Come Israele può portare la pace nel mondo

Come Israele può portare la pace nel mondo

di Izzy Kalman

Una lettera aperta ai miei compagni ebrei:

I miei genitori erano sopravvissuti all'Olocausto. La consapevolezza dell'odio nei confronti degli ebrei e della capacità del male dell'uomo è stata saldamente radicata nel mio essere fin dall'infanzia. Sono stato contemporaneamente al corrente del conflitto arabo-israeliano negli ultimi cinquant'anni e, come la maggior parte delle persone nel mondo, ho atteso con impazienza "la pace in Medio Oriente". Ho vissuto in Israele per poco più di un decennio e ho iniziato la mia famiglia Là. Mi addolora il fatto che Israele sia ancora in conflitto con i suoi vicini e che i suoi sforzi per sopravvivere implichino l'uccisione di così tanti di loro.

Vorrei che fosse chiaro che questo articolo non è un tentativo di incolpare nessuno. La colpa serve solo a mantenere le ostilità in corso. Ogni parte sta facendo ciò che ritiene necessario per la propria sopravvivenza. Né si rende conto di come le sue azioni possano essere controproducenti. Mi rivolgo ai miei compagni ebrei non perché tutto è colpa nostra, ma perché sarebbe presuntuoso per me suggerire dall'altra parte cosa dovrebbe fare. Credo anche che quando una parte dell'equazione cambia, anche l'altra parte deve cambiare. Posso solo chiedere al mio popolo di essere colui che inizia il cambiamento. Non si tratta di incolpare la nostra gente, ma di farci prendere la responsabilità di raggiungere la pace.

La nostra religione ci informa che il nostro scopo nel mondo è di servire come una "luce per le nazioni". Ciò significa che dobbiamo insegnare al resto del mondo il modo giusto di vivere. L'unico modo per insegnare questo efficacemente è attraverso l'esempio. Poiché gli occhi del mondo sono così intensamente concentrati su Israele, ciò che facciamo è fondamentale. Possiamo mostrare al mondo la via giusta o il modo sbagliato di vivere.

La capitale di Israele è Gerusalemme, che significa "Città della pace". La grande ironia è che se tutto il mondo dovesse riflettere ciò che sta accadendo tra Israele ei suoi vicini, ci sarebbe una perpetua Guerra Mondiale. Difficilmente possiamo dire che siamo riusciti nella nostra missione finale e, di conseguenza, stiamo causando tremende sofferenze, specialmente ai nostri vicini arabi. Mentre potremmo essere in grado di giustificare moralmente le azioni militari di Israele, non annulla il fatto che stiamo uccidendo molti più di loro di quanto lo siano noi, ed è quello che vedono le persone. Così, siamo diventati una luce che la maggior parte del mondo vorrebbe vedere estinta.

Non doveva essere così. Non era la visione della nostra Bibbia e non era la visione dei primi leader sionisti. Dovevamo essere un esempio di moralità per il resto del mondo. E anche se dobbiamo prendere alla lettera le ingiunzioni bibliche per sradicare le nazioni pagane cananee che rifiutano di permettere ai discendenti di Abrahamo di vivere sulle loro terre, quelle terre non sono più occupate dai pagani cananei. Sono occupati da arabi, stragrande maggioranza musulmani con una piccola minoranza cristiana. I musulmani sono anche i figli di Abramo, promotori del monoteismo. Sia il giudaismo che l'islam considerano i musulmani la progenie di Ismaele, il fratello di Isacco, antenato degli ebrei. Il cristianesimo è una propaggine del giudaismo. I nostri fratelli musulmani e cristiani hanno già adempiuto l'istruzione biblica per sostituire i Cananei. Loro, non gli ebrei, hanno attualizzato la promessa biblica ad Abramo che la sua progenie diventerà numerosa come i granelli di sabbia sulla Terra e le stelle nel cielo.

