Come gestire i narcisisti sul posto di lavoro

Molti di noi hanno avuto l'esperienza impegnativa se non traumatica di trattare con narcisisti nelle nostre vite personali o al lavoro. Possono creare scompiglio e fare molto per distruggere vite, organizzazioni e persino paesi. Quindi, cosa fai se devi lavorare con un narcisista, in particolare con il capo?

Non molto è stato scritto sui narcisisti sul posto di lavoro da parte dei professionisti. L'esperto psicoanalista e dirigente Michael Maccoby sostiene che "gli psicoanalisti di solito non si avvicinano abbastanza ai [leader narcisistici], specialmente sul posto di lavoro, per scrivere su di loro".

La tua esperienza potrebbe essere quella di trattare con un narcisista che ha il Disturbo Narcisistico di Personalità (NPD) che presenta un problema formidabile, o una persona con alcuni comportamenti narcisistici ma non patologico, e questo può essere meno impegnativo.

Il narcisismo è un termine che deriva dalla mitologia greca, dove il giovane Narciso si innamorò della propria immagine riflessa in una pozza d'acqua. Il narcisismo è un concetto nella teoria psicoanalitica principalmente avanzato da Sigmund Freud. L'American Psychiatric Association ha avuto la classificazione del Disturbo Narcisistico di Personalità nel suo Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM) dal 1968. Il Disturbo Narcisistico di Personalità (NPD) (precedentemente noto come megalomania o, colloquialmente, come egotismo) è una forma di narcisismo patologico. Il DSM-IV-TR dell'American Psychiatric Association definisce il Disturbo Narcisistico di Personalità come "un modello onnipervadente di grandiosità (in fantasia o comportamento), bisogno di ammirazione o adulazione e mancanza di empatia, di solito a partire dalla prima età adulta e presente in vari contesti" , come la vita familiare e il lavoro.

Secondo il DSM-IV, tra il 2-16% della popolazione generale viene diagnosticato con NPD. Di questi il ​​50-75% sono maschi. I narcisisti gravitano naturalmente verso quelle professioni e lavori che garantiscono loro un'abbondante offerta di co-dipendenti disposti. Diverse vocazioni sono interessanti per loro: l'insegnamento, il clero, lo spettacolo, la gestione aziendale, la professione medica, l'esercito, le forze dell'ordine, la politica e lo sport.

La ricerca mostra che le persone con NPD presentano le seguenti caratteristiche comportamentali:

  • Un sentimento di grandiosità e auto-importanza, come esibito esagerando realizzazioni, talenti, abilità e mentendo su di loro;
  • Una mancanza di autocoscienza psicologica;
  • Un'ossessione per fantasie di successo illimitato, fama o onnipotenza, bellezza o dominanza sessuale;
  • Estrema difficoltà nel sentirsi o essere privi di empatia;
  • Confrontando costantemente se stessi con gli altri; invidioso o geloso degli altri;
  • Sono convinti che sono unici, speciali e che non hanno bisogno di conformarsi alle norme e alle regole che si applicano agli altri; un senso di diritto;
  • Gravi problemi nel sostenere relazioni sane;
  • Ipersensibilità a qualsiasi insulto o critica (reale o immaginaria).
  • Interpersonally exploitive-ie., Usa gli altri per raggiungere i bisogni personali;
  • Negazione del rimorso e senso di colpa – incapace di ammettere la colpa o scusarsi;
  • Incapace di denotare i confini tra loro e gli altri, vedere gli altri semplicemente come estensione di se stessi;
  • Essere invidiosi degli altri e credere che gli altri sono invidiosi di loro.

La loro apparizione è molto importante per i narcisisti, e si confrontano continuamente con gli altri, volendo apparire migliori. I narcisisti sono comunemente carismatici e affascinanti, con notevoli capacità di influenzare, persuadere e persuadere gli altri. Sono anche spesso comunicatori molto intelligenti e dotati. Molti narcisisti hanno molto successo in termini di ricchezza, status o fama. Credono e agiscono in base alla convinzione di essere al di sopra della legge, dei regolamenti e delle norme sociali, e devono solo aderire ai propri desideri personali. Di conseguenza, si impegnano in comportamenti distruttivi, spesso senza conseguenze, che rinforzano per loro che possono "cavarsela" con qualsiasi cosa. I narcisisti non sono in grado di entrare in empatia con gli altri e di considerare i loro sentimenti o bisogni.

