Come i bilingui si occupano dei dilemmi morali

Post scritto da Aneta Pavlenko.

La moralità è solitamente vista come il nostro codice di condotta, etica e capacità di distinguere tra comportamenti buoni e corretti e azioni intrinsecamente sbagliate, dannose e inappropriate. Negli ultimi anni, l'interazione tra moralità e linguaggio è diventata una delle aree più calde nella ricerca sul bilinguismo (per la discussione di studi precedenti, vedi qui). Un risultato recente di questa ricerca è una scoperta sensazionale di Albert Costa e dei suoi coautori, entusiasti dei media popolari: "La tua morale dipende dalla tua lingua". Ma cosa significa veramente?

Nell'esperimento 1, Costa e il suo team hanno presentato a 317 partecipanti un compito in cui si sono immaginati in piedi su una passerella che si affaccia su una pista del treno e dove un treno in arrivo stava per uccidere cinque persone. L'unico modo per salvarli era spingere un uomo pesante fuori dalla passerella di fronte al treno. La domanda era: ne avrebbero sacrificato uno per salvarne cinque? Le risposte a questo dilemma sono state raccolte, sia nella prima che nella seconda lingua, da bilingui inglese-spagnolo, inglese-francese, coreano-inglese e spagnolo- o inglese-ebraico, i quali avevano imparato la loro seconda lingua (L2) in seguito nella vita. L'analisi ha rivelato che in tutte le popolazioni più partecipanti hanno selezionato la soluzione utilitaria (uccidendone una per salvarne cinque) nella lingua straniera.

Nell'esperimento 2, i ricercatori hanno aggiunto una versione modificata dello stesso compito, in cui è possibile salvare cinque persone spostando il treno – questa volta un carrello – in un'altra traccia, dove ucciderebbe una sola persona. Le risposte sono state raccolte da studenti di lingua spagnola di studenti di spagnolo di lingua inglese e inglese. I dati hanno mostrato che la formulazione del compito fa la differenza. Nel compito del treno i partecipanti avevano maggiori probabilità di scegliere la soluzione utilitaria nella loro lingua straniera. Al contrario, nel caso del carrello meno emotivo, la soluzione utilitaria è stata scelta con uguale frequenza in entrambe le lingue. Questi risultati hanno portato gli autori a concludere che "i giudizi e le decisioni morali delle persone dipendono dalla natività della lingua in cui viene presentato un dilemma, diventando più utilitaristici in una lingua straniera", questo a causa della ridotta eccitazione emotiva.

Denominato rapidamente "l'effetto della lingua straniera", il risultato è stato replicato in altri studi che utilizzano compiti identici o simili. Così, Heather Cipoletti e il suo team hanno analizzato le risposte di 160 bilingui inglese-spagnolo ai dilemmi del treno e del carrello e hanno scoperto che i loro partecipanti hanno scelto la soluzione utilitaria (allontanare la persona dal ponte) più frequentemente nella lingua straniera. A sua volta, Janet Geipel ed i suoi coautori hanno esaminato i giudizi degli studenti di inglese tedesco e italiano su scenari che coinvolgevano violazioni delle norme sociali che andavano dalle bugie bianche all'incesto consensuale tra fratello e sorella. Hanno scoperto che tutti gli scenari sono stati giudicati meno duramente nella lingua straniera e hanno spiegato questi risultati attraverso "l'attivazione ridotta delle norme sociali e morali".

Queste scoperte sono state presentate da Albert Costa e dal suo team, nonché dai media, come "rilevanti per centinaia di milioni di individui su base giornaliera", e particolarmente importanti per le organizzazioni multilingue, come l'Unione europea, gli immigrati che prendono decisioni in il secondo contesto linguistico e membri della giuria in prove multilingue. Seguendo questa linea di pensiero, è solo una questione di tempo prima che un avvocato creativo decida di usare "l'effetto della lingua straniera" come la nuova difesa dei Twinkie: l'imputato non sapeva che ciò che facevano era moralmente sbagliato perché l'ambiente linguistico ridotto la loro sensibilità e l'accesso alle norme sociali e morali. La domanda è se i giudici e le giurie lo comprerebbero e se non lo faranno, dovremmo?

Per cominciare, la maggior parte, se non tutti, degli studi fino ad oggi si sono concentrati sugli studenti di lingue straniere. Questi partecipanti mostrano la differenza più evidente tra l'elaborazione affettiva nella prima e nella seconda lingua, tuttavia le loro storie di apprendimento e uso delle lingue li differenziano da immigrati e altri bilingui che vivono e lavorano in più di una lingua e hanno legami affettivi con la L2 . Inoltre, i bilingui raramente si limitano a una singola lingua, inoltre una seconda lingua. Il processo decisionale personale di solito si basa sul linguaggio interiore nella prima lingua o nella lingua dominante.

Ciò che i risultati fino ad oggi mostrano è un effetto framing, ben noto negli studi con i bilingui, in cui lingue diverse scatenano risposte, reazioni e associazioni diverse. È meno chiaro quanto facilmente possiamo estrapolare dalle risposte date a ipotetici compiti artificiali al processo decisionale in situazioni di alta posta in gioco. Sappiamo tutti che il processo decisionale nella vita reale coinvolge una moltitudine di fattori contestuali assenti in condizioni di laboratorio. Di conseguenza, c'è solo un modo per capire se la scelta della lingua influisce sui giudizi morali nella vita di tutti i giorni – e se sì, come e quando – e cioè studiare il processo decisionale nella vita di tutti i giorni.

Per un elenco completo dei post del blog "La vita come bilingue" per area di contenuti, vedere qui.

Foto di una donna che pensa da Wikimedia Commons.

Riferimenti

Cipolletti, H., McFarlane, S., & C. Weisglass (2016) L'effetto morale in lingua straniera. Psicologia filosofica , 29 (1), 23-40.

Costa, A., Foucart, A., Hayakawa, S., Aparici, M., Apesteguia, J., Heafner, J., & B. Keysar (2014) La tua morale dipende dalla lingua. PLoS ONE 9 (4): e94842. doi: 10.1371 / journal.pone.0094842.

Geipel, J., Hadjichristidis, C., & L. Surian (2015) Come la lingua straniera modella il giudizio morale. Journal of Experimental Social Psychology , 59, 8-17.

Il sito web di Aneta Pavlenko.

Solutions Collecting From Web of "Come i bilingui si occupano dei dilemmi morali"