Come i leader possono avere conversazioni consapevoli-10 suggerimenti

I leader possono migliorare la loro efficacia e sviluppare migliori relazioni con i dipendenti avendo conversazioni consapevoli.

Nel mio nuovo libro, Eye of the Storm: in che modo i leader consapevoli possono trasformare luoghi di lavoro caotici Descrivo come richieste multiple e crescenti sull'attenzione dei leader possono avere un impatto negativo sulle loro prestazioni.

I calendari dei dirigenti vengono spesso prenotati uno dopo l'altro per tutto il giorno in base alla proposizione che è sia necessaria che porta a una maggiore produttività, nonostante le prove che ciò non avviene. Le pressanti richieste del tempo dei dirigenti possono produrre ciò che è noto come "stress da potere", un effetto collaterale che lascia la persona fisicamente ed emotivamente prosciugata. Se i leader credono di non avere il tempo di affrontare tutti gli aspetti di un problema a cui si trovano di fronte, sono inclini ad avere una prospettiva ristretta, a prendere scorciatoie cognitive e diventare più impulsivi e reattivi. Le loro azioni, in effetti, diventano "senza mente", inconsce e automatiche.

Daniel Siegel, neuroscienziato e autore di The Mindful Brain: Reflection and Attunement in the Cultivation of Well-Being, sostiene che una cultura aziendale di scorciatoie cognitive si traduce in eccessiva semplificazione, curiosità limitata, affidamento su convinzioni radicate e punti ciechi percettivi.

Uno studio di ricerca condotto da Paul McDonald presso la School of Management dell'Università di Wellington sostiene che i leader di oggi hanno poco tempo per autocoscienza attraverso l'introspezione e l'intuizione personale. Christopher Edgar, autore di Inner Productivity: A Mindful Path to Efficiency e Enjoyment nel tuo lavoro consapevole del tuo stato interiore – i tuoi pensieri e le tue emozioni – e imparare come gestire e autoregolare le "chiacchiere" mentali che interferiscono con le prestazioni ottimali, è la più grande sfida per i leader. Essere consapevoli di sé significa apprendere come rispondere intenzionalmente alle esperienze nella nostra vita invece di reagire a loro.

Le pratiche regolari di consapevolezza possono dare ai leader una prospettiva diversa sul loro mondo, aprendoli a modi di essere che sono entrambi più focalizzati su ciò che conta e più attento e riconoscente di ciò che è lì. Paradossalmente, diventare più presenti attraverso la consapevolezza permette ai leader di vedere la realtà in modo più chiaro e agire in modo più deciso e con meno delle proprie cose che si intromettono. Questo è uno dei paradossi nella leadership consapevole: per aprire al cambiamento, è necessario a volte smettere di sforzarsi di cambiare le cose e di smettere di parlare e ascoltare; smettere di fare e iniziare ad essere.

Studi di ricerca hanno dimostrato che le pratiche di mindfulness regolari suscitano migliori capacità attenzionali e stati emotivi più positivi. La consapevolezza allena le persone ad aumentare la loro capacità di prestare attenzione (oltre i 3-7 secondi che è normale) e ad espandere gli aspetti qualitativi dell'attenzione. Daniel Goleman, nel suo libro Focus: The Hidden Driver of Excellence, sottolinea l'importanza dei leader che mantengono una triplice focalizzazione, in cui un focus interiore è ugualmente importante insieme a un focus esterno o esterno. La psicologa di Harvard, Ellen Langer, difende i leader sviluppando una "consapevolezza ambientale": costante interrogatorio e ascolto; inchiesta, sondaggio e riflessione; raccogliere intuizioni e prospettive da altre persone. Questo impegno attivo porta a domande più intelligenti, un apprendimento migliore e un radar di preallarme più sensibile ai cambiamenti in arrivo.

Una delle vittime di un'eccessiva attenzione esterna, piena di molteplici riunioni e ordini del giorno, sono conversazioni significative e consapevoli. Nei miei vent'anni di coaching leader e dei loro team, ho avuto l'opportunità di osservare le capacità conversazionali dei leader in azione e ho riscontrato un ampio contrasto sia negli stili che nei risultati. I leader che lottano spesso sembrano, o in realtà sono, frettolosi, indaffarati, quasi frenetici nel "fare le cose", e di conseguenza le loro conversazioni con gli altri riflettono queste caratteristiche:

  • Essi vengono alle conversazioni senza essere effettivamente "presenti" nella conversazione perché le loro menti sono piene di pensieri ed emozioni da una conversazione precedente o da uno anticipato – in breve, le loro menti sono nel passato o nel futuro;
  • Presentano scarse capacità di ascolto, essendo più concentrati su quello che vogliono dire;
  • Esercitano la loro autorità per "controllare" la conversazione su un risultato predeterminato;
  • Mostrano una mentalità ristretta alle prospettive altrui nella conversazione;
  • Hanno fretta di concludere la conversazione il prima possibile, così possono andare avanti con altre cose "più importanti";
  • Sono ignari o disattenti agli stati emotivi o sentimentali delle altre persone nella conversazione;
  • Sono ignari o disattenti al loro stato emotivo interno mentre si impegnano in una conversazione.