I narcisisti usano spesso aggressività, rabbia e abuso per controllare altre persone. Questo esplode in superficie più frequentemente quando vengono criticati o sfidati. I narcisisti cercano anche di controllare gli altri essendo imprevedibili, ambigui e contraddittori. Giusto e sbagliato per loro è determinato da qualunque cosa vogliano fare in questo momento. E possono cambiare i loro punti di vista, le azioni e le motivazioni per loro per un capriccio, istantaneamente, anche se è contraddittorio. Inoltre, un narcisista crede che solo lui abbia il diritto di determinare i bisogni dei suoi fedeli seguaci. Non rispetta o riconosce l'indipendenza degli altri dal pensiero e dall'azione e spesso li punisce per qualcosa di meno della cieca lealtà. Il leader narcisistico esagera spesso i suoi talenti e le sue abilità gettandosi come un eroico salvatore, pronunciando una frase del tipo "solo io posso …"

Allo stesso tempo, i narcisisti, in virtù delle loro azioni, finiscono per essere vittime dei loro stessi comportamenti autodistruttivi e autodistruttivi. Si trovano spesso per nutrire la propria immagine di sé e la grandiosità, anche se alla fine le bugie li raggiungono.

Narcisismo sul posto di lavoro

Gli individui che otterrebbero un punteggio elevato nel Narcisistic Personality Inventory hanno maggiori probabilità di impegnarsi in comportamenti di lavoro controproducenti che danneggiano le organizzazioni o le persone, di solito quando l'autostima del leader narcisistico è minacciata. Uno dei problemi è che un individuo con NPD non è in grado di prendere l'inventario e esporsi. Le forme minori di narcisismo presentano ancora problemi per il funzionamento efficace di un posto di lavoro e delle relazioni al suo interno.

Il leader narcisistico

Il leader narcisistico ha una fonte di rifornimento di dipendenti e colleghi che possono continuamente offrire lusinghe, attenzioni e talvolta cieca obbedienza. I leader narcisistici aziendali di alto profilo sono stati profilati dagli psicologi Alan Downs e Victor Hill. Illustrano nei loro scritti come i leader narcisistici possono avere successo nel conseguire successi o benefici a breve termine, ma a lungo termine danneggiano i dipendenti e le loro aziende.

Uno studio pubblicato sulla rivista Personality and Social Psychology Bulletin di Amy Brunell et al. suggerisce che quando un gruppo non ha un leader, è probabile che un narcisista si faccia carico. Mentre i narcisisti hanno maggiori probabilità di diventare leader, i risultati di uno degli studi suggeriscono che, una volta al potere, i narcisisti non ottengono risultati migliori di altri in quel ruolo di leadership. "Non sorprende che i narcisisti diventino leader", scrive Brunell. "Loro amano il potere, sono egoisti, e di solito sono affascinanti ed estroversi. Ma il problema è che non fanno necessariamente leader migliori ".

Gerard Hanlon nel suo studio, The Dark Side of Management, sostiene che i leader narcisistici sono "guidati da incrollabile arroganza, autoassorbimento e un personale egoistico bisogno di potere e ammirazione." Roy Lubit, sulla facoltà del Monte. La Scuola di Medicina del Sinai, dice che le grandiose fantasie dei leader narcisistici sono tentativi di riempire il vuoto e rafforzare la loro fragile autostima. Lubit sostiene che i leader narcisistici non riescano a fare grossi cambiamenti nel loro comportamento.

