Come ho imparato a non prendere i miei attacchi di panico personalmente

La prima volta che ho visto il mio memoriale nella sezione di auto-aiuto di una libreria, sono rimasto sorpreso. Avevo meditato la mia via d'uscita da un disturbo di panico. Ma le persone in questa categoria non dovevano essere dottori o, per lo meno, persone con gradi avanzati? Non avevano sviluppato teorie, programmi in dieci passi, nastri di autoipnosi, podcast, video e seguiti enormi su twitter, facebook, televisione e radio?

"Sono solo una ragazza ebrea del Rhode Island", dissi alla mia amica di infanzia Meredith Vieira di recente, quando discutemmo della mia esperienza di guarigione dall'ansia travolgente che avevo combattuto per decenni.

Non avevo idea che il regime di guarigione che avrei inventato funzionasse davvero. Ma i terapeuti, gli insegnanti, i mistici, i monaci e i guaritori che ho incontrato hanno fatto miracoli, aiutandomi a riparare i miei nervi sfilacciati ea ricablare il mio cervello ansioso.

Ecco una lista delle dieci cose che ho imparato su me stesso quando ho scritto un libro di autoaiuto.

1. Non sono solo nella mia sofferenza

Per decenni ho pensato che nessun altro aveva un sistema nervoso centrale difettoso che è esploso inaspettatamente. Ora so che 6 milioni di americani soffrono di un disturbo di panico, 40 milioni da un disturbo d'ansia. I lettori mi hanno contattato, descrivendo in modo commovente le loro battaglie con ansia. Se ognuno di noi potesse aiutare un'altra persona a sentirsi meno sola e più autorizzata, immagina quante meno sofferenze ci sarebbero nel mondo.

2. Sono capace di stare fermo

Ogni volta che andavo nel panico, il cuore mi batteva forte, i polmoni galoppavano, le mani tremavano e il mio corpo tremava. Ma Yongey MIngyur Rinpoche, un monaco vittima di attacchi di panico, mi ha insegnato a non giudicare severamente me stesso. "La buona meditazione va bene, la cattiva meditazione va bene", mi assicurò. "Fai del tuo meglio per meditare". Ho iniziato a dimenarmi, con una mente errante ma con un cuore aperto. Ora amo meditare ogni singolo giorno.

3. La mia ansia ha mascherato molta tristezza

Una volta che sono stato in grado di stare fermo, sono stato in grado di esaminare il mio passato. Terapie come Somatic Experiencing e EMDR mi hanno permesso di elaborare i fastidiosi sintomi fisici di ansia che mi perseguitavano da decenni e di accedere alla tristezza che era esistita dentro di me sin da piccola, mentre guardavo le persone intorno a me soffrire di malattie mentali e infelicità . Il rovescio della medaglia è spesso la depressione. Dovevo sentire, accettare e capire quello per guarire.

4. Posso essere il mio medico olistico

"Neurotic, heal thyself!" È diventato il mio mantra, poiché ho capito che l'alcol mi rendeva ansioso, che la caffeina e lo zucchero mi rendevano nervoso, e che lo yoga ristoratore, la meditazione e il mangiare mi hanno tranquillizzato. Ho imparato quali potenti terapie mi hanno parlato, quali attività mi hanno confortato e che la meditazione mi porta sempre in un posto migliore.

5. La malattia mentale non è contagiosa; Posso coltivare il benessere mentale

La malattia mentale che ho visto intorno a me da bambina mi ha spaventato. Ma i demoni che infestavano molti membri della mia famiglia mi stavano minacciando meno una volta che ho appreso che infelicità, sofferenza e tristezza fanno parte della vita di ogni essere umano. Coltivare la felicità è un duro lavoro, ma una componente essenziale per guarire e prosperare.

6. Non è egoistico per me cercare la felicità

Sharon Salzberg e Sylvia Boorstein, due saggi maestri buddhisti, mi hanno insegnato la meditazione sull'amore. "Posso essere al sicuro," sussurrai tra me e me. "Posso essere felice, posso essere sano, posso vivere con facilità." Poi ho desiderato lo stesso per gli altri, compresi i miei cari e gli estranei. Coltivare la compassione è la mia pratica quotidiana ora. Ma posso farlo solo comprendendo la mia sofferenza e le lezioni che ho imparato su come raggiungere la felicità, la completezza e la pace.

7. La mia storia familiare non è la mia intera storia

Sono arrivato a capire il mio passato in un modo nuovo. Non me ne sono allontanato, ma mi ci sono seduto abbastanza a lungo da farlo diventare solo questo – il mio passato. Ho compassione della sofferenza che gli altri intorno a me hanno sopportato, ma vivo il presente con molto più successo ora, grazie alla mia pratica di meditazione, dove cerco di prendere vita un momento alla volta.

8. Sono più forte di quanto pensassi di essere

Belleruth Naparstek, psicologa e specialista di immagini guidate, mi ha insegnato che "il panico è essenzialmente una risposta di sopravvivenza iperattiva" e ora mi considero un vero sopravvissuto. Ho imparato tecniche che mi aiutano ad autoregolarsi. Sono fiducioso, meno spaventato e potenziato. Posso calmarmi, sapendo che la vita mi butterà palle di curva e che i miei nervi si risveglieranno di nuovo. Ma gli strumenti di guarigione che ho imparato saranno sempre efficaci.

9. Posso essere un insegnante e uno studente

Sto imparando di più sulle radici dell'ansia e delle modalità di guarigione. I lettori mi hanno ringraziato per aver condiviso la mia storia e condiviso le loro risorse di guarigione. Una volta ho sentito che Sylvia Boorstein diceva "A volte penso a questo pianeta come a un ospedale volante." La vita può essere difficile e dolorosa, ma io credo che siamo tutti pazienti, medici e infermieri. Uno dei miei insegnamenti buddisti preferiti dice "Posso essere il dottore, la medicina, e possa essere l'infermiera per tutti gli esseri malati del mondo fino a quando tutti saranno guariti …"

10. Tutto non riguarda me

Evviva! Scrivere un libro di auto-aiuto mi ha fatto capire che ciò che ho vissuto non è poi così unico. Mi sono sentito solo e isolato, ma ora mi sento umiliato e connesso all'universo. La mia sofferenza non è così unica o esotica come immaginavo una volta. Sono solo un'altra persona sul pianeta che cerca di vivere una vita felice e aiutare gli altri. Mi è capitato di scrivere un libro lungo la strada.

Il libro di memorie di Priscilla Warner , "Imparare a respirare – La mia missione di un anno per dare serenità alla mia vita" , è ora disponibile in edizione economica. Seguila su Twitter su Facebook o sul suo sito web .

 

Solutions Collecting From Web of "Come ho imparato a non prendere i miei attacchi di panico personalmente"