Come la compassione affievolisce le relazioni sentimentali

Quando la maggior parte delle coppie si innamora, sperimentano alti livelli di compassione. Generalmente sono sensibili ai sentimenti degli altri, si preoccupano molto del benessere degli altri e mostrano un forte desiderio di alleviare qualsiasi ferita o difficoltà che possono sorgere.

La compassione diminuisce in tutte le relazioni, ma per ragioni diverse in unioni felici e problematiche. Nel primo caso, ci sono meno ferite, difficoltà e bisogno di compassione. Le relazioni felici invocano automaticamente il paradosso della compassione: "Se è disponibile ogni volta che è necessario, è raramente necessario." La scarsità di compassione nei momenti di dolore, stress o disagio, all'inizio crea mentalità di privazione, un tipo speciale di bisogno che ti fa desiderare tutto può arrivare finché puoi ottenerlo, perché non sarà disponibile a lungo. Alla fine la scarsità di compassione genera risentimento e disprezzo.

Nelle relazioni problematiche, le coppie tendono a incolpare la compassione calante (in ordine decrescente nel tempo):

  • Problemi
  • Differenze, disaccordi
  • Cattivo comportamento dei partner
  • Il carattere dei partner.

La causa iniziale della diminuzione della compassione è più sottile. Il più delle volte è una contraddizione tra ciò che le emozioni negative si sentono e ciò che sembrano.

Le emozioni sono attivate dal cambiamento, esterno (nell'ambiente) o interno – sensazione, variazione fisiologica, pensieri, ricordi, immaginazione. Le emozioni rispondono al cambiamento percepito inviando segnali di azione ai gruppi muscolari e agli organi del corpo. Ci preparano a fare qualcosa; motivano il comportamento.

L'elemento motivazionale delle emozioni ha forti manifestazioni fisiche, che si sono evolute prima del linguaggio, quando il contegno e l'espressione emotivi erano le forme primarie di comunicazione e negoziazione. Questi sono i più evidenti in:

  • Linguaggio del corpo (espressioni facciali, postura, gesti, movimento oculare)
  • Tono di voce
  • Attenzione / distrazione.

Quelli che sono comunemente chiamati "sentimenti" sono l'elemento soggettivo delle emozioni, il modo in cui gli individui li sperimentano nella mente e nel corpo.

Ora ecco il problema Le emozioni negative quasi sempre si sentono diverse all'interno dal modo in cui guardano all'esterno.

Ad esempio, il risentimento si sente offensivo e svalutante, come se tu fossi stato vittimizzato o trattato ingiustamente; sembra ipocrita, meschino, rifiutante e ostile. L'ansia è tesa, come se fosse oberato di troppo o potesse diventare sopraffatto; sembra controllante o esigente e spesso manipolativo nei rapporti d'amore. La tristezza è dolorosa, con un senso di perdita; nel contesto di una relazione di compassione bassa, sembra ossessionato da se stesso o rifiutato.

Ma non credermi sulla parola; testare l'ipotesi. Pensa a qualcosa che è successo al lavoro oa casa che ha scatenato il tuo risentimento. Pensa a quanto sia stato ingiusto, come non dovrebbe essere stato in quel modo e come ti stai ignorando o sfruttando. Nel mezzo dei tuoi pensieri risentiti – senza modificarli – fai scattare un selfie.

Esacerbiamo la disconnessione tra le manifestazioni esterne delle emozioni e il modo in cui si sentono interiormente confondendo i sentimenti con i giudizi sul comportamento di altre persone. Espressioni come "Mi sento ignorata, inascoltata, manipolata, controllata, tradita, maltrattata" e così via, sono diventate comuni. Eppure questi non sono sentimenti; sono sentenze, se non velate accuse. Hanno quasi sempre una risposta difensiva, piuttosto che compassionevole. Considera la tua risposta a livello di viscere al seguente:

"Mi sento ignorato."

"Mi sento triste perché mi sembra di aver perso qualcosa che apprezzo molto, il tuo interesse".

Se esprimi il primo, è probabile che le tue manifestazioni fisiche siano interpretate, per quanto errate, come esigenti, autorizzate e sconsiderate nei sentimenti del tuo partner.

Per eliminare la disconnessione tra ciò che l'emozione si sente e ciò che sembra, i sentimenti devono essere esaminati con attenzione all'aspetto motivazionale delle emozioni – ciò che l'emozione ti sta dicendo di fare.

Ogni emozione porta una motivazione generale per un comportamento selezionato dalle ampie categorie di approccio, evitare o attaccare . In realtà, i ricercatori usano due categorie: approccio ed evitamento, perché devi affrontare l'attacco. Ma nella navigazione delle relazioni amorose, ha senso distinguere l'approccio dall'attacco.