Scrivendo nella Harvard Business Review , Michael Maccoby ha identificato le debolezze di un leader narcisista, tra cui: "Nonostante i sentimenti caldi che il loro carisma può evocare, i narcisisti di solito non sono a loro agio con le proprie emozioni. Ascoltano solo il tipo di informazioni che cercano. Non imparano facilmente dagli altri. A loro non piace insegnare ma preferiscono indottrinare e fare discorsi. Dominano le riunioni con i subordinati. Forse il problema principale è che le colpe del narcisista tendono a diventare ancora più pronunciate mentre ha più successo ".

Secondo Alan Downs, il narcisismo aziendale si verifica quando un narcisista diventa CEO o altri ruoli di leadership all'interno del senior management team e riunisce attorno a sé un adeguato mix di co-dipendenti per supportare il comportamento narcisistico. I narcisisti professano la fedeltà della compagnia, ma sono realmente impegnati solo nei loro programmi, quindi le decisioni organizzative sono fondate sugli interessi propri del narcisista piuttosto che sugli interessi dell'organizzazione nel suo insieme, dei vari stakeholder o della società in cui opera l'organizzazione. Downs dice "un certo tipo di leader carismatico può gestire un'azienda finanziariamente di successo su principi completamente malsani per un certo periodo. Ma … le galline tornano sempre a casa a posare. "

Esiste una cosa come "narcisismo sano?"

Alcuni esperti sostengono che esiste una forma di narcisismo sano che esiste tra molti di noi, caratterizzato da elevata autostima e convinzioni su competenza, simpatia e relativa libertà dall'ansia o dalla depressione. Una variabile significativa che potrebbe determinare il grado di salubrità sarebbe la presenza di un'accurata autoconsapevolezza da parte del leader.

Co-autore di uno studio con Emily Grijalva, Peter Harms, professore di management presso l'Università del Nebraska, afferma che quelli con livelli moderati di narcisismo hanno raggiunto "un buon equilibrio tra avere sufficienti livelli di autostima, ma non manifestare il aspetti negativi e antisociali del narcisismo che comportano il mettere gli altri giù per sentirsi bene con se stessi ".

Sebbene in qualche modo grandiosi e sconsiderati degli altri, i leader che sono narcisisti ma non patologici hanno una coscienza e possono provare empatia per gli altri; semplicemente non si rendono conto del pieno impatto del loro comportamento sugli altri. Le persone con questo "narcisismo colto" sono molto più suscettibili di cambiamento rispetto a quelle con narcisismo derivante da problemi precoci nel loro sviluppo emotivo.

Gli effetti disastrosi dei leader narcisistici

La lunga storia di frodi finanziarie attuate con un insignificante disprezzo sia per i dipendenti che per gli azionisti è un esempio degli effetti disastrosi dei leader narcisistici. Questi leader narcisistici ricorrono a scorciatoie, frodi e pratiche non etiche. Esempi potrebbero essere Denis Kozlowski di Tyco o "Il lupo di Wall Street", Jordan Belfort. Il leader narcisistico non riconosce i confini: personale, aziendale o legale. Tutto e tutti sono per lui solo modi per offrire gratificazione.

Don Hambrick ed Erick Jackson della Columbia University Business School, hanno completato uno studio di amministratori delegati narcisistici alcuni anni fa e hanno concluso, tra le altre cose:

  • I CEO più narcisistici erano legati alle grandi fluttuazioni della performance per le aziende – per alcuni anni avrebbero fatto davvero bene, ma di solito sarebbero seguiti da diversi anni in cui hanno fatto molto male;
  • I CEO altamente narcisistici sono molto meno sensibili alle recenti misure oggettive delle loro prestazioni rispetto ai CEO meno narcisistici;
  • Tuttavia, la cosa più interessante è che i CEO altamente narcisistici erano molto sensibili agli elogi sociali (misurati come elogi mediatici e premi dei media) e ciò li spingeva ad aumentare il ritmo delle acquisizioni e dei premi pagati (che, nel tempo, tendevano a distruggere l'azionista) valore).

I leader narcisistici si considerano visionari e figure eroiche. La "nuova economia" delle dotcom era, e ora è Silicon Valley, infestata da questi "visionari" con un atteggiamento sprezzante nei confronti degli "esperti" e degli impiegati che assumono.

