Come è il tuo "dovere"?

Il nostro sé ideale è la persona che vogliamo essere. Il nostro sé è la nostra comprensione di ciò che gli altri vogliono che siamo – ciò che dovremmo essere e fare. Poi c'è il nostro sé reale. Cosa succede quando il nostro sé reale non corrisponde al sé ideale o dovrebbe?

E. Tory Higgins ha definito la relazione tra questi vari sé – reale, ideale e dovuto – nella sua teoria dell'auto-discrepanza. L'ideale e se stessi sono le nostre "guide" o norme che usiamo per organizzare le informazioni e motivare l'azione. Le proprietà motivazionali di questi sé sono legate alle emozioni specifiche che sono associate alla discrepanza tra il sé reale e il sé ideale o dovuto. Per esempio, quando il nostro sé reale non si allinea con il nostro sé ideale, in genere ci sentiamo delusi, tristi o scoraggiati. Quando il nostro sé reale non combacia con il nostro sé, tipicamente ci sentiamo agitati, colpevoli, angosciati e ansiosi. Come suggerisce l'immagine sopra, le nostre percezioni o percezioni errate di sé e la discrepanza tra il nostro io reale e quello ideale possono avere conseguenze disastrose. Tuttavia, gli effetti sulla salute della teoria dell'auto-discrepanza non sono il mio obiettivo. Voglio considerare in che modo l'auto-discrepanza potrebbe riguardare il nostro inutile ritardo.

Uno studio recente indica che i procrastinatori hanno una maggiore discrepanza rispetto ai non procrastinatori. Joe Ferrari (DePaul University), Mark Driscoll (ex studente universitario alla Marquette University) e Juan Francisco Diaz-Morales (Università Complutense, Madrid) hanno esaminato il sé dei procrastinatori cronici facendo in modo che i partecipanti alla ricerca ordinassero dichiarazioni autodescrittive in relazione al loro percepito sé effettivi, dovuti e indesiderati.

La loro ricerca
All'inizio del termine, i volontari studenti hanno completato una misura di procrastinazione. Un paio di settimane dopo, a questi partecipanti è stato chiesto di ordinare 48 carte di indice in pile. Ogni carta indice aveva un attributo o una caratteristica del sé scritto su di esso; questi includevano tratti di auto-concezione e di auto-presentazione. Ad esempio, le affermazioni di sé sulla carta includevano parole o frasi come: un gran lavoratore, bravo a rispettare le scadenze, affidabile, affidabile, affidabile, forte. Tattiche di auto-presentazione incluse: scusa, giustificazione, miglioramento, intimidazione.

Il compito di smistamento è stato condotto in tre fasi. In primo luogo, i partecipanti hanno ordinato le carte per riflettere i loro sé veri (effettivi). Questo è stato seguito da specie per il sé stesso e il sé indesiderato. I punteggi di auto-discrepanza sono stati calcolati per ciascuno dei tre domini di sé in modo tale che il numero di carte classificate in modo non corrispondente meno il numero di carte corrispondenti al sé reale e al proprio sé costituisse il punteggio di discrepanza reale. La stessa procedura è stata utilizzata per la discrepanza effettiva indesiderata e per i punteggi di discrepanza indesiderati.

Le loro scoperte
I punteggi sulla misura di procrastinazione sono stati utilizzati per raggruppare i partecipanti in gruppi di procrastinazione alta e bassa. I partecipanti nell'alto gruppo di procrastinazione ("procrastinatori") avevano maggiori discrepanze rispetto ai non procrastinatori nel modo in cui percepivano le loro caratteristiche di auto-concetto e le tattiche di auto-presentazione. Nello specifico, i procrastinatori presentavano maggiori discrepanze tra il sé effettivo e il sé, nonché i sé effettivi e indesiderati. Come notano gli autori, i risultati sono coerenti con le ricerche precedenti ". . . tale che la discrepanza reale avrebbe dovuto essere il miglior predittore di procrastinazione come valutato dall'AIP [Inventario degli adulti per procrastinare] "(pagina 120).

Che cosa significa tutto questo?
Le proprietà motivazionali dell'ideale e del proprio sé rappresentano fondamentalmente una dicotomia tra approccio ed evitamento, rispettivamente. Queste auto-guide influenzano anche la nostra motivazione in altri modi. Ad esempio, ciò a cui prestiamo attenzione è diverso per l'ideale e per il proprio io. L'auto ideale ci guida a prestare attenzione ai segnali per il raggiungimento e il raggiungimento di obiettivi di successo. Questo è ciò che Higgins definisce un "obiettivo di promozione". Al contrario, il "focus di prevenzione" è definito dal sé stesso a cui prestiamo attenzione per evitare danni. Questo vale anche per le proprietà motivazionali del sé indesiderato. Lavoriamo per evitare questo io, l'attenzione alla prevenzione.

