Come gestire i conflitti sul lavoro

Gestire in modo efficace i conflitti è probabilmente la cosa più difficile che un manager debba fare. Recentemente mi è stato ricordato da un commento di un lettore in risposta a un post su Forbes.com (10 cose che gli uomini d'affari di successo non sono scoraggiati da). La sua osservazione? "Lo stamperò e lo metto dove posso leggerlo ogni mattina", ha scritto. "Gestire bene il conflitto (invece di correre e nascondersi) è stata una delle mie più grandi sfide come manager relativamente nuovo, quindi grazie per avermi ricordato che vincere la paura del conflitto è valsa la pena!"

In realtà non dovrebbe sentirsi male: ha molta compagnia. Mentre di tanto in tanto incontrerai un manager che gode di conflitto, che apprezza davvero lo scontro e la disputa, la maggior parte della gente preferirebbe non occuparsene, se fosse una scelta.

Sfortunatamente, come manager, se hai intenzione di fare il tuo lavoro, non hai scelta.

Ripensandoci ora sulla mia carriera, posso ricordare i conflitti con le tante persone che ho gestito su quasi tutto: stipendi, promozioni, riconoscimenti, valutazioni, altri membri del team, gestiti troppo, non gestiti abbastanza, progetti troppo difficili, progetti troppo noiosi … e di tanto in tanto qualcuno che per puro motivo non era assolutamente insubordinato. Non mi è mai piaciuto il conflitto. Ma ho capito subito che se mi aspettavo di essere pagato una quantità ragionevole di denaro per il management, fare del mio meglio per affrontare il conflitto in modo equo e diretto era una parte cruciale del lavoro.

In questo spirito, seguendo alcune cose che ho imparato a riguardo:

Accettare l'inevitabilità del conflitto nella gestione – Come già detto, è sufficiente riconoscere che affrontarlo fa parte del lavoro. Non sprecare energie a rimuginare su di esso, e non sentirti male se ti senti male. Accettalo per quello che è: viene fornito con il territorio manageriale.

Non essere in conflitto – i problemi sul posto di lavoro interpersonale non scompariranno ignorandoli; andranno solo peggio. Gli evitatori di conflitti cronici finiranno per perdere il rispetto dei loro dipendenti e della loro stessa gestione.

Stai calmo – Anche quando è provocato, tieni duro sul tuo temperamento; rimani il più calmo possibile. Ci sono alcune linee memorabili dal famoso poema Rudyard Kipling Se : Se riesci a mantenere la tua testa quando tutto su di te / Stai perdendo la loro e incolpando te / Se puoi fidarti di te stesso quando tutti gli uomini ne dubitano / Ma lascia il loro dubbio anche … E dopo diversi versi la poesia conclude: La tua è la Terra e tutto ciò che è in essa / E – che è di più – sarai un uomo, figlio mio. (O una donna … Kipling scrisse questo nel 1895.) Sebbene non fosse scritto per gli affari, ho sempre sentito che c'era una rilevanza gestionale nel messaggio.

Mantenere la posizione morale – Un cugino stretto al punto direttamente sopra. Sei la gestione. Sei la voce della ragione. Non perdere il controllo o tirare il rango o cedere l'alto livello morale – il controllo della calma è una posizione molto più vantaggiosa da gestire e negoziare.

Collaborare con le risorse umane – Anche se gli operatori delle risorse umane sono diventati stereotipi scherzosi in TV e nei film … Lo affermerò in grassetto: quando ero in management, i miei colleghi in Risorse Umane erano di inestimabile valore per me in molte occasioni . Non ho mai esitato a chiamarli quando ho affrontato difficili conflitti tra dipendenti. Erano immancabilmente una terza parte obiettiva, una cassa di risonanza, una preziosa fonte di ragionevole consiglio. La mia filosofia era sempre, in situazioni delicate, ottenere tutto l'aiuto possibile .

Documenta meticolosamente – Quando si verifica un conflitto grave, come manager hai bisogno di registrazioni accurate di esso. Durante le valutazioni delle prestazioni dei dipendenti, avrai bisogno di una documentazione chiara per evitare discussioni che si dissolvono in dispute "ha detto / lei ha detto". E quando è necessario terminare qualcuno, ovviamente è necessaria una documentazione dettagliata (di nuovo, un tempo per lavorare a stretto contatto con le risorse umane) o potresti avere un'esposizione legale.

Non pensare in termini di "vincita", tanto quanto risolverlo in modo costruttivo : nessun punto vincere la battaglia ma perdere la guerra. Il ruolo della direzione non è quello di "sconfiggere il nemico" (anche se a volte può sembrare catartico!), Ma di ottenere prestazioni ottimali dall'area che stai gestendo. Di conseguenza, è meglio non lasciare corpi nella tua scia, ma risolvere i conflitti in modo equo, rapido e avanzare il più costruttivamente possibile. Chiusura e andare avanti … prima è, meglio è.

Non voglio dare l'illusione di tutto questo è facile.

Non lo è. Non lo è mai.

Ma se riesci a sviluppare un approccio coerente e razionale alla gestione dei conflitti, può rendere il tuo lavoro difficile molto meno stressante di quanto non sarebbe senza di esso.

Questo articolo è apparso per la prima volta su Forbes.com.

* * *

Victor è l'autore di The Type B Manager: leader in un mondo di tipo A (Prentice Hall Press).

Scopri perché Howling Wolf Management Training si chiama quello che è.

Solutions Collecting From Web of "Come gestire i conflitti sul lavoro"