Inoltre, nel complesso, i musulmani sono esempi migliori di vivere secondo i dettami della nostra Bibbia di quanto lo siano noi ebrei moderni. Non abbiamo alcun problema a trattarli come nemici e come cittadini di seconda e terza classe. Oggi siamo molto diversi da quando siamo stati esiliati duemila anni fa. Siamo cambiati geneticamente e culturalmente. Recentemente ci siamo reintrodotti in massa nella loro regione trascurando di imparare la loro lingua; ha introdotto una cultura occidentale apparentemente pagana che adora il sesso, l'alcol e il denaro; presi possesso del loro territorio sia con denaro straniero che con la forza militare; e li abbiamo trasformati in servi a basso reddito che costruivano case per noi nei loro quartieri. In qualche modo siamo sorpresi che non ci abbiano accolto a braccia aperte. Invece, abbiamo bisogno di affrontarli con umiltà e gratitudine, e con la promessa che stiamo tornando per creare una società che andrà a beneficio non solo degli ebrei ma anche degli arabi. Anche loro sono coinvolti in una violenta guerra gli uni contro gli altri e potrebbero servirci di qualche aiuto per incorporare alcuni dei vantaggi del sistema democratico occidentale.

Qual è il punto di ristabilire una sovranità di Israele se vuole diventare il posto più pericoloso per gli ebrei, se diventa un campo di concentramento in cui altri sei milioni di ebrei possono essere annientati in un istante da una bomba atomica ben piazzata? Che senso ha creare uno Stato se cancella la compassione che il mondo provava per gli ebrei dopo l'Olocausto e solleva l'antisemitismo ad un livello che non si vede dagli anni '30? Possiamo pubblicizzare con orgoglio le nostre ammirevoli realizzazioni in scienza, medicina, tecnologia, arte, affari e militari, ma è inutile se il mondo ci vede come i nuovi nazisti. La Germania prebellica era anche un gioiello di scienza e arte.

L'unica vera giustificazione per l'esistenza di un moderno Stato di Israele è di essere una nazione che vive secondo la Regola d'oro. Questo ci impone di amare i nostri nemici e di restituire il male con gentilezza. Abbiamo speso innumerevoli miliardi di dollari in guerra. Immagina quale sarebbe stata la condizione sia degli ebrei che dei palestinesi se quei soldi fossero stati spesi invece per migliorare la vita.

Se desideriamo prevenire una guerra perpetua ed intensificante, è assolutamente essenziale ripensare i nostri attuali modi e capire come vivere in pace con i nostri vicini arabi. Molti esperti analisti politici ritengono che ciò sia impossibile e che Israele sia condannato a vivere in un costante stato di guerra. Considerando la storia, così come la difficoltà che noi ebrei abbiamo nell'amare i nostri fratelli ebrei, questa non è una conclusione irragionevole.

Tuttavia, credo che la pace sia possibile. Così ha fatto il rabbino Menachem Mendel Schneerson, il Lubavitcher Rebbe, scomparso vent'anni fa. Era convinto che il mondo stava migliorando e che l'era del Messia, che lui considerava essere l'età della pace universale, si stava rapidamente avvicinando. Raramente si sapeva che si sbagliava su qualcosa.

Siamo orgogliosi della nostra intelligenza, che abbiamo usato bene per la scienza, le arti e gli affari. Abbiamo bisogno di deviare alcuni di quei cervelli nella tecnologia della pace.

Si dice spesso: "Non ci sono soluzioni facili". Non è vero. Non sono soluzioni difficili. Sono problemi che sono difficili. Quando abbiamo un problema in corso, stiamo lavorando molto duramente per risolverlo e qualunque cosa stiamo facendo non funziona. Di solito quando troviamo una soluzione che funziona, tende ad essere qualcosa di molto semplice.

Ricordo di aver imparato alcuni decenni fa in psicoterapia che quando abbiamo un problema in corso, le cose che stiamo facendo per risolvere il problema sono in realtà ciò che sta facendo continuare il problema. Tutti desiderano la pace, ma nessuna delle parti si rende conto che le cose che stanno facendo nel tentativo di creare la pace stanno facendo continuare lo stato di guerra e si intensificano.

