Come non dire la tua storia

Per gran parte della mia carriera, sono stato in grado di contribuire a dare voce ai senza voce, far luce su verità che sono state nascoste, spiegare esperienze spesso fraintese e mostrare la vita di persone che esistono ai margini.

Ho passato almeno un decennio a dare consigli agli altri su come raccontare le loro storie difficili, che si tratti di stupro, violenza sessuale o violenza relazionale; perdita di suicidio o di problemi di salute mentale; o esperienze mediche.

Parte di ciò che ha funzionato per me del mio lavoro è che mi permette di essere a debita distanza dall'esperienza diretta di cose davvero difficili. Sto spesso solo ascoltando cose che rendono molte persone molto a disagio. Ma, mi sento molto meno a mio agio a parlare delle mie esperienze personali. Il mio lavoro non mi viene spesso chiesto; Sono in grado di essere un ascoltatore, sostenitore, consigliere e avvocato – per gli altri.

Poiché ho ascoltato così tante storie potenti, so che condividere storie personali raggiunge persone "dove fa male". Chiunque può mettere su un mazzo di diapositive pieno di statistiche, ma ciò che veramente risuona e fa un impatto su individui, organizzazioni e sistemi è spesso una storia personale molto ben raccontata. Le storie, non le statistiche, motivano il cambiamento.

Storie di persone che hanno tentato il suicidio e storie di coloro che sono rimasti indietro dopo un suicidio sono alcuni degli strumenti più potenti nel movimento per la prevenzione del suicidio. Quindi, quando mi è stata avvicinata l'opportunità di raccontare la mia storia personale come parte di un pezzo di NPR sulla religione e il suicidio, ho deciso che questo era un buon momento: avevo scritto blog per diversi anni e ho scritto parecchi pezzi su mio padre morte per suicidio e si sentiva abbastanza a suo agio nel parlare di questo argomento difficile.

Quel decennio più di esperienza di consulenza agli altri? Bene, ho quasi dimenticato tutta la saggezza che avevo acquisito e condiviso quando è arrivato il momento di raccontare la mia storia.

Subito, ho sentito in testa. Mentre le parole che uscivano dalla mia bocca sembravano ragionevolmente articolate, mi sono sentito in una piccola esperienza extracorporea mentre raccontavo quello che la mia famiglia ha vissuto tanto tempo fa. Sapevo in quel momento che se non riuscivo a riprendere fiato, la mia storia non sarebbe stata così utile. Non sarei in grado di dire quello che volevo dire, o insegnare ciò che volevo insegnare, perché sarei bloccato nelle mie emozioni.

Cosa ho dimenticato di fare?

Pratica

Anche se sapevo abbastanza su dove potrebbe essere l'intervista, non volevo scrivere i miei commenti. Lo stesso, scrivere alcuni punti chiave o frasi sarebbe stato utile. E la pratica mi avrebbe aiutato a decidere cosa non volevo condividere perché era troppo difficile dire ad alta voce.

Supporto di allineamento

Non ero sicuro che la mia intervista sarebbe andata in onda, quindi non volevo parlarne a troppe persone. Pensare in quel modo mi ha fatto dimenticare che, indipendentemente dal fatto che qualcuno della mia storia avesse incontrato l'etere, l'avevo detto. La retrocessione era emotivamente estenuante, e non avevo un piano su come parlare dei sentimenti che sollevava.

Ricorda che puoi sempre dire di no, fare una pausa o fermarti

In verità, il giorno dell'intervista non è stato il mio miglior giorno. Quindi, anche se avessi praticato di più e schierato il supporto, probabilmente avrei dovuto chiedere di riprogrammare, perché mi sentivo già sopraffatto. Per chiunque abbia chiesto di raccontare una storia personale per i media o in un contesto educativo, ricorda che sei il proprietario della tua storia. Se inizi a sentirti a disagio, sentiti sicuro che la persona a cui è stato chiesto di ascoltare la tua storia rispetterà che potresti doverlo dire in un altro momento.

L'Istituto per la cura centrata sulla famiglia e il paziente, che crea grandi risorse per supportare le persone che condividono le loro esperienze mediche per il miglioramento della salute, pone le seguenti domande da considerare prima di accettare di raccontare la tua storia:

  • Cosa sono disposto a condividere?
  • Cosa ritengo sia troppo privato per condividere?
  • Di cosa la mia famiglia non vuole che io parli?
  • Cosa insegnerà la mia storia a coloro che stanno ascoltando?
  • Ho avuto esperienze negative che mi infastidiscono e saranno difficili da condividere in modo costruttivo?

Per me, alla fine, ero così felice di essere in gran parte redatto da un bellissimo pezzo che includeva persone di diverse fedi che raccontavano le loro storie sul suicidio e sulla prevenzione del suicidio. (Puoi ascoltarlo o leggerlo qui.)

Allo stesso tempo, ero contento che la mia voce e la mia esperienza diventassero parte di quella storia, che ci fosse qualcosa in quello che ho detto che poteva aiutare gli altri, e che raccontare la mia storia mi offriva la possibilità di ricordare, personalmente , quanto può essere difficile condividere qualcosa di così importante.

Copyright 2015 Elana Premack Sandler, tutti i diritti riservati

Solutions Collecting From Web of "Come non dire la tua storia"