Come guarire la ferita primitiva

Siamo feriti quando le nostre relazioni sociali non sono empatiche, con i più grandi effetti che si verificano nell'infanzia quando la nostra neurobiologia e la nostra socialità sono fondate, il nostro senso di auto-affermazione.

Per proteggerci dal sentire la ferita primitiva, creiamo un mondo falso e un falso sé.

Il mondo falso è uno in cui la bontà risiede in qualche altro regno più elevato piuttosto che in questo. Potremmo avere scorci attraverso le esperienze di punta di Verità, Bellezza, Totalità, Armonia, Universalità e Unità della realtà, ma presumiamo che questo sia fuori di noi stessi. Diffidiamo di queste esperienze e idealizziamo invece orlo, proiettandoli sul passato, sul futuro, su una persona, su un'idea. È molto più sicuro fare ciò che arrendersi alla sensazione di trascendenza e incorporarla nella nostra vita quotidiana. Perché? Perché "i momenti di resa e vulnerabilità nelle nostre vite sono stati traumatici. La nostra fiducia è stata tradita. La resa transpersonale ci ricorda questo profondo trauma e ci terrorizza (Whitmore, 1991). Ritiriamo la disperazione di rimanere forti contro il sentimento di Unità e anche di sentire la ferita primitiva. noi esistiamo in un mondo auto-soffocante di dipendenze (vedi parte 1). Torniamo alle nostre dipendenze perché ci danno un senso di potere sulla nostra ferita e sulla nostra unità.

La ferita primitiva spesso scolpisce questo falso sé, una personalità di sopravvivenza, per nascondere l'esperienza più profonda della vacuità, isolamento e inutilità della ferita primitiva allo stesso tempo. Le persone si dividono e il mondo nel bene e nel male, muovendosi tra l'attrazione per ogni polo (vedi prima in serie).

Ricorda che puoi immaginare diversi scenari e cambiare i tuoi sentimenti. Immagina un momento felice. Come ti senti? Un tempo triste. Come ti senti? Nota come puoi cambiare e come tu e le tue esperienze siete separati. Sei nelle tue esperienze ma anche separato da loro. Questa è la distinzione Io-Sé che postulano i psicosintesi. Puoi esagerare con uno o l'altro. Se ti identifichi solo con la sensazione, sei troppo sintonizzato sul sentimento, il tuo sé egoico. D'altra parte, se sei completamente separato dai tuoi sentimenti e "al di sopra di tutto", sei troppo dissociato. Il trucco è rimanere dentro e fuori dai tuoi sentimenti, partecipare a loro ma non essere loro. In altre parole, tu sei più dei tuoi sentimenti (o dei tuoi pensieri). Tu sei più di ciò che ti identifichi, se una squadra, un'associazione, un partito politico, un paese. Sei una molteplicità di modi o di mentalità, con più subpersonaliti che possono operare come persone.

"Si può vedere qui un paradosso centrale dell'io: più non siamo immersi in alcun modo particolare di coscienza, più possiamo essere aperti e entrare in tutti i molti tipi di esperienza umana. In altre parole, più trascendente conosciamo noi stessi, più siamo capaci di immanenza. "(Firman & Gila, 1997, 61)

W. Ronald D. Fairbairn ha suggerito che non ci allontaniamo mai dalla dipendenza. Eravamo dipendenti nell'infanzia, ma siamo anche dipendenti nell'età adulta, semplicemente spostando le dipendenze. Siamo sempre dipendenti dagli altri ma anche indipendenti. "Il paradosso dipendente-indipendente descrive il fatto che la nostra stessa esistenza dipende totalmente da un Sé più profondo. Come molte tradizioni dicono in modi diversi, il nucleo dell'essere umano è il non-essere. "(Firman & Gila, 1997, pagina 62). Gli studi di neuroimaging confermano questo "non-sé" (Singer, 2011).

In che modo gli adulti guariscono dalla ferita primitiva? Per tutta la vita, ognuno di noi ha bisogno di essere "trattenuto e specchiato" da un ambiente esterno empatico ma anche dall'ambiente interiore in modo che il nostro essere continui a crescere e dispiegarsi verso una maggiore unità (nella diversità) di tutte le parti del sé in connessione con il Sé cosmico. Idealmente questo si verifica nella vita di famiglia e nelle amicizie di ciascuno, dove si sente visto, capito e curato. Quando non accade nella vita di tutti i giorni, i terapeuti possono riempire il ruolo dell'ambiente esterno empatico. I terapeuti forniscono un ambiente di detenzione empatico in cui possiamo riscoprire la nostra ferita, accettarla e curarla, invece di scappare da essa. Certo, ci vuole un po 'di coraggio per esplorare la ferita, sentire il dolore e rendersi conto che non sparirà.

"Più di Winnicott, Kohut sottolinea che queste connessioni empatiche cruciali non sono limitate all'infanzia, ma permettono lo sviluppo di un senso di sé per tutta la durata della vita:" La psicologia del sé sostiene che le relazioni auto-oggetto-sé costituiscono l'essenza della vita psicologica da nascita a morte, che un passaggio dalla dipendenza (simbiosi) all'indipendenza (autonomia) nella sfera psicologica non è più possibile, per non dire desiderabile, di un passaggio corrispondente da una vita dipendente dall'ossigeno ad una vita indipendente che si adatta alla sfera biologica '"(Firman & Gila, 1997, pag 47).

