Come la rete sociale sta cambiando la vittimizzazione teenager

Se ti prendi un momento per guardarti attorno, molto probabilmente vedrai i bambini intrappolati senza meta in un dispositivo tecnologico. Che si tratti di un nuovo iPad, di un iPhone, di un laptop o di un altro tipo di tecnologia, gli anni dell'adolescenza sono più esperti di tecnologia rispetto alla maggior parte degli adulti.

L'ascesa di siti di social network come Facebook, MySpace e Twitter ha completamente cambiato il modo in cui i ragazzi comunicano tra loro e con il mondo che li circonda. Rivoluzioni a pieno titolo, questi siti hanno alimentato il moderno blitz dei media digitali che ha capitalizzato su una delle cose che gli adolescenti fanno meglio: socializzare.

L'ascesa del social network consente a tutti noi l'accesso immediato a una pletora di informazioni che possono essere di grande beneficio per le nostre vite, ma possono allo stesso tempo diventare un gateway per la vittimizzazione online. Secondo il National Crime Prevention Council più di un milione di ragazze adolescenti sono vittimizzate psicologicamente, fisicamente o entrambe a causa della socializzazione online. Rinunciando alla privacy per il mondo online della gratificazione istantanea, gli adolescenti stanno inconsapevolmente aiutando a creare una cultura online che generi vittimizzazione e serva ad accendere assalti che tradizionalmente si trovavano off-line.

Come sono cambiati i predatori e i molestatori:

Prima del social network, i predatori erano confinati principalmente alle chat room online. Tuttavia il richiamo dell'accesso istantaneo e delle connessioni immediate offerte dai social network non solo ha fornito un luogo dove gli estranei possono ottenere l'accesso immediato alle informazioni dei ragazzi, ma possono servire da piattaforma per gli adolescenti vittime. E se pensi che siano solo degli estranei dei quali tuo figlio dovrebbe essere stanco, ripensaci. Sono finiti i giorni in cui un pedofilo poteva essere l'unico predatore online cercando di vittimizzare i tuoi ragazzi, con la facilità di comunicare attraverso il social network, i ragazzi sono ora in grado di vittimizzarsi a vicenda.

Esamina tutti i documenti nazionali in un dato giorno e probabilmente vedrai almeno una notizia sugli orrori che gli adolescenti possono subire per il destino del social network. Molti adolescenti con cui ho parlato riferiscono che il cyber stalking, il cyberbullismo e l'abuso informatico sono comuni tra i loro pari. Gli adolescenti dicono che non c'è davvero modo di evitare di entrare in contatto con una sorta di "cyber issue" sui siti di social network, ma sono disposti a correre il rischio se questo significa che avranno una bella vita sociale. Il risultato è una cultura giovanile costantemente bombardata da commenti, suggerimenti e molestie inappropriati e potenzialmente dannosi.

Mentre ci sono diversi tipi di attacchi informatici, ce n'è uno in particolare che parla con i genitori di tutto il paese – e preoccupante. Uno che è così dannoso che può avere effetti psicologici simili a quelli delle vittime di stupro. Benvenuti nel mondo teen di sexting.

Sexting, Rape e PTSD:

Il termine popolare sexting – quando gli adolescenti inviano foto semi-nude o nude via cellulare ai loro amici – è diventato un luogo comune nella cultura degli adolescenti. Il sestismo è uno degli aspetti psicologicamente più dannosi della vittimizzazione online che può scatenare sintomi associati al disturbo post traumatico da stress (PTSD). Alcuni sintomi psicologici sperimentati dalle vittime del sestismo includono flashback, isolamento, comportamenti autodistruttivi e disturbi del sonno. Spesso, come nel caso delle vittime di stupro, il trauma psicologico della vittimizzazione online può avere un impatto duraturo. Sebbene non esistano studi definitivi che definiscano il legame tra sexting e PTSD fino ad oggi, vi sono numerosi casi in cui le vittime del sexting hanno subito risposte psicologiche simili a quelle delle vittime di stupro.

Come gli adolescenti sono vittimizzati online:

Gli stupri di data e lo stupro per conoscenza sono stati a lungo problemi nella cultura adolescenziale, ma ora gli adolescenti che vengono sessualmente aggrediti da un fidanzato o da un conoscente possono ritrovarsi vittimizzati grazie ai telefoni cellulari e al social network quando i loro abusatori si vantano online o inoltrano immagini degradanti a compagne di classe. La vittimizzazione diventa una forma di intrattenimento, divertimento o vendetta per chi abusa e per chiunque altro vaghi per il proprio social network (che può essere di centinaia o migliaia di visualizzazioni).

Anche gli adolescenti con vicinanza emotiva si inseriscono nel loro gruppo di pari, e possono anche portare alla loro rovina. Il concetto di privacy è spesso trascurato a favore della pubblicazione di qualsiasi cosa e di tutto ciò che riguarda solo la vittimizzazione. Quando rivelare le immagini finiscono nelle mani sbagliate, può causare un trauma psicologico. Non guardare oltre casi come quelli di due adolescenti della Florida e dell'Ohio che si sono suicidate nel 2008 dopo aver subito un degrado e un'umiliazione estremi quando i loro ex fidanzati hanno mostrato foto sessualmente esplicite di queste ragazze. Di conseguenza, entrambe le ragazze hanno perso la vita.

Cosa stiamo facendo al riguardo?

A partire dal 2011, ci sono 21 stati che introducono cambiali o leggi finalizzate al sexting, eppure la società minimizza ancora l'impatto devastante del sexting e di altri attacchi informatici perché è un mezzo virtuale e non ha la capacità di fornire prove fisiche. La domanda diventa allora come anticipare gli abusi online, proteggere gli adolescenti e perseguire gli abusanti? Dal momento che tenere il passo con le ultime tecnologie è diventata una battaglia in corso per le forze dell'ordine e distretti scolastici in tutto il paese, i genitori e gli educatori devono rimanere vigili sulla protezione dei nostri figli online.

Suggerimenti per i genitori:

Sai se la tua figlia adolescente o il figlio sono stati vittimizzati online? Probabilmente no. Nonostante i migliori sforzi dei genitori, gli adolescenti sono bravi in ​​quello che fanno – aggirando le regole – e le probabilità che tuo figlio o uno dei suoi amici siano stati vittimizzati attraverso il social network. Questo non vuol dire che tutti gli adolescenti sono in pericolo online, ma capire come aiutare i propri ragazzi a proteggersi è la chiave per prevenire ulteriori vittimizzazioni.

1. Stabilisci regole chiare e coerenti con i tuoi ragazzi riguardo all'uso della tecnologia. È anche importante parlare con tuo figlio delle conseguenze del sexting.

2. Prendi familiarità con la tecnologia. Se tuo figlio lo sta usando, anche tu dovresti. Assicurati di aver compreso concetti come email, SMS, IMing, giochi, social network, telefono cellulare e webcam.

3. Chiedi a tuo figlio di Facebook e MySpace. Mentre Facebook ha cercato di rendere più semplice l'impostazione delle impostazioni sulla privacy dei tuoi ragazzi, molte persone hanno ancora esposto dati personali e nemmeno lo sanno.

4. Stabilisci confini chiari su ciò che i tuoi ragazzi potrebbero e potrebbero non fare con i loro telefoni cellulari. Ciò include il monitoraggio del tempo che il bambino trascorre sui siti di social networking e quando utilizzano i siti.

Solutions Collecting From Web of "Come la rete sociale sta cambiando la vittimizzazione teenager"