Come il multitasking sta cambiando il nostro cervello e personalità

 Pixabay
Fonte: fonte: Pixabay

Il nome del primo e più popolare sistema operativo Microsoft, Windows, proveniva da uno sviluppo allora rivoluzionario: Windows sullo schermo di un computer.

Prima della metà degli anni '80, i computer erano solo testuali e mostravano un solo compito alla volta. Quindi, Xerox, Apple e infine Microsoft hanno progettato un'interfaccia utente grafica che imitava le scrivanie reali, con cartelle, documenti multipli e attività disponibili contemporaneamente.

La "metafora desktop" è stata inizialmente realizzata con le tessere (si pensi al logo colorato di quattro caselle di Microsoft come applicazioni affiancate), ma le versioni successive hanno favorito un sistema sovrapposto con la riduzione e l'ottimizzazione delle finestre.

Questa funzione era nuova. Così nuovo, infatti, che Windows 1.0 includeva un gioco per computer che si basava sul controllo del mouse piuttosto che su una tastiera per abituare gli utenti a fare clic, selezionare e passare da un'attività all'altra sullo schermo.

Oggi, ovviamente, non abbiamo bisogno di stimoli. I millennial sono nati dopo l'invenzione di Windows, quindi non abbiamo mai conosciuto la vita o il lavoro senza di loro. Il multitasking con la tecnologia è diventato così radicato nei nostri processi di lavoro che è sconcertante che abbiamo mai fatto qualcosa senza di esso.

Ma, poi, hai sentito il problema: il multitasking compromette la nostra consapevolezza visiva, divide la nostra attenzione, ci distrae, riduce la soddisfazione sul lavoro, ostacola la nostra memoria, altera la funzione cognitiva e sabota le nostre prestazioni.

Queste conseguenze sono generalmente presentate come effetti collaterali. Ma il problema più grande con il multitasking non è quello che provoca; è ciò a cui ci rende partecipi il multitasking.

La Camera di commercio degli Stati Uniti riferisce che il multitasking sta ricablando il nostro cervello, consentendo di "elaborare più compiti in una più rapida successione". Mentre il nostro cervello si adatta alla gestione delle attività, perdiamo "la nostra capacità di pensare profondamente e creativamente", scrive Nicholas Carr in Lo Shallows . Meglio entriamo nel multitasking, peggio arriviamo al problem solving creativo. Sommando la ricerca, Carr spiega che i multitasker sono "più propensi a fare affidamento su idee e soluzioni convenzionali piuttosto che sfidarli con linee di pensiero originali".

Ciò che questo significa per lo sviluppo del cervello e l'avanzamento della tecnologia è incerto. Paul Gardner-Stephen, un collega di telecomunicazioni alla Flinders University, crede che un giorno diventeremo dipendenti da Internet per risolvere i nostri problemi. O, più moderatamente, forse la gente risolverà solo problemi più facili e meno urgenti. La nostra tendenza – forse anche il nostro nuovo istinto biologico – sarà quella di affrontare piccoli disturbi di Google piuttosto che grandi sfide sistemiche e che richiedono tempo.

In altre parole, come ha osservato Carr, diventeremo più simili ai computer: esecutori di compiti rapidi ed efficienti. In effetti, la parola multitasking era inizialmente una parola informatizzata, non una parola umana. "Multitask" apparve per la prima volta in un documento IBM del 1965, riferendosi alla capacità di un computer di elaborare più attività contemporaneamente.

La parola è stata applicata agli esseri umani diversi decenni dopo. Scrivendo per The New Atlantis , Christine Rosen osserva che tra la fine degli anni '90 e l'inizio del 2000, "le pubblicità iniziarono a celebrare l'uso della tecnologia per fare un sacco di cose contemporaneamente" e il multitasking divenne un'abilità definita sui curricula.

Oggi usiamo le parole "efficiente", "efficace", "metodico", "produttivo" e "processore veloce" per descrivere ciò che vogliamo in noi stessi, non solo per la nostra tecnologia. Nel frattempo, il multitasking è considerato un vantaggio per la forza lavoro.

Quando sono tornato di recente alla mia alma mater, il Colorado College, ho cenato con la Student Alumni Association. Un consulente di carriera ha chiesto ai senior come avevano pianificato il piano di blocco – il programma unico di CC, in cui gli studenti prendono solo una lezione alla volta per tre settimane e mezzo – a potenziali datori di lavoro. Hanno risposto tutti allo stesso modo: possiamo fare un sacco in una volta, bilanciare gli extracurriculars con un carico di corso intensivo, gestire incarichi inarrestabili e così via.

Ma vedo la forza del programma di CC esattamente come l'opposto: in questo mondo di macchine multitasking, dobbiamo addestrare i giovani a concentrarsi su un problema alla volta.

Questo non solo perché faranno meglio nel moderno mercato del lavoro di conseguenza (anche se lo faranno); è così che li manteniamo fondamentalmente umani, perché sembra che stiamo perdendo qualcosa.

Clicca qui per ricevere gli ultimi articoli di Caroline via email.

Solutions Collecting From Web of "Come il multitasking sta cambiando il nostro cervello e personalità"