A differenza del leader psicopatico che vittima gli altri in maniera fredda e calcolatrice, il leader narcisistico attacca gli altri casualmente senza calcoli. Il narcisista è sbalordito dall'insistenza della società sul fatto che dovrebbe essere ritenuto responsabile delle sue azioni. Quando altri tentano di ritenerlo responsabile, si comporta come una vittima, credendo di essere stato ferito ingiustamente e ingiustamente.

In un articolo di Harvard Business Review , "Why We Love Narcissists" di Tomas Chamorro-Premuzic, sostiene che "nella nostra società, i leader narcisistici hanno un enorme successo e sono ampiamente ammirati perché sono gestori di impressioni magistrali; abilmente proiettano la colpa sugli altri per fallimenti e problemi e prendersi il merito dei successi degli altri ".

L'importanza dei co-dipendenti o la "fornitura narcisistica"

Le persone che possono essere caratterizzate come co-dipendenti possono essere disegnate e facilmente influenzate dai narcisisti. L'offerta narcisistica è l'adulazione e l'attenzione di subordinati e colleghi (e dei media). La necessità del leader narcisistico di proteggere tali reti di fornitura impedirà il processo decisionale oggettivo.

I co-dipendenti sono persone che si sentono responsabili dei sentimenti degli altri e tendono a cercare la convalida e la rassicurazione da una persona che non è disposta a dare loro questo tipo di sostegno. I co-dipendenti bramano la sicurezza, quindi tendono ad essere attratti dall'immagine forte e potente presentata dal capo narcisista. Il narcisista usa il naturale desiderio del co-dipendente di aiutare gli altri a raggiungere i propri scopi, solitamente come spinta alla sua autostima. Gli schemi di comportamento codipendenti includono tra l'altro, evitando il processo decisionale e il confronto, il riferimento esterno (controllando sempre se stessi prima di fare scelte), subordinando i propri bisogni a quelli della persona con cui si è coinvolti (il narcisista), perfezionismo, controllo eccessivo, manipolazione, mancanza di fiducia e mentire.

Il narcisista è il guru al centro di un culto, sostiene Sam Vaknin, autore di Malignant Self Love: Narcisism Revisited. Come altri guru, richiede completa obbedienza dal suo gregge: sua moglie, i suoi figli, altri membri della famiglia, amici e colleghi: "Si sente autorizzato ad adulazione e trattamento speciale da parte dei suoi seguaci. Punisce il ribelle e gli agnelli che si allontanano. Impone la disciplina, l'adesione ai suoi insegnamenti e obiettivi comuni.

Potresti lavorare con un capo narcisista o un collega, che si impegna in "gaslighting" per sminuirti e ingrandirti. Questi comportamenti includono la trattenuta, in cui il narcisista finge di comprendere; contrastare, dove chiama in causa la tua memoria; bloccare e deviare la conversazione verso qualcos'altro; banalizzando le tue preoccupazioni; e dimenticando o negando comportamenti abusivi. Tutti questi comportamenti hanno lo scopo di farti dubitare dei tuoi pensieri, ricordi e azioni e cercare di farti vedere che c'è qualcosa di sbagliato in te.

Strategie nel trattare con i narcisisti sul posto di lavoro

Innanzitutto, direi che i tentativi di controllare, modificare o modificare il comportamento di un individuo con NPD saranno probabilmente infruttuosi e controproducenti, sulla base della mia recensione della ricerca e della mia esperienza di coaching leader narcisistici. Il mio miglior consiglio sarebbe quello di allontanarmi il più possibile da loro. L'aiuto di cui hanno bisogno è con uno psicoterapeuta esperto. Per quanto riguarda i narcisisti che non hanno NPD, ma mostrano comportamenti narcisistici meno pronunciati, ecco alcuni suggerimenti per affrontarli:

