Come il nostro corpo invecchia, parte 2

"E ora ecco il mio segreto, un segreto molto semplice: è solo con il cuore che si può vedere giustamente; Ciò che è essenziale è invisibile all'occhio."
Antoine de Saint-Exupéry, Il piccolo principe

"Non ci sono polmoni come quelli che respirano la poesia".
D. Antoinette Foy

"Il tuo istinto ha sempre ragione.

Sharon Osbourne

Cambiamenti nel sistema cardiovascolare

Ci sono molti cambiamenti nel sistema cardiovascolare quando invecchiamo, ma in molti casi non è chiaro se questi cambiamenti siano il risultato di un normale invecchiamento o il risultato di una malattia. La pressione sanguigna, ad esempio, tende ad aumentare con l'età. Si ritiene che la ragione possa essere l'irrigidimento naturale dei vasi sanguigni legato all'età. Tuttavia, un aumento della pressione arteriosa correlato all'età non si riscontra negli individui che vivono in società isolate e meno sviluppate tecnologicamente o in persone che invecchiano in un ambiente speciale come un'istituzione mentale, suggerendo che potrebbero esserci anche componenti ambientali .

Nel cuore stesso, la malattia è sempre più comune con l'età. Le cellule responsabili della produzione di battiti cardiaci si infiltrano con tessuto connettivo e grasso. Cambiamenti simili ma meno drammatici si verificano in altre parti del sistema di conduzione elettrica del cuore. Le proprietà elastiche del muscolo cardiaco sono alterate con l'età e il cuore si contrae in modo meno efficiente, compreso un tempo di contrazione prolungato, una diminuzione della risposta a farmaci intesi a stimolare il cuore e una maggiore resistenza alla stimolazione elettrica.

L'invecchiamento del cuore risponde anche in modo meno efficiente agli stress. La frequenza cardiaca massima diminuisce in modo lineare e viene generalmente stimata sottraendo l'età di una persona a 220. La frequenza cardiaca a riposo e la quantità di sangue pompato dal cuore (la gittata cardiaca) non cambiano. Quando sta lavorando sodo, la gittata cardiaca può aumentare anche se c'è una diminuzione della frequenza cardiaca massima perché la quantità di sangue pompato ad ogni battito, il volume della gittata, aumenta per compensare la diminuzione della frequenza cardiaca. A seguito di stress ci vuole più tempo per la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna di una persona anziana per tornare ai livelli di riposo.

I cambiamenti nei vasi sanguigni si verificano anche con l'età. Irregolarità nella dimensione e nella forma si sviluppano nelle cellule che rivestono i vasi sanguigni e gli strati nella parete dei vasi sanguigni diventano ispessiti con il tessuto connettivo. Le grandi arterie aumentano di dimensioni e spessore. Il flusso di sangue verso vari organi è diminuito, diminuendo del 50% nel rene e del 15-20% nel cervello.

Cambiamenti nel sistema respiratorio

I cambiamenti naturali nel sistema respiratorio diminuiscono la funzione polmonare e aumentano il rischio di malattia polmonare nel tempo. Tuttavia, alcuni di questi cambiamenti possono essere mitigati dall'esercizio fisico regolare.

La trachea, le grandi vie aeree e le piccole unità terminali delle vie aeree si espandono con l'età. In modo controintuitivo, questo diminuisce l'area superficiale del polmone mentre aumenta il volume polmonare. Questi cambiamenti sono esacerbati dalla ridotta elasticità polmonare e dal collasso delle piccole vie aeree. L'effetto generale di tutto ciò è che prendiamo più aria ma espiriamo anche meno completamente. La quantità di aria residua lasciata nei polmoni dopo ogni respiro aumenta da circa il 20 per cento della capacità polmonare totale all'età dal 20 al 35 per cento all'età di 60 anni. Inoltre, la fine delle costole calcola lo sterno, rendendo la parete toracica più rigido e aumentando il carico di lavoro dei muscoli respiratori.