Durante tutta la mia vita ricordo che entrambe le parti nel conflitto arabo-israeliano hanno presentato portavoce intelligenti ed eloquenti che difendono la sua parte e incolpano l'altro nella speranza che la verità emerga e porti la pace. Nessuna delle parti si rende conto che gli stessi atti di difesa e incolpazione sono atti di ostilità. Sono parte integrante del problema, non della soluzione. Più ci difendiamo con passione e li incolpiamo, più si difendono con passione e ci incolpano. E nel processo ognuno di noi si convince che abbiamo ragione e l'altro è sbagliato. Di conseguenza, l'animosità prospera.

Ogni lato desidera ardentemente il giorno in cui possono trasformare le loro spade in vomeri. Continuiamo a fare spade migliori nell'aspettativa che porteranno al giorno in cui possiamo trasformarle in vomeri. Non ci rendiamo conto che quanto migliori facciamo le nostre spade, tanto più ritardiamo la loro trasformazione in vomeri.

Ogni parte si rivolge a nazioni più potenti per il supporto contro l'altra. Queste nazioni credono sinceramente che, sostenendo la parte che considerano quella buona, aiuteranno a porre fine alla guerra. A volte l'intervento di altre nazioni, infatti, ha successo nel mettere fine alla guerra. Troppo spesso si traduce in una massiccia triangolazione, intensificando le ostilità non solo tra le parti in guerra, ma tra le nazioni che si schierano dalle loro parti. Ad esempio, l'Iran si considera combattendo non solo il Piccolo Satana di Israele, ma il Grande Satana degli Stati Uniti.

C'è solo un modo per vivere in pace. È seguendo la regola d'oro. E questo implica trattare le persone come amici anche quando ci trattano come nemici. Ma questo è contrario alla nostra natura. Siamo programmati biologicamente per la reciprocità, per trattare gli altri nel modo in cui ci trattano. Ecco perché quando le persone sono gentili con noi, ci sentiamo come se fossimo di ritorno, e quando le persone sono cattive con noi, abbiamo voglia di essere cattivi indietro. Mentre molte persone possono recitare una versione della Regola d'oro, in genere non vivono con essa. Fanno ciò che viene naturale per loro, che è la reciprocità. E questo è quello che succede in ogni conflitto in corso. Un lato è cattivo per l'altro, e l'altro lato risponde in modo meschino. Si aspettano che rispondendo con cattiveria, finiranno il conflitto. Entrano in un ciclo perpetuo di meschinità, ognuno sicuro dell'inizio dell'altro.

È facile trattare le persone come gli amici quando ci trattano come amici. La sfida è trattare le persone come gli amici quando ci trattano come nemici. Tuttavia, poche persone capiscono cosa significa trattare le persone come amici perché nessuno ci insegna cosa comporta realmente. Ci sono molti modi in cui trattiamo le persone come nemici e non ne siamo consapevoli. Pertanto, anche se vorremmo trattare i nostri nemici come amici, non è probabile che sappiamo come farlo.

Gli scienziati risolvono i problemi comprendendo e applicando le leggi della natura. Non inventano quelle leggi. Li rivelano solo attraverso mezzi come osservazione, introspezione, pensiero logico e test. Anche la pace può essere creata solo rivelando e applicando le leggi scientifiche pertinenti, leggi che derivano dalla comprensione della psicologia umana.

Se desideriamo sviluppare un approccio scientifico per creare la pace, dobbiamo imparare da persone che effettivamente sanno come farlo. Ci sono persone che vivono intuitivamente secondo la regola d'oro, che trattano i nemici come amici. Il miglior esempio che conosco in Israele è un uomo straordinario di nome Menachem Froman, un rabbino ortodosso che purtroppo ha perso la vita a causa di cancro l'anno scorso. Rabbi Froman fondò l'insediamento Tekoa nei territori contesi, dieci minuti a sud di Gerusalemme. Mentre ci si aspetterebbe che fosse parte del problema, è venuto ad essere amato non solo dai suoi vicini arabi, ma da Yasser Arafat e dai leader di Hamas. Sentivano di poter raggiungere rapidamente la pace se rappresentava Israele.

