Come non applicare la teoria del gioco al matrimonio

OK, nel mio ultimo post, ho promesso di esprimere un giudizio sul nuovo libro Spousonomics: Using Economics to Master Love, Marriage, and Dirty Dishes dei giornalisti Paula Szuchman e Jenny Anderson, che applica i principi di base dell'economia alle situazioni coniugali. Ma la signora Szuchman ha contribuito oggi con un post al blog "Idee Market" del Wall Street Journal , delineando diverse raccomandazioni tratte dal libro, che mi hanno dato la possibilità di visualizzarlo in anteprima prima che la mia copia arrivi per posta.

L'economia è solida: gli autori conoscono la loro roba e la applicano bene. Troppo bene, in realtà, perché soccombono a uno dei peggiori difetti degli economisti (e dei sociologi in generale): favorire un modello conveniente quando contraddice il mondo reale. Nessun modello può catturare la miriade di complicazioni del comportamento del mondo reale, e per necessità devono lasciare cose meno importanti per concentrarsi sulle cose più importanti. Ma quando le cose importanti vengono omesse perché non rientrano in un modello di modellazione preferito, il modello guida lo studio, non il contrario (come dovrebbe essere). E se il modello non è appropriato per lo studio a portata di mano, i risultati saranno distorti.

Caso in questione: l'ultimo paragrafo nel post della signora Szuchman, sotto il titolo "Scheme":

Pensando in anticipo, imparando dalle esperienze passate, mettendoti nei panni del tuo coniuge, queste sono tutte strategie direttamente dal playbook di teoria dei giochi (la teoria dei giochi è lo studio del comportamento in situazioni strategiche). In effetti, se pensi come un teorico del gioco, scoprirai che il matrimonio è in realtà solo un gioco ripetuto di due persone. Nel gioco, ogni persona sta cercando di ottenere i migliori risultati possibili, dati i limiti di coinvolgimento di un'altra persona. Pensa a quell'altra persona e sei strategica. Anche tu sei abbastanza romantico.

No, per definizione sei egocentrico, che non è né romantico, né la strada per un matrimonio di successo. La teoria del gioco del tipo a cui si riferisce l'autore è chiamata (non sorprendentemente) teoria dei giochi non cooperativa , che studia il modo in cui i decisori politici interessati interagiscono in situazioni strategiche. Nel mio ultimo post, ad esempio, ho usato la teoria dei giochi non cooperativa per esaminare il comportamento dei concorrenti (business, politico e accoppiamento), che è un'applicazione fondamentale di questo tipo di teoria dei giochi. I concorrenti non si preoccupano l'uno dell'altro, ma i coniugi oi partner lo fanno (o dovrebbero), soprattutto se vogliono una relazione di successo.

Le persone in relazioni impegnate non si trattano l'un l'altro come un altro fattore da prendere in considerazione nella loro pianificazione strategica; si prendono attivamente in considerazione anche gli interessi reciproci. E 'per questo motivo che non ci aspettiamo che le persone che si preoccupano reciprocamente cadano nelle trappole dei dilemmi dei prigionieri discussi nel mio ultimo post; non sono costantemente alla ricerca di possibilità di sfruttare l'altra persona o di stare attenti a non approfittarne e quindi sono più propensi a collaborare.

La teoria dei giochi non cooperativa non si applica semplicemente alle persone che si prendono cura l'una dell'altra; abbiamo una teoria dei giochi cooperativa per questo, sebbene sia meno conosciuta e non altrettanto popolare. Certo, è spigoloso applicare la teoria dei giochi non cooperativi al matrimonio, specialmente nella nostra epoca Freakonomic, ma questo non lo rende giusto (nel senso di "corretto"). (E non farmi iniziare su una citazione di prima nel suo post: "che cos'è il matrimonio, se non un'unione tra due partner commerciali?" Stessa idea, più ampio contesto-mercati sono grandi, ma il comportamento che ha successo nel mercato non sarà necessariamente avere successo altrove).

—-

Puoi seguirmi su Twitter e anche sul blog di Economics and Ethics e The Comics Professor blog.

Solutions Collecting From Web of "Come non applicare la teoria del gioco al matrimonio"