Se il cambiamento che stimola l'emozione sembra promettente, la solita risposta è l'interesse o il divertimento, che motiva vari comportamenti di approccio: "percepisci di più, impara di più, ottieni di più".

Se il cambiamento sembra poco promettente o pericoloso, la rabbia, la paura o il disgusto emerge con la motivazione di evitare (allontanarsi o tacere) o attaccare – neutralizzare la minaccia dell'Io percepito.

Esempi di comportamenti di approccio : apprendere, simpatizzare, incoraggiare, aiutare, proteggere, negoziare, cooperare, soddisfare, deliziare, influenzare, guidare, affermare, fissare i limiti.

Esempi di comportamenti da evitare : ignorare, ritirare, stonewall, guardare in basso, depersonalizzare.

Esempi di comportamenti di attacco : controllare, criticare, manipolare, chiedere, costringere, minacciare, prepotente, dominare.

Nelle relazioni intime, quasi tutto ciò che dici e fai nella motivazione dell'approccio riuscirà a lungo termine. Quasi tutto ciò che dici o fai per evitare o attaccare le modalità farà più male che bene a lungo termine.

Motivazione e intenzione

Molte persone rimangono bloccate nei distacchi cerebrali di Toddler ("Mine!" "No!") Confondendo sentimenti con obiettivi e intenzioni. Ad esempio, Sabrina è venuta nel mio ufficio per un "problema di comunicazione" con il suo partner. Descrisse un terribile alterco che iniziò con quello che lei definì come il suo "duro ma giusto rimprovero": "Per favore guarda il saldo del conto prima di scrivere un assegno! Siamo di nuovo attirati di nuovo, per la quarta volta! "

Il suo obiettivo in questa interazione, ovviamente, era chiedere al suo partner di fare più attenzione con il libretto degli assegni. La sua intenzione era di far sapere al suo partner che era sconvolta, a causa della ripetuta supervisione. Ma nel cervello di Toddler il problema è diventato di autonomia piuttosto che di negoziazione con una persona cara. Sentendosi svalutato, il cervello di Toddler ha optato per il potere e ha attaccato. La motivazione dell'attacco – non l'obiettivo o l'intenzione di Sabrina o ciò che sentiva all'interno – la faceva apparire come se stesse cercando di far sentire il suo compagno male per aver fatto l'errore. La risposta del partner, ovviamente, era difensiva e di rappresaglia. Dopo qualche mutua chiamata, ha detto che sarebbe stato più attento, nella sottomissione e nell'umiliazione, che ha intorpidito con risentimento. In effetti, questo è il motivo per cui egli "ha dimenticato" di controllare il saldo del conto in primo luogo – le lotte di potere producono quasi sempre un comportamento passivo-aggressivo da parte di chi deve presentare. Questo tipo di oblio di solito non è di proposito. In molte occasioni in passato, il forte allarme del cervello di Toddler ha fatto interpretare a Sabrina le normali distrazioni di una vita frenetica come un affronto personale, spingendo la sua modalità di attacco. Dopo solo un paio di ripetizioni di questo ballo, il suo compagno ha associato il libretto degli assegni con l'umiliazione. (Gli umani faranno quasi tutto per evitare di pensare all'umiliazione). Cercò automaticamente cose più interessanti per occupare la sua mente, il che lo rendeva più probabile che dimenticasse il saldo del conto corrente. Più spesso dimenticava, più Sabrina attaccava, mentre si prendeva gioco della "giustezza" dei suoi obiettivi e delle sue intenzioni. Ha peggiorato le cose scegliendo le sue parole da una delle migliaia di elenchi di "abilità comunicative" pubblicate su Internet e sulle riviste, che ha aggiunto un ulteriore livello di ipocrisia ai suoi attacchi "I-statement". "Mi sento ignorato, ignorato e non rispettato."

La tua intenzione potrebbe essere di discutere delle finanze, ma sei destinato a creare problemi se la tua motivazione è di svalutare il tuo partner per non essere d'accordo con te. La tua intenzione potrebbe essere quella di disciplinare il tuo bambino, ma l'eccitazione fisica della rabbia è più probabile che invochi paura in un bambino più piccolo e disprezzo in un adolescente. La tua intenzione potrebbe essere quella di aiutare, ma quella è persa quando l'eccitazione emotiva ti fa sembrare condiscendente o coercitivo.

Domande da porsi

"La mia motivazione in questa interazione è di avvicinarsi, evitare o attaccare?"

"Agire su questa motivazione ci avvicina alla relazione che più desidero avere?"

"Agire su questa motivazione sarà coerente con i miei valori fondamentali?"

"Sto volendo più comprensione e simpatia di quello che sto mostrando?"

"Sono io la persona, il partner e il genitore che più desidero essere?"

Amore in ascesa

Solutions Collecting From Web of "Come la compassione affievolisce le relazioni sentimentali"