Come le abilità visive dei cani cambiano con l'età

Jenn Vargas photo, Creative Commons License
Fonte: foto di Jenn Vargas, licenza Creative Commons

La mia Nova Scotia Duck Tolling Retriever, ballerina, rispondeva sempre in modo più affidabile ai segnali manuali che ai comandi vocali. Infatti, era così attento ai miei movimenti del corpo che spesso i miei involontari movimenti della mano piccola (che non erano destinati a comunicare nulla al mio cane), venivano letti da lui come se fossero comandi, producendo così risposte non intenzionali e inaspettate. Tuttavia, quando Dancer ha raggiunto i 9 o 10 anni ho iniziato a notare che a volte gli mancava, o fraintendeva, un segnale manuale. Questo problema è peggiorato negli anni successivi. All'inizio pensavo che potesse essere dovuto al declino delle sue capacità intellettuali con l'età, o forse a causa del fatto che aveva sviluppato l'artrite, e quindi avrebbe potuto trovare scomodo muoversi quando ho dato segnali a mano che gli richiedevano di cambiare posizione . Ho rivalutato questa conclusione quando ho scoperto che non rispondeva ai segnali a mano quando si trovava a una certa distanza da me, eppure avrebbe comunque risposto con grande precisione quando ero molto più vicino a lui.

Questo comportamento mi ha lasciato perplesso. Una possibilità che ho considerato di spiegare le sue azioni è stata che stava diventando più miope (tecnicamente miope ) con l'età. Miopia significa che gli oggetti vicini sono chiaramente visibili mentre gli oggetti più distanti sono sfocati. Tuttavia questo non aveva senso in termini di ciò che sapevo sugli effetti che l'invecchiamento ha sul sistema visivo umano. Man mano che gli umani invecchiano diventano più lungimiranti (tecnicamente iperopici o presbiti ), il che significa che gli oggetti distanti sono visti chiaramente mentre gli oggetti vicini sono sfocati. Quindi ho interpretato la performance di Dancer come un altro mistero di comportamento canino che non potevo spiegare. Fortunatamente la scienza ha un modo per riempire i buchi associati a lacune nelle nostre conoscenze sui cani.

Un nuovo report è appena apparso sulla rivista PLoS ONE * che fornisce una risposta. La ricerca è stata condotta da un team di ricercatori presieduto da Jerome Hernandez del Centro di ricerca Nestlé Purina, a Saint Joseph, nel Missouri. Questa indagine ha utilizzato uno strumento high-tech chiamato autorefrattore per misurare lo stato ottico degli occhi dei cani, al fine di vedere quali cambiamenti avvengono quando i cani invecchiano. Lo studio ha esaminato nove Beagle di età compresa tra 1 e 14 anni. Sono state prese in totale 20 misurazioni per ciascun cane (cinque per ciascun occhio in condizioni di luce diretta e indiretta). Ogni giorno veniva presa una sola serie di misure e le misurazioni si dimostrarono abbastanza stabili e affidabili di giorno in giorno.

La scoperta sorprendente di questo studio è che i cani, contrariamente agli umani, diventano più miopi man mano che invecchiano. Questi cambiamenti sono abbastanza grandi. Per illustrare questa tendenza di età sono tornato ai dati grezzi originali e ho calcolato un punteggio composito per lo stato visivo di ciascun cane. Ho poi tracciato l'errore di rifrazione di ciascun cane rispetto alla sua età. Finalmente ho tracciato la linea migliore per mostrare la tendenza dell'età. Questo può essere visto nella figura sottostante.

Based on data from J Hernandez et al. (2016) PLoS ONE
Fonte: sulla base dei dati di J Hernandez et al. (2016) PLoS ONE

Le unità di misura sono diottrie, che in realtà è una misura della curvatura di una lente. Un errore di rifrazione è rappresentato da troppa o troppa curvatura. Se l'errore di rifrazione è positivo, significa che l'individuo è lungimirante mentre se l'errore di rifrazione è negativo significa che è miope. Come si può vedere dal grafico, c'è un costante cambiamento nell'errore di rifrazione dei cani con l'età con una tendenza sempre più negativa che indica che i cani stanno diventando sempre più miopi man mano che invecchiano. I cani più vecchi in questo studio (rispettivamente 10 e 14 anni) avevano un errore di rifrazione intorno a -2,5 diottrie. Penso che molti di voi avranno qualche difficoltà a concettualizzare ciò che significa, quindi ho fornito la seguente figura modificata rispetto al rapporto originale. Quello che vedi nella figura è un tipico grafico a occhio e quindi i gradi di sfocatura associati a ciascun livello di errore di rifrazione. Se un individuo è lungimirante, questi effetti di sfocatura si verificano per oggetti vicini, mentre se un individuo è miope (come i cani) questi effetti di sfocatura si verificano per oggetti lontani.

Adapted from J Hernandez et al. (2016) PLoS ONE
Fonte: adattato da J Hernandez et al. (2016) PLoS ONE

Poiché i cani più anziani hanno un errore di rifrazione in prossimità di -2,5 diottrie, ciò significa che stavano osservando oggetti distanti o segnali delle mani distanti con un grado di sfocatura tra le due e le tre immagini diottriche nella figura. Penso che sarete d'accordo sul fatto che questo comporta un po 'di sfocatura e facilmente potrebbe spiegare che un cane non vede o interpreta erroneamente un segnale manuale. Così, diversi anni dopo che la mia amata ballerina è passata, ho finalmente la risposta al motivo per cui il mio vecchio cane ha iniziato a diventare inaffidabile nelle sue risposte ai segnali delle mani man mano che cresceva. Stava diventando semplicemente troppo miope per vedere i miei segnali quando ero a una distanza significativa da lui.

Negli uomini anziani si compensano i cambiamenti di età nella visione attraverso l'uso degli occhiali. Purtroppo non sono disponibili occhiali per correzione ottica per i cani, e se fossero dubbi dubito che i giudici della competizione di obbedienza permetterebbero a un cane sul ring di indossare tali protesi. Tuttavia, per quelli di voi che stanno ancora lavorando con i cani che si stanno alzando da anni, è possibile compensare, almeno un po ', la perdita dell'acuità visiva quando i nostri cani invecchiano e diventano più miopi. L'uso di segnali più grandi con un maggior grado di movimento renderà i segnali leggermente più visibili. E, naturalmente, in molti casi è possibile ricorrere ai comandi vocali piuttosto che usare i segnali manuali.

Stanley Coren è l'autore di molti libri tra cui: Gods, Ghosts e Black Dogs; La saggezza dei cani; Do Dogs Dream? Nato per Bark; The Modern Dog; Perché i cani hanno i nasi bagnati? The Pawprints of History; Come pensano i cani; How To Speak Dog; Perché amiamo i cani che facciamo; Cosa sanno i cani? L'intelligenza dei cani; Perché il mio cane agisce in questo modo? Capire i cani per i manichini; Ladri del sonno; La sindrome di sinistra

Copyright SC Psychological Enterprises Ltd. Non può essere ristampata o ripubblicata senza autorizzazione

* Dati da: Hernandez J, Moore C, Si X, Richer S, Jackson J, Wang W (2016) I cani anziani invecchiano la miopia come misurata da Autorefrattore. PLoS ONE 11 (2): e0148436. doi: 10.1371 / journal.pone.0148436

Solutions Collecting From Web of "Come le abilità visive dei cani cambiano con l'età"