Come i cambiamenti nell'uso dei media possono trasformare la salute mentale

Shutterstock
Fonte: Shutterstock

Un caso di studio nel multitasking multimediale

Cody sedeva curvo su una ciotola di Captain Crunch, con indosso una felpa blu. Era irrimediabilmente brontolone al mattino. Entrambi i suoi genitori avevano smesso di ingaggiarlo in una conversazione prima di andare a scuola.

"La sua scontrosità colpirebbe tutta la famiglia", ha spiegato sua madre, Beth. "Quando Cody è andato a scuola, mi sentivo incredibilmente scontroso. Poi mi presenterei per lavoro di cattivo umore. "

La scontrosità mattutina non è una lamentela insolita da parte dei genitori, in particolare dei genitori di adolescenti. Ma cosa succede quando l'umore di tuo figlio non migliora durante il giorno, quando il tuo bambino sembra essere di cattivo umore?

Che dire di un "cattivo umore" che dura non solo per un giorno o due, ma per diverse settimane o mesi?

"Mi sono svegliato una mattina e ho detto a mio marito, Kevin," Sono molto preoccupato per Cody ", ha detto Beth. "Si girò e disse: 'Lo so, lo sono anch'io'".

Beth e suo marito hanno preso un appuntamento con un terapista familiare. Una parte del trattamento di Cody al New England Center for Pediatric Psychology includeva tenere un diario. Gli è stato chiesto dal suo terapeuta di registrare gli alti e bassi della giornata, il suo umore, esercizio fisico, sonno e anche il suo uso dei media.

È giusto, l'uso dei media.

Il diario di Cody ha rivelato uno schema inquietante di instancabili messaggi a tarda notte con gli amici, insieme a ore aggiuntive sul computer durante l'ascolto della musica tramite cuffie. Anche di notte si disconnetteva prima, veniva costantemente svegliato dal ding del suo cellulare o dell'iPad con una sorta di allerta.

Per un bambino in via di sviluppo, è quasi impossibile per loro resistere all'impulso urgente di rispondere ai messaggi di testo, o trattenersi dal controllare siti di social media come Facebook, Twitter e YouTube.

La stanza di Cody era piena zeppa di tentazioni; la sua scrivania da sola ospitava un computer Dell del 2005 un po 'obsoleto (che ereditò da sua madre dopo averne acquistato uno nuovo per lavoro), laptop Mac, Apple iPad e l'accessorio per eccellenza delle cuffie M2 Generation.

"Dopo alcune sedute con il terapeuta, Cody tornò a casa e annunciò:" Ho chiuso con Facebook ", riferì Beth. Kevin e io ci siamo divertiti e non abbiamo detto nulla. La mattina dopo, a colazione, era come un bambino diverso. Era sveglio, e piacevole, e in realtà parlava con noi, "disse Beth.

Il diluvio di stimolazione digitale combinato con frequenti multitasking tramite iPad e telefoni cellulari era troppo; stava influenzando il sonno, la concentrazione e l'umore di Cody. Lo sviluppo di bambini e adolescenti è particolarmente suscettibile alla dipendenza dai media e alla contemporanea privazione del sonno.

Il dottor Larry Rosen, professore di psicologia alla California State University, Dominguez Hills, ha pubblicato uno studio sul numero di maggio di Computer in Human Behavior sul multitasking multimediale durante l'apprendimento. Lo studio mette in guardia i genitori da un fenomeno pericoloso e in crescita: la partecipazione a più flussi di informazioni e intrattenimento durante lo studio e l'apprendimento. Tuttavia, gli scienziati non hanno ancora informazioni su come il multitasking mediatico influisce sulla salute mentale.

"Qualche giorno dopo è tornato a casa e ci ha chiesto di spostare i suoi computer dalla sua stanza", ha detto Beth. "Kevin e io ci siamo guardati l'un l'altro come, 'è davvero nostro figlio?' Prima non potevamo toglierlo dal computer, anche se lo volessimo. "

Secondo i genitori di Cody, il giorno in cui Cody si scollegava di notte, il suo umore migliorava e la sua malinconia scompariva. Cody usa ancora il suo portatile e ha un cellulare, ma li lascia fuori dalla sua camera da letto. È rimasto "Facebook free" per otto mesi, e molti dei suoi amici hanno seguito l'esempio.

Beth è stata disponibile con la storia di suo figlio nel tentativo di attirare l'attenzione su un fenomeno molto reale e in crescita: la dipendenza dai media.

"Una nuova ricerca indica una forte connessione tra uso dei media e salute mentale sia nei bambini che negli adolescenti", riporta il dott. Robert M. Pressman, ricercatore capo dello studio The Learning Habit, uno studio che esaminava la relazione tra uso dei media e routine familiari ed era recentemente pubblicato su The American Journal of Family Therapy.

I ricercatori della Brown University School of Medicine, del Children's National Medical Center, della Brandeis University e del New England Center for Pediatric Psychology hanno condotto uno studio di ricerca di tre anni per esaminare come abitudini e routine influenzano la salute mentale di un bambino. Uno degli obiettivi principali dello studio era fornire ai genitori informazioni concrete su come le abitudini e le routine influiscono sulla salute mentale di un bambino.

"Clinicamente, stiamo assistendo ad un aumento dei sintomi tipicamente associati a ansia e depressione, ma che migliorano quando un bambino scollega di notte. I sintomi includono: problemi di memoria a breve termine, riduzione della capacità di attenzione, privazione del sonno, eccessivo malumore e insoddisfazione generale ", ha spiegato Stephanie Donaldson-Pressman, direttore clinico del New England Center for Pediatric Psychology.

Ristampato dal libro, The Learning Habit, di Stephanie Donaldson-Pressman, Rebecca Jackson e Dr. Robert Pressman per accordo con Perigee, membro del Penguin Group (USA) LLC, una Penguin Random House Company, Copyright © 2014 di Good Parent , Inc.

Solutions Collecting From Web of "Come i cambiamenti nell'uso dei media possono trasformare la salute mentale"