Come gestire l’ansia, la paura e lo stress sul posto di lavoro

Ognuno ha le sue sfide e opportunità uniche.

Ansia, paura e stress. Queste parole sono spesso usate in modo intercambiabile, ma nella mia esperienza di lavoro con i clienti in ruoli di leadership sono tre esperienze distinte, ognuna con le proprie sfide e opportunità.

In questo articolo, evidenzio le differenze tra ansia, paura e stress, mostrando come gestirle in modo da poter eseguire al meglio.

Cos’è l’ansia?

L’ansia non è né un’emozione né un pensiero, ma piuttosto un’esperienza che ha un impatto sull’intero essere.

È una minaccia esistenziale, in cui la tua identità è sotto attacco. Questa potrebbe essere un’identità di superficie (“Io sono competente”) o un’identità profonda (“Io sono vivo”).

L’ansia ha una qualità disorientante, travolgente, la sensazione di essere fuori controllo e paralizzata allo stesso tempo.

L’esperienza dell’ansia è quasi inevitabile nel mondo di oggi, con la volatilità, l’incertezza, la complessità e l’ambiguità (VUCA) che presentano nuove minacce alla propria identità quasi quotidianamente. Anche se non possiamo evitare queste minacce, abbiamo un certo controllo sul modo in cui rispondiamo a queste minacce.

La strategia predefinita di molte persone è quella di sfuggire all’ansia il più rapidamente possibile, spesso attraverso droghe e alcol. Ma alla fine ciò peggiora le cose, tagliandoci dalle soluzioni reali alle minacce che ci circondano.

Molto meglio andare verso piuttosto che allontanarsi dall’ansia, usando la meditazione, il diario o altre pratiche di insight per conoscere meglio le nostre ansie. Ciò a sua volta ci consente di dare un senso alle minacce reali che affrontiamo, in modo da poter sviluppare soluzioni creative che ci siano utili nel lungo termine.

Cos’è la paura?

Se l’ansia è un’esperienza disorientante di fronte a minacce senza nome e senza volto alla nostra identità che non comprendiamo a pieno ea malapena nemmeno a conoscenza, la paura è una risposta emotiva a una minaccia di cui siamo consapevoli e che comprendiamo.

Parlare in pubblico è l’esempio paradigmatico di un’attività che induce paura. Nel prepararmi a parlare in pubblico, sono consapevole delle minacce imminenti – il pubblico può trovarmi noioso, sciocco o stupido, e può ridere di me, invece che con me. Queste paure possono diventare paralizzanti se spendo troppo tempo a pensarle, ma non sono intrinsecamente destabilizzanti. Per ognuno di essi posso intraprendere azioni produttive. Posso assumere un allenatore per lavorare sulle mie capacità di presentazione, posso praticare le mie battute in anticipo. Le soluzioni alle minacce immaginate sono a mia disposizione, con pochissima creatività. Tutto ciò di cui ho davvero bisogno per evitare queste minacce è la consapevolezza dei possibili pericoli e una strategia per affrontarli.

La paura è quindi più facile da superare rispetto all’ansia, poiché dipende più dalla volontà che dalla creatività. Devo fare un buon lavoro e devo fare ciò che è necessario per fare un buon lavoro. Ma i problemi che sto cercando di risolvere hanno soluzioni disponibili. Ho solo bisogno di accedervi.

Cos’è lo stress?

Se la paura è una risposta emotiva a una minaccia percepita, lo stress è una risposta istintiva a un pericolo imminente. Abbiamo paura di parlare in pubblico; siamo stressati quando parliamo in pubblico.

I nostri antenati avevano molte più probabilità di sopravvivere se potessero percepire minacce imminenti e rispondere rapidamente ed efficacemente a loro. Noi umani moderni abbiamo conseguentemente ereditato una risposta allo stress altamente sviluppata, anche se non affrontiamo minacce fisiche imminenti quasi altrettanto spesso dei nostri antenati.

Spesso la nostra risposta allo stress inizia quando non è veramente necessaria. I palmi sudati di un oratore pubblico nervoso causano più problemi di quanti ne risolvano. Ma il nostro sistema nervoso simpatico si è evoluto, nel corso dei millenni, per fare proprio questo.

Sebbene non possiamo combattere le risposte istintive dei nostri corpi a situazioni minacciose, possiamo interpretare queste esperienze in modo diverso. Se odiamo le nostre mani sudate, interpretandole come un segno di debolezza, probabilmente diventeremo più stressati. Se, d’altra parte, accettiamo le mani sudate come naturali e inevitabili, probabilmente diventeremo meno stressati. Potremmo persino arrivare a interpretare le mani sudate come prova di eccitazione, più dello stress, poiché gli stessi sintomi corporei possono essere attribuiti a diversi suggerimenti emotivi.

Conclusione

Ansia, paura e stress sono tutti inevitabili nel mondo del lavoro moderno. Trovare modi sani di rispondere a ciascuno è la chiave per promuovere la tua carriera e il successo dell’organizzazione nel suo insieme.

Julian Humphreys

Fonte: Julian Humphreys

In un mondo ideale, l’angoscia porta a soluzioni creative che si traducono in un piano. La paura suscitata dalla prospettiva di eseguire un piano è superata dalla volontà, portando all’azione. E lo stress che accompagna l’azione è mitigato dalla consapevolezza del corpo, con conseguente alte prestazioni.

In tutti e tre i casi, gli esercizi di calmante quotidiani, tra cui meditazione, diario, riflessione e conversazione connessa, sono fondamentali.

Solutions Collecting From Web of "Come gestire l’ansia, la paura e lo stress sul posto di lavoro"