Come i medici antidolorifici prescrivono dirottano il tuo cervello

Shutterstock
Fonte: Shutterstock

Ti ricordi la campagna di servizio pubblico antidroga degli anni '80? Il partenariato per un'America libera dalla droga ha avuto un forte impatto con l'analogia visiva del cervello con le droghe. L'immagine di un uovo che sfrigola in una padella potrebbe essere utilizzata anche per descrivere l'effetto dei farmaci antidolorifici prescritti con una sola modifica: avremmo anche bisogno di illustrare l'interruzione che si verifica tra il cervello e il corpo quando le persone assumono gli oppiacei.

In questo post, mi piacerebbe esplorare la scienza del dolore cronico e dipingere un quadro che mostra come il cervello agisce sugli oppiacei.

Innanzitutto, dobbiamo capire come il cervello risponde al dolore acuto (a breve termine) e al dolore cronico (a lungo termine). Il dolore acuto è una risposta di sopravvivenza alle lesioni, con un segnale che viaggia dalla vista della lesione al cervello che ci dice che siamo in pericolo. La sindrome del dolore cronico è una risposta disadattiva, il che significa che non è in grado di adattarsi alla vita quotidiana di una persona e quindi è in definitiva controproducente per il paziente. Con la sindrome del dolore cronico, il segnale del dolore ha superato la sua utilità – cioè, non indica più il pericolo – eppure il cervello sta ancora dicendo al corpo che ha dolore. Questo spiega perché approcci convenzionali come i farmaci antidolorifici non funzionano nel trattamento della sindrome da dolore cronico.

Gli oppiacei agiscono interrompendo la comunicazione tra cervello e corpo. Quando una parte del corpo fa male, è in realtà il cervello che ti dice che fa male, non la parte del corpo. Gli oppiacei interrompono la linea di comunicazione, che è vitale per la medicina d'urgenza, traumi e / o lesioni acute. Quando qualcuno rompe una gamba e prende oppiacei, la gamba non migliora; il cervello non riceve il segnale che la rottura è dolorosa.

Il problema con il dolore cronico è che il cervello riuscirà a rimanere fuori dalla comunicazione per così tanto tempo prima che richieda una risposta. Lo fa "alzando il volume" nel tentativo di suscitare una risposta e riaprire la linea di comunicazione.

Quando qualcuno che soffre di dolore cronico richiede dosi crescenti di oppiacei o forme più forti di oppiacei, non è perché la ferita o condizione è cambiata o peggiorata (a meno che non vi sia stata una lesione acuta aggiuntiva o un'ulteriore degenerazione); è perché il cervello ha alzato il volume del sistema nervoso simpatico per ottenere informazioni. Questo è anche il motivo per cui si sviluppano ulteriori sintomi dolorosi, perché il corpo diventa ipersensibile al dolore. Questo modello debilitante continuerà a meno che un paziente cerchi un trattamento alternativo.

Un approccio integrato per il trattamento del dolore cronico senza prescrizione di farmaci antidolorifici è possibile e può dare risultati positivi. Ho assistito a notevoli trasformazioni in centinaia di miei pazienti affetti da sindrome da dolore cronico come risultato del nostro approccio integrato e multidisciplinare. I pazienti che sono stati debilitati per anni o addirittura decenni diventano funzionali. Ho osservato il ripristino della speranza e la fine della dipendenza da farmaci che causano dipendenza. Molti dei miei pazienti sono diventati indolori attraverso un regime che li tratta olisticamente a livello fisico, emotivo, mentale e spirituale.

Per affrontare adeguatamente il dolore cronico, gli aspetti emotivi e cognitivi devono essere trattati insieme alla disintossicazione e al ripristino funzionale del corpo. Se stai assumendo farmaci antidolorifici per il dolore cronico, è importante comprendere le interruzioni che si verificano tra il tuo cervello e il tuo corpo. È importante ricordare anche che esiste una speranza e un modo migliore per trattare il dolore cronico.

Solutions Collecting From Web of "Come i medici antidolorifici prescrivono dirottano il tuo cervello"