È importante sottolineare che anche i polmoni diventano meno efficienti nel trasferire ossigeno al flusso sanguigno. Questa riduzione dell'ossigenazione è in gran parte dovuta a una mancata corrispondenza tra quelle parti del polmone che sono aerate e le parti che ricevono il flusso sanguigno. Le parti del polmone con il maggior flusso sanguigno sono anche le parti che tendono a collassare con l'età, causando la mancata corrispondenza. La capacità di diffusione del monossido di carbonio, una misura della capacità di scambio gassoso, diminuisce anche con l'età, ma il contributo di questo cambiamento alla diminuzione dell'ossigenazione arteriosa è sconosciuto. Il consumo massimo di ossigeno (VO2 max), una misura della funzione cardiopolmonare complessiva, tende a diminuire con l'età, ma è anche influenzato in modo sostanziale dall'esercizio. L'allenamento di resistenza può aumentare la capacità polmonare e il funzionamento anche delle persone anziane sedentarie.

Cambiamenti nel sistema gastrointestinale

Nel complesso, il tratto gastrointestinale (essenzialmente un tubo continuo dalla bocca all'ano) mostra meno cambiamenti associati all'età rispetto ad altri sistemi corporei. In particolare il rivestimento del budello, la cui superficie è grande quanto due campi da tennis, mantiene una straordinaria capacità di rigenerarsi durante tutto il corso della vita.

Bocca e denti

I cambiamenti naturali legati all'età generalmente non portano alla perdita dei denti; scarsa igiene dentale è un fattore molto più importante. Cavità o malattia peridontale (gomma) sono le tipiche cause di perdita dei denti, ed entrambi possono essere mitigati da una buona cura dentale. Esistono modelli correlati all'età nella posizione delle cavità quando invecchiamo, con un'aumentata frequenza di cavità e cavità delle radici intorno ai siti di interventi dentali precedenti.

Le persone anziane che hanno perso i denti spesso sperimentano cambiamenti nella dieta che possono aumentare la probabilità di malnutrizione. I denti falsi riducono la sensazione di gusto e non ripristinano completamente la normale capacità masticatoria. Anche le persone anziane senza denti tendono a mostrare alterazioni nella deglutizione. Anche con un set completo di denti, le persone anziane non masticano con la stessa efficienza dei giovani e tendono a ingoiare più pezzi di cibo. La deglutizione può prendere una persona anziana dal 50 al 100% più lunga di una persona più giovane, probabilmente a causa di sottili cambiamenti nel meccanismo di deglutizione.

Esofago e stomaco

Le persone anziane sperimentano più alti tassi di problemi con la motilità esofagea (il movimento del cibo lungo l'esofago), ma questi problemi sembrano derivare da malattie come diabete mellito, disturbi del sistema nervoso centrale o neuropatie piuttosto che dall'invecchiamento. Nello stomaco, l'invecchiamento è associato ad un assottigliamento del rivestimento dello stomaco e della muscolatura liscia e aumento dei globuli bianchi e aggregazioni di tessuto linfoide nella parete gastrica, ma questi cambiamenti non sembrano influenzare il movimento del cibo attraverso lo stomaco. Mentre la secrezione di acido dello stomaco diminuisce con l'età, una perdita completa di acido dello stomaco significa malattia piuttosto che normale invecchiamento.

Intestino

Sebbene i cambiamenti avvengano con l'invecchiamento nell'intestino tenue e crasso, sono i cambiamenti nell'intestino crasso che hanno il maggiore impatto sulla qualità della vita.

