Come migliorare la tua esperienza di ascolto della musica

iStockPhoto
Fonte immagine: iStockPhoto

Hai mai ascoltato i testi di una canzone preferita? Voglio dire, riascoltato ascoltando?

Meglio ancora, hai mai letto i testi di una canzone familiare mentre ha suonato? Se è così, com'è stato per te?

Nella mia esperienza, molte persone non prestano molta attenzione ai testi. Possono conoscere i testi ed essere in grado di cantarli, ma spesso non prestano attenzione alle parole. È un'esperienza molto diversa quando si leggono i testi mentre si ascolta la canzone.

Uso questo concetto nella mia pratica terapeutica attraverso un'esperienza chiamata analisi lirica. Dopo aver selezionato una canzone appropriata per il cliente o il gruppo, fornisco loro una copia stampata dei testi e una penna (o una matita o una matita colorata o un pastello …). Do istruzioni ai clienti di ascoltare la canzone e segnare le parole o le frasi che si distinguono per loro. Dopo aver suonato e cantato attraverso la musica dal vivo che incorpora la canzone è spesso più potente ascoltare una registrazione, elaboriamo le parole e le frasi che hanno indicato. Sebbene ci siano delle variazioni a questo schema di base, di solito ascolto i commenti di clienti come:

Non ho mai saputo che quello che stava cantando!

o

Non ho mai sentito la canzone in quel modo prima.

o

Ho avuto un significato diverso da quella canzone rispetto a quello che ho ottenuto prima .

In altre parole, sembra esserci qualcosa nel leggere i testi di una canzone mentre la ascoltiamo, anche una canzone molto familiare, che può approfondire la comprensione. Perchè è questo?

La risposta breve è … non lo sappiamo. La ricerca è limitata. C'è letteratura sulle differenze tra la percezione o la produzione di canto e parlato, così come la letteratura sulle reti neurali che sottostanno alla musica e al linguaggio, ma poco specifica per leggere i testi mentre si ascolta la musica contro semplicemente l'ascolto.

Quindi cosa sappiamo? Beh, sembra che ci sia una differenza nell'elaborare i testi e le melodie quando abbiamo il compito di riconoscere una canzone familiare. Questi risultati sono stati riportati da Saito e colleghi in un articolo del 2012 pubblicato su PLoS One . Analizzando i risultati della scansione PET, hanno trovato diverse reti neurali coinvolte nell'elaborazione dei testi rispetto alle melodie di elaborazione. Concentrandosi sui testi, le aree reclutate coinvolgevano il riconoscimento delle parole (giro fusiforme sinistro) e l'elaborazione visiva (giro occipitale inferiore sinistro), mentre le melodie reclutavano aree coinvolte nell'elaborazione uditiva (solco temporale medio destro e cortecce temporo-occipitale bilaterali).

Ci possono essere anche aspetti di attenzione coinvolti. Nel 2001, Bonnel e colleghi hanno riportato i risultati di uno studio che esamina se diverse risorse di elaborazione cognitiva sono utilizzate per il linguaggio e la musica. I partecipanti allo studio hanno ascoltato due volte estratti di canzoni liriche francesi; la seconda volta che l'estratto è stato eseguito, l'ultima parola era uguale o diversa, e la nota finale è stata cantata su o fuori campo. Ai partecipanti è stato chiesto di segnalare se hanno rilevato una differenza singola (attività singola) o una differenza per entrambi (compito doppio). I risultati hanno indicato livelli simili di prestazioni per entrambi i compiti, che hanno portato i ricercatori a concludere che le parole e le melodie sono elaborate da sistemi cognitivi diversi e indipendenti.

Quindi, una breve risposta modificata alla domanda iniziale sul perché leggere i testi mentre si ascolta la musica cambia l'esperienza … non lo sappiamo, ma sembra che diversi sistemi cognitivi siano coinvolti nell'elaborazione dei testi e nell'elaborazione delle melodie. Ne consegue, quindi, e ha un senso intuitivo, che l'esperienza di ascoltare una canzone, anche una canzone familiare, cambierà durante la lettura dei testi. Fa la differenza.

Forse un giorno avremo una comprensione più chiara di questo particolare fenomeno. Ciò può verificarsi in un contesto clinico (ad esempio, attraverso lo studio di un'esperienza di analisi lirica basata sulla musicoterapia) o attraverso un obiettivo scientifico di base (ad esempio, confrontare la percezione della lettura dei testi ascoltando la musica semplicemente ascoltando la musica).

Nel frattempo, però, potrei tirare su la canzone di Sheryl Crow Soak Up the Sun e decidere se farla "45 on" si riferisce alla protezione solare, a un disco musicale oa una pistola. Hai mai prestato attenzione a quella linea prima …?

Seguimi su Twitter @KimberlySMoore per aggiornamenti quotidiani sulle ultime ricerche e articoli relativi alla musica, alla musicoterapia, alla musica e al cervello. Vi invito anche a visitare il mio sito web, www.MusicTherapyMaven.com, per ulteriori informazioni, risorse e strategie.

Riferimenti

Bonnel, A., Faita, F., Peretz, I. & Besson, M. (2001). Attenzione divisa tra i testi e le melodie delle canzoni d'opera: prove per l'elaborazione indipendente. Percezione e psicofisica, 63 (7), 1201-1213.

Saito, Y., Ishii, K., Sakuma, N., Kawasaki, K., Oda, K., e Mizusawa, H. (2012). Substrati neurali per la memoria semantica di canzoni familiari: esiste un'interfaccia tra testi e melodie? PLoS One, 7 (9), e46354. doi: 10.1371 / journal.pone.0046354

Solutions Collecting From Web of "Come migliorare la tua esperienza di ascolto della musica"