Il risultato netto di questi comportamenti può essere una mancanza di connessione e fiducia con dipendenti e altri e una mancanza di consapevolezza del proprio stato emotivo interno.

Quindi, come possono i leader avere conversazioni più consapevoli per evitare entrambe queste tendenze improduttive e non apprezzate?

9 consigli per avere conversazioni più consapevoli.

  1. Rallenta. I leader possono essere preoccupati che la conversazione si trascini troppo a lungo o non sia in grado di coprire tutti gli argomenti in agenda, ma proiettare l'energia e la sensazione di avere fretta nelle conversazioni dà l'impressione agli altri oratori che quello che hanno da dire , e quindi loro, non sono importanti per voi. È necessario bilanciare i risultati con la connessione. La chiave qui è interna, non solo esterna. Ciò significa rallentare i tuoi pensieri e sentimenti non solo le tue azioni;
  2. Respirare. Spesso quando le conversazioni diventano intense o accese, la respirazione dei partecipanti può diventare superficiale, il che riduce l'apporto di ossigeno al cervello, che a sua volta può compromettere il funzionamento cognitivo. Ricordare di respirare normalmente o profondamente quando le cose diventano intense è una pratica consapevole;
  3. Focalizza la tua attenzione. È normale che la tua mente vaghi per la maggior parte del tempo, anche durante le conversazioni. Ecco perché la meditazione di consapevolezza può aiutarti a imparare a focalizzare maggiormente la tua attenzione. Se noti che i tuoi pensieri vagano mentre qualcun altro sta parlando, devi solo prenderne atto e tornare dolcemente alla conversazione;
  4. Ascolta con il tuo cuore, non solo con la testa . L'allenamento di ascolto tende a enfatizzare le capacità cognitive, incluse cose come la parafrasi. Ugualmente – e ancora più importante – ascoltate con empatia e compassione. Sii sensibile allo stato emotivo degli altri mentre parlano o rispondono a te. Ciò potrebbe anche richiedere che tu sia acutamente consapevole del tuo stato emotivo;
  5. Sii aperto e curioso. I dirigenti possono entrare in conversazioni con una mentalità ristretta e riluttanza a vedere altre prospettive. La pratica consapevole della "mente da principiante", in cui non si fanno ipotesi su ciò che è accaduto o deve accadere, ma piuttosto mantenere una mente aperta e cercare le prospettive degli altri in modo aperto, renderà la conversazione più significativa. Ciò richiede anche di fare meno affermazioni o discorsi e porre più domande;
  6. Pratica accettazione e non giudizio . Questo non è necessariamente d'accordo con le prospettive o le opinioni degli altri, ma significa accettare chi sono, e cosa pensano e come si sentono al valore nominale. Significa anche accettare le emozioni che potresti provare a te stesso, in particolare quelle negative;
  7. Essere presenti. Tutto a volte le persone nelle conversazioni non sono completamente presenti. Potrebbero pensare alla risposta che vogliono fare, o alla prossima conversazione che avranno o rivedere nella loro mente le conversazioni passate. In entrambi i casi, non sono realmente "qui" nel momento presente, dando la loro piena attenzione a ciò che sta accadendo. La consapevolezza può migliorare la tua capacità di essere e di essere presente nelle conversazioni. Uno dei modi più importanti per farlo è spegnere tutti i dispositivi elettronici (come gli smartphone) mentre si sta conversando e prestare la massima attenzione alla conversazione;
  8. Rispondere agli altri in modo intenzionale consapevole, piuttosto che in modo reattivo. A volte durante conversazioni intense, controverse o difficili, le parti difensive e protettive del cervello dei partecipanti possono essere inconsciamente e automaticamente attivate rapidamente dando luogo a una risposta reattiva che può influire negativamente sulla conversazione. La consapevolezza può aiutare il leader attraverso il processo di notificazione e etichettatura dell'emozione che sta sorgendo, fermandosi e creando spazio per una risposta calma e intenzionale;
  9. Metti temporaneamente da parte la tua agenda personale. I dirigenti possono partecipare a riunioni con un ordine del giorno prestabilito, compreso ciò che diranno, come risponderanno all'opposizione e i risultati che desiderano. Mentre questo può essere desiderabile in alcune situazioni, farlo diventare un'abitudine soffoca le conversazioni e rende gli altri reticenti a partecipare in modo significativo. Essere in grado di mettere temporaneamente da parte un'agenda personale, essere aperti e non fare assunzioni può arricchire le conversazioni, spesso con un risultato più creativo;
  10. E infine, inizia le conversazioni con un breve check-in con l'altra persona (s). Prima di lanciarti nelle profondità di una conversazione, verificare in che modo l'altra persona si sente in quel momento e in quel giorno darà al leader una ricchezza di informazioni che contribuiranno a una conversazione fruttuosa. Per come questa possa essere una grande pratica negli incontri, leggi il mio articolo "Come portare consapevolezza nelle riunioni-10 consigli" in Psicologia oggi.

In sintesi, le conversazioni significative possono dare un contributo significativo a una cultura organizzativa positiva. I leader che praticano le conversazioni consapevoli possono fare molto per creare quella cultura.

Solutions Collecting From Web of "Come i leader possono avere conversazioni consapevoli-10 suggerimenti"