suo generico, ecc. Qui):

"Ciao, sono Clifford Lazarus. Credo che tu sappia che ho incontrato il tuo partner per aiutarlo con alcune difficoltà. Speravo che avresti accettato di incontrarci per consentirmi di aiutare ancora di più il tuo partner. Dopo tutto, tu lo conosci meglio di quanto io possa mai e hai un punto di vista privilegiato sulla situazione che non avrò mai. Quindi, chi è meglio di te per aiutarmi ad aiutare il tuo partner dal momento che sei qualificato in modo univoco per fornirmi informazioni estremamente utili? "

Se questo approccio viene rispettato con rifiuto, di solito chiedo al partner titubante se ha qualche domanda sulla consulenza (ad esempio, il mio approccio, la formazione, le qualifiche, la competenza, l'esperienza, ecc.) Che, se gentilmente risposto, potrebbe raccogliere maggiore cooperazione. Se questo è ancora incontrato con una risposta negativa, potrei considerare l'utilizzo di alcune altre metafore per fornire ulteriore comprensione nella speranza di ottenere un accordo e una cooperazione.

Una metafora particolarmente utile è quella di paragonare il disagio psichico del partner in terapia a una malattia fisica che richiede una trasfusione di sangue per un trattamento efficace. Quindi, viene posta la domanda se il partner riluttante "intensificherà" e fornirà il rimedio del suo sangue reale se intende salvare il suo partner da un grave dolore fisico. Alla luce di questa metafora, se il partner resistente continua a rifiutare, potrei essere tentato di dire che il rifiuto egoistico di entrare in un processo di terapia collaborativa sembra riflettere un profondo problema nella relazione e non c'è da meravigliarsi se la persona in terapia ha cercato consulenza . Inoltre, potrei dire che mentre la mia speranza è di aiutare il mio cliente al massimo delle mie capacità, senza la partecipazione volontaria del partner resistente temo che il risultato sarà subottimale e potrebbe persino portare a discussioni sulla separazione e il divorzio. Quindi, concludo la conversazione menzionando che l'invito rimarrà sul tavolo e spero sinceramente che la persona riluttante riconsidererà e parteciperà al processo terapeutico.

Mi rendo conto che alcune persone potrebbero trovare questo approccio discutibile a causa della sua tattica apparentemente di bullismo o di manipolazione apparente di colpa. Tuttavia, ritengo che nella maggior parte dei casi la posta in gioco sia sufficientemente alta da giustificare i fini. Inoltre, è la mia esperienza che molti terapeuti sono così ansiosi riguardo al confronto che dovrebbero imparare le capacità di assertività piuttosto che consigliare gli altri. Ancora più inquietante è il fatto che molti terapeuti sono così impauriti dai reclami di etica (o persino dai contenziosi) che praticano in modo difensivo, così dritti che affollano la loro efficacia terapeutica.

In ultima analisi, se il partner resistente si dimostra completamente inflessibile, almeno il processo di terapia individuale avrà raccolto ulteriore energia per il mulino.

Ricorda: pensa bene, agisci bene, sentiti bene, stai bene!

Copyright di Clifford N. Lazarus, Ph.D.

Solutions Collecting From Web of "Come ottenere un partner resistente nella terapia di coppia"