Come ho imparato a smettere di essere un uomo-Pleaser

Suggerimenti importanti per vivere la vita alle tue condizioni.

wavebreakmedia/Shutterstock

Fonte: wavebreakmedia / Shutterstock

C’era una volta, ero un grande piacere per le persone, una vera svolta. Non sapevo dove finissero gli altri e cominciai, e le mie decisioni erano basate su ciò che avrebbe reso le altre persone felici o a loro agio. Pensavo che questo mi rendesse accomodante, simpatico e in generale piuttosto fico. Non sapevo che mi avesse davvero perso, confuso e abbastanza improbabile. Vedete, quando attraversate la vita per piacere, non vivete secondo le vostre stesse condizioni. Pensi di essere gentile, piacevole e privo di dramma, ma tenere il tuo vero sé sotto la superficie non fa a nessuno alcun favore. Il risultato è che sei circondato da persone maleducate, egoiste e implacabili che, invece di apprezzare di aver messo le loro esigenze al primo posto, ti trattano come uno zerbino.

Per la maggior parte della mia vita, ho usato le persone, come le altre persone usano droghe, alcol, cibo o shopping, come un modo per evitare il disagio della disapprovazione degli altri. Quando si trattava di non essere gradito, invalidato o percepito come sbagliato, ero davvero un grande bambino. Potrei entrare nei miei traumi dell’infanzia e negli eventi che hanno spinto il mio bisogno di compiacere; ma più importante del perché tutto ciò è iniziato è come ho imparato a superarlo. Perché se sei come me, sai che a un certo punto, devi smettere di cercare di piacere agli altri e fare qualcosa per te stesso per un cambiamento.

Stare seduti a pregare affinché le persone capiscano quanta pressione ti mettono – o sperando che un giorno ridurranno le loro richieste, il dramma e le continue urgenze – è futile. Senza cambiare i propri comportamenti, questo tipo di augurio e speranza non è solo sciocco, è addirittura controproducente. Alcuni anni fa, mi resi conto che l’unica via autentica del dilemma della mia gente era iniziare a prendere coscienza del mio mondo interno, riconoscendo che l’unica persona che potevo cambiare era me stesso. Qui di seguito sono alcune delle cose che ho fatto per fermare le persone, piacendo e iniziare a vivere la vita alle mie condizioni.

  • Diventa consapevole di sé. I più grandi cambiamenti iniziano quando guardiamo noi stessi con interesse e rispetto, invece di giudizio e rifiuto. Quando invitiamo i nostri pensieri e sentimenti alla consapevolezza, abbiamo l’opportunità di imparare da loro, invece di reagire inconsciamente a loro, e aumentiamo la nostra consapevolezza della realtà essendo disposti a incontrare le nostre verità personali. Quando l’ho fatto, mi ha dato una mano migliore sul mio impulso di piacere e mi ha permesso di notare quando non ero di aiuto. Mi ha dato la possibilità di fare mosse diverse.
  • Renditi conto che fare troppe ferite, piuttosto che aiutare, relazioni. Attraverso la mia educazione, ho imparato che la salute delle mie relazioni dipendeva dalla mia volontà di prendermi cura della mia parte ed essere sincero con me stesso. Ho imparato che quando fai troppo per gli altri, hai una funzione eccessiva nelle relazioni, che inevitabilmente porta gli altri a sottoperformare. Sebbene le mie intenzioni fossero buone, alla fine hanno ostacolato l’efficacia complessiva delle mie relazioni.
  • Comprendi l’importanza di essere autentico. Sono venuto a patti con il fatto che siamo tutti individui unici. Dovremmo essere in grado di agire in modo autentico e connetterci con ciò che siamo e ciò che apprezziamo, invece di fare sempre ciò che vogliono gli altri.
  • Impara a lasciare andare. Se sei bloccato nel passato e non puoi lasciare andare le cose che ti sono accadute, è probabile che accetti ciò che i tuoi abusatori, i bulli o altre persone negative nella tua vita credono in te. Rimarrai imprigionato da loro, mai in grado di accedere al tuo pieno potenziale, se non impari a lasciar andare. Dovevo imparare a lasciare andare tutte le cose odiose che mi avevano detto le persone che mi avevano fatto vivere nella paura della disapprovazione degli altri.
  • Renditi conto che evitare problemi non promuove la crescita. Quando sorgono problemi nella nostra vita, tendiamo a reagire cercando immediatamente di sbarazzarci di loro e delle sensazioni che portano. Ho provato tutto in mio potere per evitare di sperimentare anche il minimo disagio e dolore, che ha alimentato la mia voglia di compiacere. Quando evitiamo i nostri problemi e cerchiamo di liberarcene immediatamente, peggioriamo le cose solo per noi stessi in futuro.
  • Inizia a navigare nell’ansia. Quando prendiamo decisioni basate sull’ansia, non siamo fedeli a ciò che vogliamo veramente. Agiamo in modo impulsivo, basato sull’istinto, inevitabilmente facendoci sperimentare più ansia nelle nostre vite. Quando ho imparato a gestire meglio il mio desiderio istintivo di piacere, mi sono trovato su un terreno più solido nelle mie relazioni con la mia famiglia, i miei amici e me stesso.
  • Impara l’auto-accettazione. L’autoaccettazione è un processo in continua evoluzione e tocca a ciascuno di noi fare in modo che il processo si muova. Una volta che ho imparato e accettato il mio valore, sono stato in grado di iniziare ad assumere il progetto di diventare il mio miglior sé.

Non è mai troppo tardi per vivere una vita libera, finalmente alle tue condizioni. Per me, rompere la trappola gradita alla gente non è accaduto perché ho pregato che le altre persone cambiassero; Sono andato su quella strada molte volte, e non ha mai funzionato. Invece, ho deciso di trovare il modo di cambiare le mie reazioni alle persone, rendendomi conto di quanto i miei piacevoli comportamenti fossero inutili per me e per quelli che mi circondavano.

Solutions Collecting From Web of "Come ho imparato a smettere di essere un uomo-Pleaser"