Il rivestimento dell'intestino tenue si atrofizza leggermente con l'età. Quando si mangia, le persone anziane mostrano contrazioni muscolari intestinali ridotte, anche se non sembra esserci differenza nella velocità con cui le sostanze vengono trasportate attraverso l'intestino tenue quando una persona non sta mangiando attivamente. La capacità dell'intestino di assorbire cibi e droghe generalmente non cambia in modo significativo. Le persone anziane tendono ad assorbire composti altamente solubili nel grasso, come la vitamina A più velocemente, e possono assorbire e metabolizzare alcuni zuccheri, calcio e ferro in modo diverso. L'attività di alcuni enzimi come la lattasi, che ci aiuta a digerire alcuni zuccheri (in particolare quelli presenti nei latticini) sembra diminuire con l'età, ma i livelli di altri enzimi rimangono normali. L'assorbimento del grasso può cambiare, ma questo può riguardare più i cambiamenti nel pancreas che i cambiamenti nell'intestino.

Ci sono più cambiamenti di impatto nell'intestino crasso. Qui le atrofie del rivestimento, le anomalie dei vasi sanguigni diventano più comuni e sperimentiamo cambiamenti nello strato muscolare. Questi fattori contribuiscono ad aumentare la probabilità di divertiuli, piccoli saccheggi nel rivestimento dell'intestino crasso. Circa il trenta percento delle persone di età superiore ai 60 anni hanno diverticoli. La condizione deriva da un aumento della pressione all'interno dell'intestino causata da una disfunzione della funzione muscolare intestinale. La debolezza del muro intestinale vicino ai vasi sanguigni è un altro fattore che contribuisce.

La stitichezza è anche un disturbo comune della vecchiaia perché il trasporto di cibo nell'intestino crasso rallenta e si verificano lievi cambiamenti nella coordinazione delle grandi contrazioni muscolari intestinali. Il numero di alcuni recettori narcotici (oppiacei) aumenta con l'avanzare dell'età e questo aumento può portare a costipazione significativa quando una persona anziana assume farmaci narcotici. Una leggera disidratazione causa il problema.

I 100 trilioni di batteri che vivono nell'intestino, chiamato microbioma, vengono sempre più studiati per la loro importanza nel mantenere la salute e proteggere o produrre malattie come il cancro, malattie infiammatorie intestinali, problemi di salute mentale e obesità. Il microbioma interagisce in modo potente con il sistema immunitario del corpo. Studi recenti hanno rilevato cambiamenti nel microbioma sulla vita di una persona che possono essere dannosi: gli organismi benefici sembrano diminuire mentre le specie patologiche aumentano.

Fegato e Pancreas

Il fegato e il pancreas hanno una varietà di funzioni, tra cui la disintossicazione, la produzione di ormoni e la digestione. In generale, questi organi mantengono una funzione adeguata per tutta la vita. L'insuccesso totale è dovuto alla malattia piuttosto che all'invecchiamento.

Il fegato svolge un ruolo importante nel metabolizzare farmaci e altri composti e l'efficienza di questo processo diminuisce con l'età. Anche il fegato diminuisce di dimensioni con l'età e la sua forma si adatta ai contorni degli organi adiacenti. Le cellule epatiche invecchiate contengono un aumento del pigmento lipofuscinico prodotto dall'ossidazione degli acidi grassi, che può essere un indicatore del danno della membrana cellulare. Anche le cellule epatiche aumentano di volume e mostrano riduzioni in molte importanti funzioni cellulari, come l'elaborazione chimica e la produzione di energia. Complessivamente, i fegati più vecchi mostrano una ridotta capacità di rigenerazione e riparazione.

Nel pancreas, la secrezione dell'enzima digestivo tripsina diminuisce moderatamente con l'età, ma altri processi appaiono invariati. Il cambiamento strutturale più comune nel pancreas è l'atrofia delle cellule acinose che producono succhi digestivi. Alcuni rapporti suggeriscono che le persone anziane hanno più tessuto cicatriziale nei lobi del pancreas, ma l'impatto di questo non è noto.

Solutions Collecting From Web of "Come il nostro corpo invecchia, parte 2"