"Questo sacrificio del primato dell'ego non è che il riconoscimento di una verità fondamentale e paradossale – che lo spirito umano dipende da una comunione empatica con lo Spirito più profondo, che il nostro libero arbitrio dipende da una relazione con una Volontà più profonda … Gli Junghi parlano dell'incontro con archetipi del personaggio (la personalità pubblica); l'ombra (quei contenuti repressi nel formare l'ego e il personaggio); e animus / anima (il femminile nell'uomo, il maschile la donna). Gli archetipi, come il sé, non agiscono esclusivamente all'interno della persona, ma hanno una dinamica interpersonale esterna ad essi associata. "(Firman & Gila, 1997, 41)

La personalità autentica è un'espressione unica di Io-amità, in unione con il Sé cosmico o comune, modellato dalle differenze e dagli ambienti individuali. Essere integrati non significa perdere o giocare o essere superiore alle sub-personalità. Essere integrati è essere più in contatto con molte delle sub-personalità, in particolare quelle che sono state temute, odiate e negate. E questo allarga il regno della nostra coscienza "(Rowan, 1990, p. 188). Alcuni suggeriscono che la molteplicità sia vitale per lo sviluppo spirituale (Richards, 1990). Firman e Gila dicono che la differenziazione e la molteplicità sono conservate in personalità sane.

Possiamo guarire le nostre ferite primarie ma portiamo sempre cicatrici. A volte le nostre cicatrici ci danno intuizioni che aiutano gli altri verso la propria auto-guarigione.

1 The Primal Wound: ne hai uno?

2 Quali esperienze infantili portano a ferite primarie?

3 Come guarire la ferita primitiva

4 Fantasyland: una nazione di persone ferite in prima persona

TUTTI I RIFERIMENTI PER LA SERIE

Assagioli, Roberto (1973). L'atto di volontà. New York: Penguin.

Buber, M. (1958). Io e Tu (RG Smith, trad.). New York: Charles Scribner's Sons.

J. Cassidy, PR Shaver, J. Cassidy e PR Shaver (1999) (a cura di), Manuale di allegato: Teoria, ricerca e applicazioni cliniche (2a ed.) (Pp. 503-531). New York, NY: Guilford Press.

Chamberlain, D. (1994). Il prenato senziente: ciò che ogni genitore dovrebbe sapere. Giornale di psicologia pre e perinatale 9 (1), 9-31.

Chamberlain, D. (1988). I bambini ricordano la nascita. Los Angeles: Jeremy P. Tarcher. p. xx

deMause, L. (1974). La storia dell'infanzia: la storia non raccontata di pedofilia. New York: Peter Bedrick Books.

Firman, John, & Gila, Ann. (1997). La ferita primitiva: una visione transpersonale di trauma, dipendenza e crescita. Albany, NY: State University of New York.

–A Psychotherapy of Love: Psychosynthesis in Practice (2010),

Kochanska, G. (2002). Conformità impegnata, sé morale e interiorizzazione: un modello di mediazione. Psicologia dello sviluppo, 38, 339-351.

Kohut, H. (1984). Come si cura l'analisi? in A. Goldberg (Ed.). Chicago: The University of Chicago Press.

Lewis, T., Amini, F., & Lannon, R. (2000). Una teoria generale dell'amore. New York: vintage.

Miller, A. (1981). Il dramma del bambino dotato. New York: libri di base.

Neumann, E. (1973). Il bambino, R. Manheim, trad. Londra: Biblioteca Maresfield.

Richards, DG (1990). Dissociazione e trasformazione. Journal of Humanistic Psychology, 30 (3), 54-83.

Rowan, J. (1990). Subpersonality: le persone dentro di noi. New York: Routledge.

Siegel, D. (1999). La mente in via di sviluppo: come le relazioni e il cervello interagiscono per modellare chi siamo. New York: Guilford Press.

Singer, W. (2011). Sincronizzazione dei ritmi cerebrali come possibile meccanismo per l'unificazione dei processi mentali distribuiti. In J. Kabat-Zinn e RJ Davidson (Eds.), Il medico della mente: un dialogo scientifico con il Dalai Lama sul potere curativo della meditazione. Oakland, CA: Harbinger Publications.

Stern, DN (1985). Il mondo interpersonale del bambino. New York: libri di base.

Stolorow, RD, & Atwood, GE (1992). Contesti dell'essere: le basi intersoggettive della vita psicologica. Hillsdale, NJ: The Analytic Press.

Verny, T., & Kelly, J. (1981). La vita segreta del nascituro. New York: Dell.

Whitmore, D. (1991). Consulenza psicosintetica in azione. Londra: Sage.

Winnicott, DW (1987). I processi di maturazione e l'ambiente di facilitazione. Londra: The Hogarth Press e l'Institute of Psycho-Analysis.

Solutions Collecting From Web of "Come guarire la ferita primitiva"