Come ottenere il resto più profondo di tutti

Fonte: Rachael Crowe / Unsplash

Recentemente sono diventata madre (un anno e mezzo fa, per la precisione). Prima ero occupato: scrivere un libro e articoli, lavorare a tempo pieno al Centro di Stanford per Compassion and Altruism Research and Education, fare volontariato fino a 20 ore a settimana insegnando la respirazione basata sullo yoga ai veterani con trauma, per non parlare della lettura, yoga e amici. Ho amato creare sopra ogni altra cosa: lasciare che l'ispirazione scendesse e sedermi per dare vita ai miei pensieri. E poi è arrivato il piccolo Michael. Il mio cuore era pieno di amore e gratitudine – piangevo lacrime di gioia quasi ogni giorno.

Eppure ho notato anche qualcos'altro. La mia produttività è diminuita del 95 percento. Stavo tenendo un bambino vivo, caldo, nutrito e riposato, naturalmente, ma nulla si sarebbe realizzato. Sono stato fortunato se ho fatto una doccia e una breve meditazione. Ore e ore passavano l'allattamento al seno e si prendevano cura di un ometto adorabile e molto vulnerabile. Mi sentivo il cuore pieno, ma la mia mente stava diventando pazza. Ero così abituato a fare le cose. Avrei pensato di scrivere idee, cose che avevo bisogno o che volevo fare. Vorrei tanto completarli. Eppure, semplicemente, realisticamente non potevo farli. L'esperienza di trascorrere un'intera giornata senza alcun prodotto finale era insopportabile.

Almeno all'inizio.

Lentamente, con il passare dei mesi, ho iniziato a realizzare qualcos'altro: le innumerevoli ore passate a stare seduto con Michael, guardarlo giocare e intrattenerlo erano preziosi. Non solo perché non sarebbero mai più tornati e il tempo si stava muovendo così in fretta, ma anche perché erano l'occasione per riposare profondamente e, così facendo, fare una vacanza dalla mia mente.

Mia madre ha condiviso qualcosa di molto bello con me durante la mia prima maternità. Ha detto: "La cosa più grande che una madre possa fare per il suo bambino è riposare in se stessa". Direi che la cosa più grande che possiamo fare per chiunque e, più di tutti noi stessi, è imparare a riposare dentro di noi. Disconnettersi dalla frenesia di cercare di fare le cose, delle preoccupazioni e dei "se" (che dopotutto sono solo frutto della nostra immaginazione). Per disconnettersi dalla necessità di fare. Quindi possiamo essere. Questa non è una nuova idea, è una che abbiamo già sentito, ma nella nostra società produttiva, l'essere è diventato più difficile che mai.

Quando pensiamo di fare una vacanza, pensiamo di andare in spiaggia o in campagna. C'è questa idea che se potessimo andarcene, allora tutto sarebbe OK. Eppure, come Jon Kabat-Zinn ha messo così bene, "Ovunque tu vada, eccoti." Potresti essere crogiolarsi al sole senza nulla da fare, ma rimanere intrappolato in un flusso di pensieri ansiosi o arrabbiati. Come Sri Sri Ravi Shankar mette così semplicemente, lo stato della nostra mente determina lo stato della nostra vita, sia che ci troviamo nel bel mezzo di un ingorgo sul pendolare per andare al lavoro, o su una barca nel Mediterraneo, se la nostra mente è OK, tutto è OK. L'unica "vera" vacanza è quando la tua mente è in pace. C'è un senso di abbondanza e gratitudine che si riversa naturalmente in generosità e gentilezza verso gli altri. Quando la nostra mente è in questo posto, ci sentiamo al meglio.

Quindi, come facciamo a imparare a fare vacillare la nostra mente? Innumerevoli maestri di meditazione ci hanno detto di "essere qui ora", di "entrare nello stato di non-pensiero" e di "essere presenti". Sì, bene, è difficile da fare, come diranno tutti quelli che hanno provato la meditazione.

A vent'anni, ho vissuto a Shanghai per due anni, affittando una stanza da un anziano signore cinese. Era estremamente erudito, un noto professore di biochimica e inventore. Era anche l'uomo più felice che avessi mai incontrato. Nonostante la tragedia della sua storia personale – compresa la morte di sua moglie durante la rivoluzione culturale cinese – ribolliva di felicità, umorismo e gioia infantile. Per non parlare di un profondo senso di pace. Avevo 22 anni e sono incline a stressare il mal di stomaco. Durante uno di questi episodi, mi disse: "Perché non ti siedi lì, sul divano, e guardi fuori dal bambù. Rilassati. "Mi rendo conto ora che mi stava insegnando a meditare, sebbene non assomigliasse alla pratica meditativa formale che pensiamo di oggi (sedersi con gli occhi chiusi, una colonna vertebrale diritta, preferibilmente nel loto). Ma quello che mi stava dicendo era di riposare dentro di me – come sembrava che stesse facendo ogni momento felice dei suoi giorni.

Quello che ho trovato, attraverso la maternità, è che semplicemente essere presenti senza un obiettivo è infinitamente nutriente. Permettendo alla mia mente di riposare senza riuscirci, accettando che non potevo fare nient'altro, e in uno stato di totale abbandono, ho iniziato a provare un profondo senso di pace. Mi resi anche conto che questo senso di pace, di lasciar andare, di essere solo, senza scopo, era lo stato di cui i miei insegnanti di meditazione avevano parlato. Era il punto di quei ritiri di meditazione di una settimana che avevo frequentato. Non è tanto la meditazione che è l'obiettivo, me ne sono reso conto, ma lo stato mentale che ne deriva.

Ironia della sorte, forse, quando ho iniziato a lavorare di nuovo, mi sono trovato più produttivo.

HarperOne
Fonte: HarperOne

Per ulteriori informazioni, consulta il mio libro The Happiness Track: Come applicare la scienza della felicità per accelerare il tuo successo (HarperOne 2016).

Questo articolo è apparso per la prima volta nella rivista Spirituality & Health.

Solutions Collecting From Web of "Come ottenere il resto più profondo di tutti"