Come gestire i capi abusivi, narcisistici e ostili

Alcune recenti ricerche sui dipendenti che si occupano di capi abusivi mostrano che uno studio ben intenzionato del comportamento sul posto di lavoro può produrre risultati che confondono le previsioni dei ricercatori. Questa ricerca ha trovato un risultato non sorprendente; ma un'altra parte delle scoperte – che ha sorpreso i ricercatori – è ciò che ha attirato la mia attenzione.

Per spiegare, la ricerca ha esaminato i modi in cui i dipendenti si comportano quando lavorano per i capi abusivi. Si tratta spesso di persone narcisiste, denigratorie, arroganti e non sostenenti – o addirittura minare – dell'apprendimento e dello sviluppo dei dipendenti.

La parte non sorprendente dei risultati è stata che il solo tentativo di evitare il capo abusivo o di tracciare i modi per vendicarsi non ha funzionato. Ciò ha reso le cose peggiori per il dipendente, secondo lo studio, pubblicato sul Journal of Applied Psychology e riassunto da Jena McGregor nel Washington Post.

Ma è stata l'altra serie di risultati che ha attirato la mia attenzione. Qui, i ricercatori hanno predetto che "atti di compassione ed empatia – i dipendenti che assistono i cattivi capi andando al di sopra e al di là, aiutando i capi con carichi di lavoro pesanti anche quando non vengono loro richiesti" porterebbero a una riduzione degli abusi da parte di questi capi. E che "atti di gentilezza potrebbero aiutare a ridurre il comportamento maleducato o offensivo futuro".

I ricercatori sono stati sorpresi di scoprire che non è successo. Invece, secondo il co-autore dello studio Charlice Hurst, "i supervisori abusivi non hanno risposto ai seguaci di essere positivi e compassionevoli, e di fare cose di supporto e aiuto". I ricercatori hanno concluso che i loro risultati sembravano "scontrarsi con il buon senso. ”

Veramente? Penso che la maggior parte di chiunque abbia mai lavorato per capi abusivi riderebbe di tali assunti di "buon senso". No, cercare di essere "gentile" o empatico nei confronti del capo narcisista e arrogante che spesso fa richieste contrastanti ai dipendenti non produrrà cambiamenti positivi.

Cosa aiuta?
Tuttavia, un suggerimento su cosa può aiutare viene da un altro studio. Ha scoperto che i dipendenti che trovano il modo di disimpegnarsi, emotivamente, dai padroni abusivi, sperimentano un maggiore senso di gestione del loro dilemma e del suo impatto emotivo.

Questo è coerente con quello che ho trovato nel mio lavoro con uomini e donne che si occupano di queste situazioni. Cioè, se si ridefinisce il modo in cui si immagina la situazione, si può aprire la porta ad azioni proattive, positive e costruttive nella situazione in cui ci si sente intrappolati. Ci sono diversi modi per farlo. Può iniziare con quello che un dirigente di medio livello ha fatto, per esempio, mentre cercava un'alternativa al solo chinarsi, sentirsi depressa e priva di potere.

Ha iniziato con la meditazione di consapevolezza, concentrando la sua attenzione sul semplice osservare le emozioni negative suscitate dal comportamento del suo capo in lei. Solo "guardando" le sue emozioni passano attraverso la sua indebolita tendenza a dimorare nella rabbia o perseguire azioni improduttive. Ciò ha avviato uno spostamento verso l'uscita "al di fuori" di se stessa – al di fuori dello stretto punto di osservazione del proprio ego – e verso il vedere se stessa come se fosse un personaggio in un film.

Con quella prospettiva espansa lei poteva vedere il suo capo come semplicemente essere la persona che era; non importa quali fossero le ragioni psicologiche del perché fosse così; o come li ha giudicati. Il disimpegno emotivo l'ha aiutata a non prendere il suo comportamento personalmente, anche se ha avuto un impatto personale. In effetti, è rimasta "indifferente" alle sue stesse reazioni emotive. Eppure è rimasta impegnata a cercare soluzioni alle sue situazioni.

