Come il pregiudizio educativo svantaggia le nostre figlie nere

Una storia di due studenti di matematica del 7 ° grado: un figlio bianco e una figlia nera.

Shutterstock

Fonte: Shutterstock

Mi capita di avere due bambini di 13 anni, uno bianco e l’altro nero. Mio figlio è il nostro bambino biologico – e quindi bianco, come me e suo padre – e mia figlia è adottata dall’Etiopia. Chiamiamoli John e Sarah.

Quando avevano 11 anni e entravano in prima media, io e mio marito li abbiamo iscritti in una scuola privata nel Connecticut, che abbiamo scelto in gran parte perché attrae un corpo studentesco culturalmente e razzialmente diverso. Pensavamo che la mancanza di diversità economica sarebbe stata bilanciata da una ricchezza culturale che la nostra scuola pubblica locale non poteva fornire.

Alla fine del sesto anno, la scuola ha suggerito che John prendesse gli onori pre-algebra in seconda media, con Sarah che rimane in un programma di matematica generale. John era sempre stato uno studente più serio, ei ragazzi stavano bene, quindi non discutemmo.

Come dodicenne in seconda media, John e Sarah hanno fatto i compiti insieme. Ben presto, Sarah si rese conto che lei poteva comprendere e finire gli onori di matematica di suo fratello lavorare più velocemente di quanto potesse. Forse era stata messa nella classe di matematica sbagliata, si chiese a voce alta, e meritava di essere anche in matematica con gli onori. Questo riconoscimento della sua abilità e della nuova scintilla per eccellere mette in moto una serie di eventi che ci mettono in un viaggio sconvolgente che è fin troppo familiare per molte famiglie in tutto il paese.

Scetticismo e dubbio

Io e mio marito abbiamo iniziato il processo con una telefonata al capo della scuola. Dicendo che non aveva alcun controllo sulla posizione in matematica, ci disse di contattare l’insegnante di matematica dei nostri figli, il capo del dipartimento di matematica e il capo della scuola media. Poi si è preoccupata a voce alta del fatto che stessimo affidando a nostra figlia il fallimento. Le abbiamo assicurato che potremmo aiutare Sarah a casa se ne avesse avuto bisogno. Eravamo emozionati dal fatto che lei stesse mostrando interesse per eccellere negli accademici, spiegammo, e che la sua fiducia fosse aumentata. Ma era chiaro che, a capo della scuola, il problema era più complicato. Io e mio marito abbiamo riso dopo la chiamata e ci siamo chiesti quale fosse il grosso problema. Non era come se stessimo chiedendo che Sarah venisse spostata alla geometria o ad un altro livello.

Tuttavia, ci siamo comportati come previsto e abbiamo ricevuto un appuntamento alcuni giorni dopo. Poi si sono verificati un paio di eventi che abbiamo trovato bizzarri e inaccettabili. Per prima cosa, l’insegnante di matematica si avvicinò a Sarah nella caffetteria e disse, davanti a molti studenti, “Quindi, sento che vuoi essere in onore di matematica.” Sarah rispose imbarazzata che, sì, ci stava pensando. Poi, durante le lezioni di matematica tenute da John nel pomeriggio, un altro studente ha chiesto, “Sara sarà trasferita agli onori?” “Ne dubito”, rispose l’insegnante. Quel giorno dopo la scuola, nostro figlio ha denunciato con rabbia questa pubblica umiliazione di sua sorella. Quando l’abbiamo chiesto più tardi, l’insegnante ha espresso rimorso e ha detto che voleva dire che era difficile cambiare gli orari di un mese nell’anno accademico.

Il giorno dopo, il capo del dipartimento di matematica si avvicinò a Sarah e spiegò che nessuno poteva entrare in lode senza test aggiuntivi, che si sarebbero svolti in un paio di giorni. Ha continuato dicendo che il test è stato molto impegnativo. “Ci sono molte domande che non saprai”, disse a Sarah.

Come sociologo, sapevo che questo era un incubo in divenire. La ricerca sulle profezie che si autoavvera e sulla minaccia degli stereotipi mostra che se si dice a qualcuno che non eccellono, è molto più probabile che falliscano. Sarah è tornata a casa quel pomeriggio sentendosi molto preoccupata per la sua capacità di eseguire il test. La nostra richiesta è stata trasformata in un grosso problema, attirando l’attenzione inutile e indesiderata su nostra figlia e incorniciando la nostra famiglia come facinorosi.

Una tradizione di pregiudizi

Studio dopo studio mostra che anche gli insegnanti più intenzionati, come tutti gli esseri umani, mostrano pregiudizi inconsci. Questi pregiudizi prendono la forma di stereotipi sottili, a volte subconsci che si traducono in aspettative inferiori per gli studenti neri.

Molti ricercatori dell’istruzione hanno sostenuto che il monitoraggio degli studenti in gruppi ad alto rendimento e di basso rendimento perpetua la disuguaglianza di classe ed è in parte responsabile per il persistente divario nel sistema educativo statunitense – tra studenti bianchi e asiatici da un lato e studenti neri e latini dall’altra.

