Come 'Mad Men' ha a che fare con il suicidio sul posto di lavoro

"Mad Men" non evita esattamente le polemiche. Il riflesso dello spettacolo della vita negli anni '60 fa sfacciatamente luce su adulterio, sessismo, abuso di sostanze e razza.

Quindi, è per questo che ero particolarmente interessato a come lo spettacolo trattava del suicidio. Negli ultimi due episodi della stagione, "Mad Men" ha introdotto un argomento sul posto di lavoro diverso dalle dinamiche di genere, dalle lotte di potere e dai drammi interpersonali che attirano così tanti spettatori nello spettacolo: il suicidio sul posto di lavoro.

La trama che terminava con il suicidio di Lane Pryce, il responsabile operativo de facto di Sterling Cooper Draper Pryce, era per molti aspetti prevedibile. Affrontando la rovina finanziaria, Lane non vede alcuna via d'uscita. Si vergogna, ha paura e si rompe, con una famiglia da mantenere. Non ha quello che chiameremmo una "rete di supporto". Non sembra che ci sia nessuno nella sua vita – un collaboratore, sua moglie, un amico – con cui possa essere onesto riguardo alle sue paure e i suoi sentimenti di fallimento.

Mentre molti hanno detto che questo prevedibile finale era noioso, penso che sia più interessante del perché Lane è morto per suicidio è stato il modo in cui i colleghi di Lane – Don Draper, Pete Campbell, Roger Sterling e Joan Harris – hanno affrontato la sua morte.

Le reazioni andavano dallo shock, alle lacrime, al senso di colpa. Al di fuori dello spettacolo, il suicidio sul posto di lavoro colpisce gli impiegati in questi modi. Per chi ha perso una persona cara al suicidio, un suicidio sul posto di lavoro può avere un impatto ancora più forte.

Ecco perché la reazione di Don è stata così interessante per me: il fratello di Don, Adam, è morto per suicidio, un fatto che tormenta Don, immagino, più o meno allo stesso modo in cui il suicidio di Lane continuerà a perseguitarlo. Come tutti i sopravvissuti al suicidio, la domanda su "cosa avrei potuto fare?" Rimane a lungo in circolazione.

Avendo parlato con persone che hanno perso colleghi al suicidio, sono stato sorpreso che anche coloro che non conoscevano bene la persona esprimessero il desiderio di fare qualcosa, se fosse stato per fare qualcosa che avrebbe potuto prevenire quella particolare morte, o per fare qualcosa per prevenire il suicidio su una scala più ampia.

Allontanandosi dalla TV e nella vita reale, Working Minds è una grande risorsa per chi è interessato alla prevenzione del suicidio negli ambienti di lavoro. In un certo senso, la morte di Lane, sebbene abbia avuto luogo decenni fa in TV, è rappresentativa delle statistiche che vediamo oggi. Gli uomini di mezza età hanno i più alti tassi di suicidio, e quindi il posto di lavoro, dove molti uomini passano la maggior parte del loro tempo, può essere un luogo potente per la prevenzione del suicidio.

Solutions Collecting From Web of "Come 'Mad Men' ha a che fare con il suicidio sul posto di lavoro"