Come l'istruzione di Channel 4 Yorkshire ci ha educati tutti

Chiunque cerchi la prova che la vulnerabilità ci attira verso le persone, dovrebbe guardare la recente serie di documentari di Channel 4 Educating Yorkshire.

Come parte del programma televisivo britannico, ci viene presentato Musharaf Asghar (alias "Mushy"), un sedicenne che si prepara a prendere il suo GCSE e a temere la parte orale della sua finale inglese. Mushy è un bambino educato e popolare con un acuto senso dell'umorismo e una balbuzie acuta.

Niente è imbiancato e Mushy è aperto sulla sua frustrazione, spiegando che si sente come "qualcuno sta tenendo la bocca chiusa". Eppure il suo insegnante di inglese, Mr Burton, dice alla telecamera che alza sempre la mano in classe per rispondere alle domande " anche se sa che il risultato sarà un silenzio angoscioso mentre tutti aspettano che le parole escano, e sarebbe molto più facile rimanere in silenzio ".

Significativamente, Mushy è stato così fin dall'anno sette. Di ritorno all'età di sette anni stava tagliando la scuola e stava per abbandonare, picchiato dai bulli. I suoi maestri "si sono subito messi d'accordo su quella presa in giro" e lo hanno visto "assolutamente prosperare" nella nuova rete di sicurezza della sua scuola.

È chiaro che non stanno esagerando. Con la sua balbuzie al seguito, Mushy è coraggioso, divertente e pieno di autocoscienza. Nello show lo guardiamo ripetutamente mettersi nelle posizioni in cui deve parlare. Lo guardiamo a mettere la sua fiducia negli insegnanti che lo rispettano a loro volta.

Nessuno più del suo insegnante di inglese, Mr Burton. Nel tentativo di aiutarlo a superare l'esame orale, Burton attinge una "tecnica" che ha visto nel film The King's Speech. Incoraggia Mushy a indossare le cuffie e ad ascoltare la musica mentre parla. Guardiamo mentre prende il consiglio del suo insegnante e la sua balbuzie diminuisce. Il programma termina con una clip di Mushy che consegna un discorso ad un gruppo incoraggiante di 200 compagni di classe con grandi cuffie bianche che incorniciano il suo viso radioso.

Mentre il programma ha trasformato sia Mushy che Mr Burton in eroi nazionali, le reazioni di alcuni balbuzienti e logopedisti sono state più caute. Non sono sorpreso che la sua balbuzie diminuisca con le cuffie che suonano musica nelle sue orecchie, è risaputo che mascherare la tua voce tende ad aumentare la fluidità. Piuttosto, si chiedono quanto sia sostenibile parlare al ritmo di una canzone. Alcuni sottolineano il modo in cui Mushy estrae le sue parole con la sua mano che colpisce la gamba durante lo spettacolo, e interroga il logopedista che gli ha insegnato a farlo.

Penso che i loro sentimenti siano lodevoli e tuttavia penso che manchi qualcosa dello show. Burton dice di essere consapevole che la tecnica non è la risposta (come, possiamo immaginare, è Mushy). In un'intervista alla BBC Radio dopo che lo show è stato trasmesso, non menziona la "tecnica", ma ringrazia Burton per "darmi la sicurezza di parlare".

Piuttosto che uno spettacolo che ritrae l'ultima "cura miracolosa" per la balbuzie, Channel 4 ha creato un programma che ci insegna come amarci un po 'meglio.

Mushy non è "fissato" alla fine, questo non è l'arco della storia che stiamo guardando. Ma stiamo parlando di trionfo, di quei piccoli trionfi quotidiani che si accumulano negli anni. Mushy, proprio come il resto di noi, ci lavora per il lungo periodo. Per tutti i minuti, ore e giorni dopo che la telecamera ha smesso di rotolare.

Il viaggio per prendere le nostre lotte e fare qualcosa di esaltato da loro è praticamente impossibile da fare nel vuoto. Abbiamo bisogno che gli altri ci vedano nel modo in cui Burton vede Mushy, come "un ragazzo che dovrebbe essere giustamente molto orgoglioso di se stesso".

  • Come R. Stevie Moore è costretto senza compulsione
  • Il modo in cui parliamo e ascoltiamo influisce sulle nostre relazioni
  • Il potere sorprendente dell'ascolto
  • Come il Catcher in the Rye ci ha spinto oltre il limite
  • Figure affascinanti: Alan Watts
  • I 10 suggerimenti per i genitori
  • Sopravvivere alla festa del papà
  • In vacanza da single
  • The Hidden Tug of Marketing
  • Cosa succede se il bambino sceglie di fare male?
  • 15 migliori quotazioni per la festa della mamma
  • Lunedì mattina Demenza: seconda parte
  • Le gelaterie possono anche combattere il suicidio per i giovani
  • Il potere sorprendente dell'ascolto
  • È possibile costruire la donna o l'uomo perfetto?
  • L'America ha un PTSD finanziario?
  • Girare le pagine per alzare il desiderio
  • Diventando uno psicologo della polizia
  • Perché ho imparato a meditare: un estratto
  • Anche le persone divertenti apprezzano di più l'umorismo?
  • Su uomini più anziani, donne più giovani e Claptrap moralista
  • The Psychology of Movie Quotes, Parte 2 - Tipi di citazioni
  • Fallimento del bilancio di accoppiamento
  • 5 tipi di narcisisti estremi (e come affrontarli)
  • 'Up In the Air' ci lascia giù: recensione degli ospiti di E. Kay Trimberger
  • Una storia su molto vecchio e molto giovane
  • La nebbia misteriosa
  • "Perché io?"
  • Otto modi per far fronte alle persone fastidiose
  • Leadership spirituale
  • Un metodo pericoloso: coinvolgente ma non soddisfacente
  • Se ridi vuol dire che sei prevenuto?
  • Potresti cambiare la tua vita senza cambiare una cosa?
  • Riabilitazione creativa, parte 2: grave ferita alla testa
  • La benedizione della gentilezza
  • 7 Snafus durante il sesso: cosa fare quando le cose vanno male