Nell’Atlantico , il genitore del New Jersey, Walter Fields, descrive come la sua figlia afroamericana sia stata negata l’accesso a una matricola di matricola avanzata nonostante abbia punteggi e voti pari a quelli degli studenti bianchi della classe avanzata. Fields e sua moglie hanno presentato una petizione al preside per consentire alla loro figlia di prendere la classe di livello più alto e ora fanno parte di una causa più grande contro il distretto.

Le ragazze nere, in particolare, devono spesso navigare in un paesaggio che rafforza le narrative debilitanti della femminilità nera. Ad esempio, la ricerca mostra che le ragazze afroamericane più grandi sono percepite come più stravaganti e più dirompenti di altre ragazze che si comportano esattamente allo stesso modo.

“Dove hai preso l’idea …”

Nel giorno stabilito, io e mio marito siamo arrivati ​​all’incontro che il capo della scuola aveva raccomandato di trovare solo il capo della scuola media presente. Quando abbiamo chiesto perché gli altri non erano lì, ha detto che non erano liberi e che voleva “calmare le cose”. Ho fatto un respiro profondo, mi ha tenuto la lingua e ho spiegato che nostra figlia stava barcollando dalla reazione del suo insegnante di matematica e capo del dipartimento di matematica. Il nostro ragazzo brillante e spumeggiante era triste, imbarazzato e dubitava della sua richiesta di essere trasferito. L’amministratore della scuola media ci ha fatto un discorso sulla storia del dipartimento di matematica della scuola e poi ha affermato che le azioni della scuola erano per la “protezione” di Sarah. Gli abbiamo chiesto di aiutare a ripristinare la fiducia in flagrante di Sarah. Lui acconsentì e pochi giorni dopo ci incontrammo a capo dell’ufficio scolastico con Sarah.

Il capo della scuola media iniziò le cose chiedendo a nostra figlia perché pensava di poter andare avanti per onorare la matematica. Quando ha spiegato la sua facilità nel completare il lavoro di suo fratello, è sembrato incredulo. Sarebbe estremamente difficile istituire un tale cambiamento, le disse. “Dove hai avuto l’idea di poter passare a una classe più avanzata?” Le chiese di nuovo.

Il mio cuore si stava rompendo e sapevo che dovevo portare mia figlia fuori da questa scuola. “C’è un momento magico in cui un ragazzo inizia a guadagnare efficacia accademica e sente di poter realizzare di più e di essere di più”, ho detto. “Quando nostra figlia ha avuto l’audacia di avere quel momento, l’hai umiliata e schiacciata.”

Nostro figlio, John, ha chiesto di lasciare anche la scuola. La sua visione di una società giusta e giusta era stata compromessa, perché sapeva che sua sorella meritava ciò che gli era stato dato in modo così libero: rispetto e possibilità di eccellere.

Abbiamo collocato Sarah e John in nuove scuole. Sono profondamente consapevole che la maggior parte dei genitori non ha la capacità di spostare le scuole di fronte al pregiudizio. La nostra figlia minore è rimasta nella loro vecchia scuola per terminare l’anno, ma nessun insegnante o amministratore ha mai discusso di ciò che è successo di nuovo con noi. Nessuno ha fatto uno sforzo per interrogare o condividere ciò che avevano appreso dall’esperienza. Infatti, quando nostra figlia tornò a raccogliere le sue cose, il capo della scuola la seguì da vicino, come se fosse una criminale.

Cosa deve essere fatto

Se John fosse stato una ragazza nera, sarebbe stato raccomandato per la matematica degli onori? Se Sarah fosse stata un ragazzo bianco, sarebbe stata messa in dubbio e sfidata a spingere se stessa? Non lo sappiamo con certezza, ma sappiamo che una ragazza nera di settima classe è stata data un’occhiata in una società che si aspetta che si sieda in silenzio e non chieda di più.

La buona notizia è che quando gli educatori vedono le loro interazioni videoregistrate con gli studenti in classe, sono in grado di vedere e riconoscere il loro genere e pregiudizi razziali, mostra la ricerca. Le scuole devono addestrare tutto il loro personale a riconoscere e combattere i loro pregiudizi basati sul genere e sulla razza, che sono profondamente radicati in tutti noi.

Walter S. Gilliam, esperto di preconcetti impliciti degli educatori, offre una ragione per essere fiduciosi. Ci ricorda che gli insegnanti, che sono pagati relativamente poco, rimangono sul campo perché amano i bambini piccoli. “Sii proattivo”, consiglia ai genitori di bambini neri. “Conosci gli insegnanti, il direttore e lo staff di tuo figlio.”

Nelle loro nuove scuole, sia mio figlio che mia figlia erano raccomandati per matematica avanzata, ed entrambi stanno facendo bene accademicamente. Ma di tanto in tanto, vediamo una nuvola di dubbi e insicurezza su nostra figlia mentre si ricorda di come un’intera scuola abbia ritenuto di non essere degna degli onori di matematica.

Solutions Collecting From Web of "Come il pregiudizio educativo svantaggia le nostre figlie nere"