Rabbi Froman ha esemplificato la regola d'oro. Ha trattato i suoi vicini arabi come veri amici. Ha mostrato profondo rispetto per la loro religione, cultura e persone. Sapeva che la pace richiede ai singoli cittadini di farlo

Rabbi Menachem Froman

trattare direttamente l'un l'altro come amici. Non basta affidarsi a leader politici o militari per farlo per loro.

Altre persone nel corso della storia, così come personaggi moderni come Mahatma Gandhi, Martin Luther King, Jr. e Nelson Mandela, intuitivamente sapevano come creare pace. Hanno tutti seguito le stesse regole di base. Non sono sicuro che queste persone possano consapevolmente dirci le specifiche regole scientifiche / psicologiche che hanno seguito, così come tutti noi agiamo secondo le regole della natura senza necessariamente esserne consapevoli. Ma ci servirebbe bene per esaminare attentamente i pensieri, le azioni e gli insegnamenti di questi esperti morali. Dobbiamo dedurre le loro regole per la pace in modo che possiamo applicarle tutte.

Per stabilire la pace non è sufficiente organizzare manifestazioni di condanna della violenza e cantare Kumbaya ai fuochi da campo. Dobbiamo usare il nostro cervello per capire il set di regole per creare pace a livello internazionale. La verità è che questo non è uno sforzo difficile. Non richiede il tipo di massiccio investimento di denaro coinvolto nella ricerca per scoprire particelle o pianeti subatomici in altre galassie. In effetti, ci sono persone che hanno già dedotto quelle regole. Abbiamo solo bisogno di riconoscerli e insegnarli alle masse, anche ai nostri leader politici. Il geniale psicologo / scienziato / filosofo Steven Pinker, un ateo ebreo autodefinito, ha svolto un meraviglioso lavoro di analisi della violenza e della sua riduzione nel suo recente libro, The Better Angels of Our Nature. Culmina in un progetto per far vivere le nazioni secondo la Regola d'oro. Nel mio lavoro individuale, ho formulato una serie di regole logiche per trattare le persone come gli amici e funzionano bene a livello individuale. Queste stesse regole, e molte altre, si possono trovare anche in The Purpose Driven Life , del reverendo Rick Warren, uno dei libri di saggistica di successo della storia. Frammenti di regole per la pace possono essere trovati in tutti gli scritti di saggezza. Certo, le guerre sono più complesse delle relazioni individuali, ma si applicano anche le stesse regole generali per trattare le persone come gli amici.

È troppo facile cedere alle nostre passioni e ingaggiare la guerra contro coloro che ci trattano come nemici. La guerra è l'approccio più costoso, tragico e controproducente per creare amicizia. La pace è più semplice ed economica e crea benessere piuttosto che dolore straziante.

Come Anav Silverman ci informa, Rabbi Froman "è stato determinante nella creazione del movimento Eretz Shalom o Terra della Pace, che cerca la coesistenza pacifica tra coloni ebrei e palestinesi in … West Bank." Se i coloni ei palestinesi possono vivere in pace, possiamo tutti imparano a farlo Continuiamo l'eredità di Rabbi Froman studiando il suo approccio e seguendo il suo esempio.

Gli occhi del mondo ci sono incollati. Le nostre azioni hanno il potere di cambiare il mondo. Quando proveremo che gli ebrei possono vivere in pace con i loro vicini in Medio Oriente, realizzeremo il nostro ruolo di luce per le nazioni. Apriremo l'era del Messia, rendendo la predizione di Rabbi Schneerson una realtà.

Solutions Collecting From Web of "Come Israele può portare la pace nel mondo"