Come gli abusanti verbali razionalizzano il loro comportamento

Ho sentito un brivido quando ho avvertito un cambiamento del tempo. Curt mi aveva appena raggiunto. Avevo notato che le nuvole si muovevano dentro, e l'umidità fresca nell'aria, e pensavo: "Forse potremmo fare un po 'di pioggia". Pensai al fronte freddo che si avvicinava e si voltò verso Curt, dicendo "Penso che forse quando il tempo cambia rapidamente da caldo a freddo, c'è una maggiore possibilità. "Sono stato arrabbiato con" Non è FREDDO. È FREDDO. "" Oh, "dissi," non volevo dire che qui fa freddo. "" Hai detto freddo! "Lo fissò Curt. Ho provato a spiegare, "So che non fa freddo. Stavo pensando al tempo in generale e ai cambiamenti nell'atmosfera. "" Beh, non hai detto atmosfera! "Si infuriò, sputando le parole. Ho provato di nuovo: "Quello che stavo cercando di …" Sono stato di nuovo interrotto: "Lo lascerai cadere. È impossibile parlare con te! "Ho avuto una sensazione di malessere nella fossa dello stomaco. […] Mi chiedevo, "Come mai non riesco a convincere Curt a capire cosa sto dicendo? Perché è così difficile? Forse, se avessi appena detto che pensavo ci fosse una possibilità di temporali, avrebbe capito. "

-Evans, Patricia (2009). The Verbally Abusive Relationship (Kindle Locations 854-863). Media Adams. Edizione Kindle.

Wikimedia commons
Fonte: beni comuni di Wikimedia

Le persone che non si rendono conto di essere in una relazione verbalmente violenta tendono a razionalizzare la situazione. Credono che se solo loro cercano di spiegare cosa intendono, il loro violentatore capirà. Continuano a cercare di essere sinceri e premurosi, continuano a cercare di spiegare cosa potrebbe aver fatto arrabbiare il loro partner e perché è tutto un fraintendimento.

Ma indipendentemente da come la persona maltrattata cerca di cambiare se stessa per migliorare la relazione, fallirà. Il suo aggressore non la vedrà diversamente, a prescindere da come reagisce. Per lui, è troppo insensibile e infantile per essere trattato come un adulto.

Il suo aggressore interviene come genitore "premuroso", volendo correggere il comportamento del suo bambino maltrattato. Tratta la sua vittima da bambina o debole di mente che non riesce a capire quanto si sta comportando male. Crede di non riuscire a capire che è lei la causa dei suoi attacchi. "Sta solo cercando di aiutare, dopo tutto".

Tuttavia, l'aggressore è colui che costituisce questa "realtà". Non riesce a capire che è lui la causa dei problemi che vede nella sua vittima. È così ignorante del proprio cattivo comportamento che si descriverà in termini che sono in diretta contraddizione con la più naturale interpretazione del suo comportamento. Può descrivere se stesso come accomodante, facile andare d'accordo ed equo con tutti.

Se messo a confronto con la sua vittima, sta solo "cercando di aiutarla" sottolineando i suoi difetti, in modo che possa migliorare o non ha "idea" di ciò di cui parla la sua vittima. Il suo cattivo comportamento è colpa sua, nei suoi occhi. Se si fosse comportata meglio per cominciare, i suoi "buoni suggerimenti" o rabbia sarebbero stati superflui.

Gli autori verbali razionalizzano il loro comportamento seguendo queste linee. Se dovessero confrontarsi con il proprio comportamento, dovrebbero odiarsi consapevolmente da soli. Il loro cervello subcosciente li sta proteggendo dall'odio verso se stessi. Quindi, dice al cervello cosciente che la rabbia si adatta, la colpa e la critica sono risposte razionali a ciò che sta accadendo nell'ambiente.

A causa di questi tipi di razionalizzazioni, non puoi ragionare con un violentatore verbale. Potresti anche non farlo, perché causerà solo più abusi, più abbattimenti, più colpa, più critiche.

Il meglio che puoi fare è prendere le distanze dal tuo aggressore. Se non riesci a tagliare completamente la connessione per qualsiasi motivo, cerca di stare lontano da lui il più possibile.

Berit "Brit" Brogaard è l'autore di On Romantic Love.

Oxford University Press, used with permission
Fonte: Oxford University Press, utilizzata con permesso

Solutions Collecting From Web of "Come gli abusanti verbali razionalizzano il loro comportamento"