Come mantenere la felicità dallo sbiadimento

Non importa quanto ti senti infelice in questo momento, se guardi indietro, ci sono sicuramente stati eventi nella tua vita che ti hanno reso felice. Forse il momento in cui hai comprato la tua prima auto, o il tempo in cui hai ricevuto quella promozione tanto desiderata. O il tempo in cui hai perso quindici chili e sei riuscito a tornare nei tuoi jeans preferiti senza interrompere la circolazione. Quando accadono cose buone, proviamo emozioni positive, come eccitazione, sollievo, orgoglio e, naturalmente, felicità. Questi sentimenti sono essenziali per il nostro benessere.

Ma il problema è che la felicità di solito non dura. L'eccitazione del primo acquisto di auto svanisce, il brivido della promozione lascia il posto all'ansia di gestire le responsabilità che ne derivano. Certo, pensi, è bello essere di nuovo una taglia 8. Ma sarebbe davvero grandioso essere una taglia 6 …

Gli psicologi chiamano questo fenomeno l' adattamento edonico – l'idea è che non importa quanto qualcosa di buono ci faccia sentire (o, per la cronaca, quanto sia cattivo), il più delle volte torniamo indietro a dove siamo partiti, parlando emotivamente. Uno studio spesso citato ha dimostrato che nonostante la loro euforia iniziale, i vincitori della lotteria non erano più felici dei non vincitori diciotto mesi dopo. È stata dimostrata la stessa tendenza a ritornare alla "linea di base" dopo il matrimonio, i cambiamenti volontari del lavoro e le promozioni, il tipo di cose che di solito ci aspettiamo cambino in modo permanente la nostra felicità e il nostro benessere in meglio.

Perché non possiamo rendere la felicità duratura? Psicologi (e noti esperti di felicità) Kennon Sheldon e Sonja Lyubomirsky argomentano in un recente articolo che il nostro adattamento edonico si verifica per due ragioni.

Quando si verifica per la prima volta un cambiamento positivo (ad esempio, ci si trasferisce in una nuova grande casa), di solito si verificano molti eventi positivi. Puoi entrare in quella nuova gamma di sei bruciatori, fare un lungo bagno nella tua prima vasca da bagno e apprezzare la spaziosità del tuo nuovo garage. Ma nel tempo, ci sono meno eventi positivi da sperimentare, perché ci si abitua a tutte le funzionalità della casa, e dopo un po 'non le noti più. Con meno eventi positivi e quindi meno emozioni positive (eccitazione, orgoglio, felicità), il tuo nuovo benessere non può essere sostenuto.

La seconda ragione per cui la felicità svanisce è che anche quando gli eventi positivi continuano – se, ad esempio, la tua forma fisica e le tue abitudini alimentari sane ti sembrano grandi, e questo comporta molte nuove opportunità di romanticismo su base regolare – il cambiamento inizia semplicemente a essere visto come il "nuovo normale". Come risultato, il tuo livello di aspirazione si sposta – ti senti come se avessi bisogno di guardare ancora meglio . Lo psicologo vincitore del premio Nobel Daniel Kahneman ha definito questo processo come una sorta di "treadmill della soddisfazione". Poiché cambiamo continuamente i nostri standard verso l'alto una volta raggiunti, dobbiamo continuare a correre per sentirci di nuovo soddisfatti.

Ma non disperare: è possibile far durare la felicità, rallentando il processo di adattamento o addirittura fermandolo tutto insieme. Sheldon e Lyubomirsky hanno trovato in uno studio recente che due strumenti anti-adattamento erano efficaci nel sostenere guadagni di felicità nel tempo: varietà e apprezzamento .

La varietà è, come tutti sappiamo, il sale della vita. Ma è anche un'arma potente contro l'adattamento, perché non siamo abituati a eventi positivi quando le nostre esperienze sono nuove o inaspettate. Quando, d'altra parte, un'esperienza positiva è ripetitiva, quando sai esattamente cosa aspettarti, non ne prendi lo stesso.

I cambiamenti positivi che vengono sperimentati in una varietà di modi hanno più probabilità di portare a una felicità duratura. Quindi sarai più felice con il tuo nuovo coniuge se passi del tempo a fare nuove cose insieme, invece di rimanere bloccato in una routine noiosa. Sarai più felice nel tuo lavoro se sarai in grado di affrontare nuovi compiti e sfide, se ci sarà una certa varietà giornaliera in quello che fai. Sarai più felice con la tua vasca da bagno, se finisci e fai un po 'di bagnoschiuma, o prova a accendere le candele (o magari chiedi a qualcuno di unirti a te).