Ad esempio, ha iniziato a chiedergli direttamente i modi in cui poteva aiutare i suoi obiettivi, piuttosto che evitarli o eluderli. Decise anche di cedere il controllo di alcune aree che non le importavano, ma che il suo capo sembrava godere della microgestione. La sua prospettiva disimpegnata rafforzò la sua fiducia nella sua esperienza; che l'agenda del suo capo o la sua gestione abusiva non la sminuivano.

Inoltre, tuttavia – e soprattutto – ha concluso che le sue prospettive di carriera sotto di lui erano probabilmente un vicolo cieco per il prevedibile futuro. Quindi aggiorna immediatamente il suo curriculum e inizia a cercare una nuova posizione. Ciò la teneva concentrata sui suoi obiettivi di sviluppo della carriera mentre navigava attraverso la situazione con il minor attrito possibile.

Certo, è importante autodidarsi sin dall'inizio quando ti trovi in ​​una brutta situazione. Guarda onestamente, con l'aiuto esterno, se necessario, a ciò che potresti contribuire al problema. Chiediti: "Quanto sono io o la situazione?" Senza fare ciò, potresti intraprendere azioni che in seguito rimpiangerai o che risulterebbero inutili.

Tuttavia, l'esempio che ho descritto sopra evidenzia alcune linee guida che aiutano le persone a gestire una gamma di gestione abusiva, distruttiva e altrimenti malsana. Loro includono:

Crea una zona cuscinetto emozionale. Osserva le tue risposte emotive interne alla tua situazione, ma riconosci il fatto che non sei obbligato ad agire su di loro. Visualizza uno "spazio" tra le tue emozioni e il modo in cui scegli di gestirle nel tuo comportamento. Se non lo fai, probabilmente dirai o farai qualcosa di inutile o dannoso per te stesso. Siate consapevoli dei vostri pulsanti che il vostro capo sta spingendo, ma non fatevi coinvolgere nel reagire ai problemi emotivi del vostro capo. Riconosci che hai sempre una scelta su cosa fai con le tue emozioni nel tuo stesso comportamento.

Espandi la tua prospettiva. La zona cuscinetto attorno alle tue emozioni innescate allarga la tua prospettiva sulla situazione: cosa ci sta alimentando e cosa può guidare la condotta del tuo capo. Vedere il problema in un contesto molto più ampio include la considerazione di molti fattori. Ad esempio, il ruolo di altri giocatori o di altre questioni organizzative e politiche, indipendentemente da quale sia la tua opinione su di loro. Comprende il fatto che il comportamento di controllo o abusivo del tuo capo può riflettere qualche paura per lei o la sua sicurezza nella posizione.

Agisci con "indifferenza impegnata". Quella zona cuscinetto e una prospettiva allargata ti aiutano a diventare più proattivo verso la gestione della tua situazione, pur essendo "indifferente" alle tue reazioni emotive che si innescano lungo la strada. È meno probabile che tu sia attratto da comportamenti improduttivi alimentati da rabbia, risentimento o autocommiserazione. Potresti anche decidere di cercare modi per aiutare il tuo capo a sentirsi più sicuro o supportato, nonostante quello che pensi di lui o lei, perché farlo potrebbe diminuire l'ansia del tuo capo e quindi renderà la tua vita un po 'più facile finché rimarrai Là.

Evita un'altra situazione abusiva. Se decidi di andartene, fai le ricerche quando consideri un nuovo lavoro: cerca i segni di una situazione potenzialmente negativa, ad esempio prestando attenzione a ciò che ascolti durante le interviste; chiedere alle persone all'interno dell'organizzazione cosa vuol dire lavorare per quella società o quel capo; attenzione a qualsiasi bandiera rossa sollevata da ciò che senti … e non contribuisci a ripetere la storia.

dlabier@CenterProgressive.org

Centro per lo sviluppo progressivo

Blog: Impatto progressivo

© 2015 Douglas LaBier