Non a caso, c'è un contrasto nel modo in cui queste motivazioni di approccio e di evitamento si riferiscono alle nostre emozioni. Quando raggiungiamo obiettivi legati al nostro io ideale (il nostro obiettivo di promozione), proviamo piacere. Quando raggiungiamo obiettivi relativi al nostro sé (il focus sulla prevenzione), ci sentiamo sollevati. Esistono certamente differenze individuali nel fatto che di solito ci concentriamo sul sé ideale e sulle motivazioni di avvicinamento, o sulle motivazioni del sé (o indesiderate) e sull'evitamento.

Con la discrepanza di sé / sé-auto-osservato annotata in questa ricerca, possiamo dedurre che l'evitamento può assumere la forma di procrastinazione. Certamente, le emozioni associate a questa discrepanza, cioè agitazione, senso di colpa e ansia, sono emozioni ben note ai procrastinatori cronici. Sfortunatamente, la ricerca condotta finora solleva più domande che risposte in termini di come il nostro senso del sé come definito da Higgins e colleghi si riferisce alla procrastinazione.

Commenti conclusivi . .
Tutta la ricerca, in particolare nelle scienze sociali, è al massimo penultima. Restiamo sempre con nuove domande e possibilità. Detto questo, siamo anche in grado di mettere insieme più delle nostre "probabili storie" sul mondo e su come funziona.

Nel caso della procrastinazione, la probabile storia che potremmo raccontare sulla base della ricerca di Ferrari e dei suoi colleghi è che i procrastinatori sentono il peso del proprio sé, quello che ci si aspetta da loro, "cosa dovrebbero fare" invece di quello che loro stai facendo davvero. Anche quando alla fine raggiungono i loro obiettivi, forse con i loro tipici "sforzi dell'ultimo minuto", l'emozione è spesso di sollievo rispetto al vero piacere nelle loro realizzazioni. Quando non recitano, quando i loro sé effettivi sono lontani da loro stessi, le loro emozioni sono tipicamente agitazione, senso di colpa e ansia.

Abbiamo visto questa forma di evitamento in relazione alle aspettative degli altri prima con la nostra considerazione del perfezionismo socialmente prescritto. Quando cerchiamo di soddisfare le aspettative degli altri (le prescrizioni altrui del nostro sé), è più probabile che procrastiniamo. Abbiamo anche discusso di questo in relazione alla realizzazione dei compiti nella nostra vita – autenticamente vivendo le nostre vite in un modo in cui ci identifichiamo con i nostri compiti in relazione ai nostri valori e obiettivi (vedi ad esempio il blog sull'esistenzialismo, auto- inganno e procrastinazione.

Nella misura in cui viviamo le nostre vite alla ricerca dei nostri sé ideali (le nostre speranze), al contrario di cercare di vivere fino al nostro dovere o tentare di evitare i nostri sé temuti indesiderati, potremmo essere sulla strada verso l'efficacia, l'autenticità azione e meno inutile ritardo del lavoro motivato da obiettivi falsamente interiorizzati.

Riferimenti

Ferrari, JR, Driscoll, M. e Diaz-Morales JF (2007). Esaminando il sé di procrastinatori cronici: attributi effettivi, dovuti e indesiderati. Ricerca sulle differenze individuali, 5 , 115-123.

Higgins, ET (1989) Auto-discrepanza: una teoria che riguarda sé e affetto, Revisione psicologica, 94 , 319-340

Higgins, ET, Roney, C., Crowe, E., & Hymes, C. (1994). Ideal contro le predilezioni per l'approccio e l'evitamento: distinti sistemi di autoregolamentazione. Journal of Personality and Social Psychology, 66 , 276-286.

Lay, CH (1995). Trait procrastinazione, agitazione, abbattimento e auto-discrepanza. In JR Ferrari, JA Johnson e WC McCown, procrastinazione ed evasione dei compiti: teoria, ricerca e trattamento . New York: Plenum Press.

Orellana-Damacela, LE, Tindale, TS, e Suarez-Balcazar, Y. (2000). Procrastinazione decisionale e comportamentale: come si relazionano alle discrepanze. J ournal of Social Behavior and Personality , 15 , 225-238.

Solutions Collecting From Web of "Come è il tuo "dovere"?"