La felicità che ottieni dal fare qualcosa svanirà se lo fai allo stesso modo ogni giorno, quindi mescola le cose. Pensaci prima di fare un cambiamento perché ritieni che ti renderà più felice- riuscirai a sperimentare qualunque cosa sia in una varietà di modi? Perché se la risposta è no, non aspettarti che la felicità duri.

Lo strumento n. 2, l'apprezzamento, è per molti versi l'opposto dell'adattamento: sta andando fuori dal tuo modo di concentrarsi su qualcosa, piuttosto che dare per scontato o lasciarlo sfumare sullo sfondo. Apprezzare può significare prestare attenzione o notarlo, ma è ancora più potente quando lo fai ulteriormente: quando assapori qualcosa, gioendo delle sue qualità e godendoti di come ti fa sentire, o quando provi gratitudine , la sensazione di essere fortunato ad essere nella tua situazione attuale rispetto ad altri, o rispetto a dove sei stato nel passato. Quando apprezziamo le nostre esperienze positive, quando giriamo l'occhio della mente verso di loro ancora e ancora con gioia e meraviglia, non solo rendiamo la nostra felicità ultima, ma diamo anche un calcio alla tacca.

Gli esseri umani trascorrono molto tempo cercando di capire cosa li renderà felici, ma non abbastanza tempo per cercare di aggrapparsi alla felicità che già hanno. In un certo senso, è come concentrare tutte le tue energie sul fare più soldi, senza pensare a cosa farai con i soldi che hai già guadagnato. La chiave della ricchezza, come la chiave della felicità, è non solo cercare nuove opportunità, ma anche sfruttare al massimo quelle che ti sono state date.

 

Per ulteriori strategie basate sulla scienza che puoi utilizzare per raggiungere i tuoi obiettivi e diventare più felice e più sano, controlla Successo: Come possiamo raggiungere i nostri obiettivi e Nove cose Le persone di successo fanno diversamente.

Cercando di capire dove sbagli quando si tratta di raggiungere i tuoi obiettivi? Consulta la versione gratuita di Nine Things Diagnostics.

  • I migliori consigli per una disintossicazione digitale
  • Segui il suono
  • Come dare e ricevere profondamente
  • Cluster Borderline di personalità e ADHD in famiglie
  • Queste sono le 8 abitudini di persone molto fortunate
  • Insegnare ai nostri figli a muoversi non solo pensare!
  • Serial Killers: Then, Now e Yet Yet Come
  • Stai diventando accogliente con l'ambiguità? Eh ... forse un giorno.
  • Perché le vacanze in famiglia sono così difficili
  • Disney Research Pionieri di nuove frontiere che utilizzano la realtà virtuale
  • Impara come risolvere gli argomenti in modo consapevole
  • Leadership e auto padronanza: corpo e vita cambiano dopo aver frequentato il corso di leadership di Strozzi Institute
  • 8 Narcisista comune Bugie
  • Aiuto? Mio figlio è solo eccentrico
  • Ribelle con una causa: The Incredible Dr. Masters, Parte III
  • Ripensare la tua strada per una stagione di vacanze Saner
  • 2019: Year of the Pig, Year of Compassion
  • Perché non riesco a superare la mia dolorosa infanzia?
  • Quando qualcuno che ami è bipolare
  • L'ultimo disturbo della personalità?
  • Come i libri di dieta possono aiutarti a perdere peso
  • Cosa fare per primo quando ti senti tradito
  • La persona di Donald J. Trump
  • Lo amo, ma ho bisogno di qualcun altro, anche
  • Perversione accademica
  • Proposte modifiche DSM-5 per l'ADHD
  • Passione animale
  • Cosa sono i sogni?
  • Violenza nascosta
  • Tre nuove scoperte su Intelligence e Giftedness
  • Il problema con i politici che parlano sempre dei valori
  • Comprensione della pipeline School-to-Prison
  • Hai un capo Micromanaging?
  • L'agenda nascosta dietro l'apprendimento del 21 ° secolo
  • Suggerimenti per l'acquisto di regali di Natale trasformazionali
  • Cosa significa il tuo partner per la parola "impegno"?