Come guidare l'innovazione come un supereroe

La tua più grande forza, la qualità che ti distingue dagli altri, può anche essere la tua più grande rovina. Abbiamo tutti una visione del mondo sottostante che determina il modo in cui affrontiamo tutte le sfide che affrontiamo. Alcune persone sono pensatrici di grandi dimensioni. Altri si fissano su particolari. Alcune persone sono pragmatiche e da manuale quando si tratta di risolvere i problemi. Altri sono sognatori che escono fuori dagli schemi. Alcune persone sono orientate agli obiettivi, guidate dal brivido della competizione. Altri sono ascoltatori pazienti, ispirati da una comunità cooperativa che costruiscono attorno a loro. Chiamiamo questa prospettiva fondamentale la tua competenza principale o logica dominante.

Il problema è che le nostre logiche dominanti prevalgono su tutti gli altri punti di vista. Ognuno di noi vede il mondo in un modo così prescrittivo che è difficile, anzi impossibile, prendere in considerazione qualsiasi cosa senza essere sopraffatto dal nostro metodo di pensiero preferito. Le nostre logiche dominanti sono così intense che perdiamo la capacità di pensare al di fuori di esse. Ci danno punti ciechi. Diventiamo prigionieri della nostra stessa ideologia. Lasciati soli, i pensatori pragmatici diventano burocrati. I grandi pensatori diventano caotici. I pensatori orientati all'obiettivo diventano fanatici del controllo. I pensatori pazienti diventano irrazionalmente entusiasti.

Questo è uno dei maggiori ostacoli da superare nella nostra attuale situazione politica, dove leader ostinati e decisori, paralizzati dalle loro logiche dominanti, bloccano involontariamente i progressi. Dai un'occhiata agli scismi politici e alle battaglie ideologiche che accadono intorno a noi, bloccando il movimento in avanti e il cambiamento. Quando siamo troppo impegnati con le nostre logiche dominanti, iniziamo a pensare in modo irrazionale.

Per raggiungere una mentalità innovativa, dobbiamo superare le nostre logiche dominanti. L'unico modo per comprendere appieno qualcosa è guardarlo da più punti di vista. Si tratta di comunicare con persone che non sono come noi, capendo che nessuna prospettiva è migliore di un'altra. È più probabile che creiamo qualcosa di nuovo quando mettiamo insieme diverse prospettive.

Non sto suggerendo che tutti noi abbandoniamo la nostra logica dominante e diventiamo diversi tipi di pensatori. Piuttosto, l'obiettivo è di abbracciare la nostra logica dominante mentre la completiamo circondandoci di pensatori di ogni tipo.

Le migliori squadre sono come band di supereroi: ogni membro riconosce e fa uso dei suoi doni e talenti, ma non lascia che quei superpoteri li limitino. Li usano nei momenti appropriati e poi si tirano indietro e lasciano che i loro partner prendano il sopravvento in altri momenti.

Fai cose che ti fanno sentire a disagio. Parla con persone con cui non hai nulla in comune. Ricorda che le soluzioni ideali per i problemi più complicati non coinvolgeranno mai un solo modo di pensare. Richiedono sempre un approccio interdisciplinare e interdisciplinare che tragga vantaggio da mentalità e gamme di competenze multiple e spesso apparentemente contraddittorie.

L'innovazione non riguarda l'allineamento. Riguarda una tensione costruttiva positiva ai conflitti. Cosa succede quando pensatori pragmatici lavorano con pensatori di grandi dimensioni? Cosa succede quando i pensatori rapidi incontrano i pensatori pazienti? Questo è esattamente come e dove avviene l'innovazione: devi circondarti di persone che non sono come te. Chissà, potrebbero essere solo supereroi con i loro poteri speciali.

Solutions Collecting From Web of "Come guidare l'innovazione come un supereroe"