Come i più coraggiosi sono diversi

Sabato ho scritto un post su come l'esploratore svedese SA Andree ha osservato con attenzione la sua reazione di paura mentre saliva la prima volta in un pallone. Intellettualmente non provò trepidazione per quello che stava per fare, eppure, mentre l'astronave cominciava a salire, si trovò a disperdersi disperatamente contro se stesso. Descrissi di sentirmi similmente sopraffatto dalla stessa paura, in diverse occasioni. Ma non avevo parole per il fenomeno.

Bene, ora ne ho uno. Si chiama "The Grip".

Almeno, questo è quello che gli scalatori chiamano, secondo John Dickerson nel suo film su Slate sugli scalatori Eli Simon e Pete Fasoldt. Dickerson scrive:

Quando non sapevo dove mettere la mia mano o il mio piede successivo, sentivo quello che gli alpinisti chiamano "The Grip", una miscela di paura e frustrazione. I miei muscoli si irrigidivano e la mia visione periferica si spegneva. … Sulla scogliera, ho sentito paura anche se sapevo che c'era un sistema complesso che mi proteggeva. La corda che stavo usando era una doppia corda costruita per resistere al peso di uno scuolabus …. Anche se un killer squilibrato volesse smantellare le camme e le corde, ci vorrebbero diversi minuti di sminuzzamento. E non c'erano in giro serial killer (avevo controllato i documenti). Tuttavia, sono stato afferrato.

Simon e Fasoldt, al confronto, sono calmi, freddi e raccolti sulla roccia. Non sentono la presa. E perché, Dickerson chiede? Beh, parte del motivo è che hanno passato anni sulle pareti rocciose. Si sono abituati a un ambiente che sembra terrificante per la maggior parte di noi. Ma più di questo, sostiene Dickerson, i loro cervelli sono probabilmente collegati in modo diverso dal resto di noi.

Come succede, ultimamente ho fatto ricerche sulla neurobiologia di uomini straordinariamente coraggiosi. L'argomento è di grande interesse per i militari, che è ansioso di sapere perché alcune persone sono in grado di gestire meglio i terrori del campo di battaglia di altri. Se riescono a capirlo, sperano di adattare le procedure di allenamento o di elaborare supplementi nutrizionali per aiutare gli altri a raggiungere livelli simili di prestazioni.

Gran parte della ricerca è stata condotta su soldati sottoposti a allenamento di sopravvivenza, evasione, resistenza ed evasione (SERE), che è stato progettato per replicare l'esperienza di essere persi dietro le linee nemiche e si dice che sia quasi stressante come il combattimento reale. Fondamentalmente, sei lasciato a badare a te stesso nel deserto, poi inseguito, sparato, catturato e torturato. I livelli di cortisolo dell'ormone dello stress dei partecipanti sono attraverso il tetto – più alti, persino, di quelli in attesa di un intervento chirurgico potenzialmente letale. Anche l'ormone della lotta o del volo e il neurotrasmettitore noradrenalina salgono alle stelle.

Quindi cosa hanno scoperto i ricercatori? Bene, i coraggiosi sono diversi da te e me. Le truppe d'élite come i Navy SEALs mostrano diversi schemi di attivazione cerebrale quando affrontano lo stress di SERE. E non è, come ci si potrebbe aspettare, che i loro ormoni dello stress diventano meno elevati. Al contrario, i loro livelli di cortisolo e noradrenalina sparano molto più in alto di quanto non faccia un soldato medio. Questo probabilmente li aiuta ad affrontare le esigenze fisiche e mentali della situazione. Fondamentalmente, una volta che la crisi è passata, i loro ormoni tornano rapidamente ai loro livelli di base.

Il cervello dei soldati d'élite ha anche reagito in modo diverso all'ondata di ormoni quando si stava verificando. Insieme agli alti livelli di una sostanza chimica chiamata DHEA che sembra mutare gli aspetti più negativi dello stress, i Navy SEAL hanno elevate concentrazioni di un neurotrasmettitore chiamato Neuropeptide Y, che si lega alle sinapsi nella corteccia frontale e modifica il modo in cui risponde alla noradrenalina. È probabile che l'effetto prevenga alcuni degli effetti indesiderati della noradrenalina, come la dissociazione e il restringimento cognitivo, pur consentendo di continuare ad amplificare le prestazioni in altre parti del cervello. Segnala il nuovo scienziato:

Gli individui meno resilienti, d'altra parte, sembrano avere una capacità inferiore per la produzione di NPY. Per di più, il loro più piccolo aumento del neurotrasmettitore durante l'allenamento SERE sembra esaurire le loro riserve, facendo scendere i livelli di NPY al di sotto del basale per almeno 24 ore.

In questo momento, i ricercatori affiliati alla US Navy stanno pianificando esperimenti per determinare se sarà possibile aumentare le prestazioni dei tirocinanti SERE fornendo loro supplementi nutrizionali contenenti sostanze chimiche che migliorano il neuro. Se funziona, è una strategia che tutti potremmo adottare facilmente: DHEA, almeno, è ampiamente disponibile nei negozi di alimenti naturali.

Nel frattempo, quelli di noi che vogliono essere più coraggiosi in questo momento possono meditare sulla lezione di un altro recente studio SERE, che ha scoperto che i soldati che hanno adottato uno stile di coping attivo sono andati meglio di quelli che hanno adottato un approccio passivo o focalizzato sulle emozioni. In altre parole, quando il gioco si fa duro, puoi imitare l'attività cerebrale dei più coraggiosi, adottando la loro mentalità: guarda il lato positivo e intraprendi un'azione decisiva.

  • Seguimi su Twitter: @extremefear.
  • Leggi il mio blog: Extreme Fear.

Solutions Collecting From Web of "Come i più coraggiosi sono diversi"