Come gestisci la delusione?

Pedro Lira [Public domain], via Wikimedia Commons
Fonte: Pedro Lira [Pubblico dominio], tramite Wikimedia Commons

Hai lavorato per raggiungere un obiettivo, preparandoti a un'emozionante competizione, audizione o colloquio di lavoro quando improvvisamente un rifiuto frantuma tutti i tuoi sogni.

È facile sentirsi vittimizzati, cadere nel vergognarsi ("Non sono abbastanza bravo,") o incolpare gli altri ("Come hanno potuto farmi questo?"). I sentimenti duri sono naturali, ma lasciarsi prendere dalla vergogna o dalla colpa può sabotarti, facendoti vedere come vittima. La vergogna porta a impotenza appresa (Peterson, Maier, e Seligman, 1993) e la colpa porta a un luogo esterno di controllo, che entrambi ci scoraggiano, indeboliscono il nostro slancio, ci impediscono di raggiungere i nostri obiettivi e possono persino portare alla depressione (Burger , 1984; Twenge, Zhang, & Im, 2004).

Non importa cosa succede, abbiamo sempre una scelta. Come scoprì Viktor Frankl, anche nell'orrore dei campi di concentramento nazisti c'era una cosa che le circostanze più dirette non potevano portare via: la sua scelta di come rispondere (Frankl, 1946/1984). Sopravvisse, scrisse il suo libro, Man's Search for Meaning e sviluppò Logoterapia per aiutare le persone a comprendere l'importanza della scelta nelle loro vite.

Le commedie di Shakespeare drammatizzano l'importanza della scelta o della proairesi. Di fronte alle avversità, i suoi tragici eroi si arrendono troppo spesso alla vergogna, incolpando se stessi come Amleto. Oppure incolpano gli esterni, si arrendono al destino come Romeo o incolpano troppo frettolosamente gli altri, spesso le persone sbagliate, come con Otello. Queste scelte portano inevitabilmente alla tragedia. Ma gli eroi comici di Shakespeare dimostrano una maggiore presenza della mente. Rosalind in As You Like It e Viola in Twelfth Night sono creativi e pieni di risorse, esplorando nuove opzioni per portare maggiore armonia nei loro mondi. Dimostrano ciò che lo psicologo Albert Bandura (1997) definisce "autoefficacia" – la convinzione che le nostre scelte facciano la differenza.

Quindi la prossima volta che affronti la delusione, non farti prendere dal vergogna e dal biasimare. Chiedi "Che cosa voglio?", Quindi cerca i modi per andare avanti. Non puoi controllare cosa è appena successo, ma puoi controllare la tua risposta. Hai sempre una scelta.

Solutions Collecting From Web of "Come gestisci la delusione?"