  • Ignorali e non reagire se sono offensivi. Passeranno a un altro bersaglio;
  • Non riguarda te quando ti attacca. Il loro comportamento è un disturbo;
  • Quando comunichi qualcosa che è necessario o desiderato, fallo in termini di interesse personale e immagine. Ad esempio, "È fantastico che tu abbia introdotto una politica di più tempo libero per i dipendenti venerdì pomeriggio … è davvero generoso da parte tua".
  • Se decidi di evitarli, non equivocare o cambiare idea.
  • Fai attenzione ai loro tentativi di "gaslighting", dove cercano di farti dubitare delle tue percezioni, memoria e conclusioni;
  • Stabilire un buon contatto visivo e parlare con sicurezza, ma non in modo critico o aggressivo; non essere tacito o mostrare mancanza di fiducia;
  • Non cercare di fare appello alla loro empatia o compassione;
  • Non chiedere a loro di mettersi nei tuoi panni per vedere il tuo punto di vista. Non ne sono capaci;
  • Non essere mai in disaccordo con il narcisista o contraddirlo in particolare davanti ad altre persone; ti punirà per averlo fatto;
  • Non fare commenti, che potrebbero direttamente o indirettamente interferire con l'immagine di sé del narcisista,
  • Puoi mantenere la tua posizione senza giustificarti o difenderti; puoi dire "hai ragione" sulla sua percezione senza essere d'accordo con la sostanza del suo punto di vista. Non discutere;
  • Non offrirgli mai alcuna intimità personale – i narcisisti non lo apprezzano;
  • Sembri meravigliato di qualunque risultato o attributo sia importante per lui;
  • Non dire cose come le seguenti: "Penso che tu abbia trascurato … hai commesso un errore qui … non sai … lo sai … non puoi … dovresti,"
  • Se sei attaccato abusivamente, rispondi dicendo: "Non va bene" e vai via.

Una parola di cautela qui: non pensare di poter battere in astuzia una persona con NPD, perché per farlo dovresti diventare come lui.

In che modo la nostra cultura supporta la narcisistica

Alcuni commenti finali qui sulla prevalenza dei narcisisti sul posto di lavoro. Charles Derber ha osservato nel suo libro The Pursuit of Attention: Power and Ego in Everyday Life, che l'America ha un debole sistema di supporto sociale, ancorato a credenze e comportamenti individualistici, che porta le persone a competere per l'attenzione. I social media di oggi possono magnificare questo fenomeno. Christopher Lasch definisce una cultura narcisistica come uno in cui la maggior parte delle attività e delle relazioni sono definite da un bisogno edonistico di acquisire i simboli della ricchezza e dello status, che a sua volta promuove le gerarchie sociali.

Reality TV, film di cultura pop come The Wolf of Wall Street e Citizen Kane, notizie false e la dipendenza dai social media come Facebook sono i riflessi di una cultura narcisistica, che, secondo alcuni, è emersa dopo la seconda guerra mondiale e da allora è cresciuta poi. Quindi, in un certo senso, la prevalenza dei leader narcisistici nelle organizzazioni è stata incoraggiata e sostenuta dalla nostra cultura.

Jim Taylor, psicologo dell'Università di San Francisco, sostiene che "La vera preoccupazione non sono i singoli narcisisti tra noi, ma quando la nostra società abbraccia e, OMG !, accetta il narcisismo come norma. E quel tempo potrebbe essere arrivato. È allora che dobbiamo iniziare a fare la prossima domanda, che è molto più spaventosa: quale effetto avrà questa cultura del narcisismo sempre più normalizzata nella nostra società? "

Copyright, 2017 di Ray Williams. Questo articolo non può essere riprodotto o pubblicato senza il permesso dell'autore. Se lo condividi, ti preghiamo di dare credito all'autore e non rimuovere i link incorporati.

Per leggere altri miei post su questo blog, clicca qui.

Unisciti a me su Twitter: @raybwilliams.

Scrivo anche a The Financial Post e Fulfillment Daily and Business.com .

Per saperne di più su come i leader possono usare le pratiche di consapevolezza per trasformare i luoghi di lavoro caotici, leggi il mio libro, Eye of the Storm: in che modo i leader consapevoli possono trasformare luoghi di lavoro caotici .

Immagini, immagini e foto
Immagini, immagini e foto

Solutions Collecting From Web of "Come gestire i narcisisti sul posto di lavoro"