Come far fronte all'incertezza personale e globale

Cosa conti come "certo" nella tua vita? Se mi aveste chiesto il 21 maggio 2001, il giorno prima mi sono ammalato di una malattia che continua ancora oggi, "Credi che l'impermanenza e il cambiamento siano leggi universali?" Avrei detto: "Certo! "Dopo tutto, sono stato un buddista praticante per dieci anni e il Buddha ha definito l'impermanenza come un" marchio di esperienza ", comune a tutti gli esseri umani. Lo vediamo dappertutto – nel cambiare le relazioni, nel cambiare i regimi politici, nel sorgere rapido del fuoco e nel passare i pensieri e gli stati d'animo.

Se tutto è soggetto a cambiamenti, come possiamo essere certi di qualcosa? Non possiamo. Eppure, nonostante anni di immersione nell'insegnamento del Buddha, in quel giorno del maggio 2001, mi sentivo sicuro di molte cose, tra cui:

1. Insegnerei per altri 10-20 anni e mio marito e io continueremmo a fare i nostri preziosi viaggi a Moloka'i dove affitteremmo lo stesso rifugio segreto che avevo scoperto nel 1995.

2. I miei amici, Marla e Dick, finirono di costruire la loro casa dei sogni sulla proprietà che avevano comprato nelle montagne della Sierra.

3. Le torri del World Trade Center continuerebbero a dominare lo skyline di New York City, con la loro immagine che identifica istantaneamente un film o uno show televisivo ambientato nella Grande Mela.

Ecco come sono venute fuori queste tre "certezze":

1. Sbagliato . Ho dovuto smettere di insegnare e non sono in grado di viaggiare a causa della malattia che ho avuto il giorno dopo, il 22 maggio 200l.

2. Sbagliato . Alcuni mesi fa, Marla e Dick furono uccisi in uno scontro frontale mentre stavano tornando alla loro proprietà nelle Sierras.

3. Sbagliato . Meno di quattro mesi dopo quella data del 21 maggio 2001, le torri gemelle furono ridotte in macerie da terroristi che uccisero migliaia di persone.

Ciò che la scorsa decade mi ha insegnato sull'incertezza. Sebbene i nostri corpi siano organismi meravigliosi (basta contemplare il funzionamento dei sistemi circolatorio o respiratorio), essi sono solo carne, ossa e sangue. In quanto tali, sono soggetti a incursioni inaspettate e imprevedibili – da una malattia, da un'auto in arrivo nella corsia sbagliata, da quelli intenzionati a farci del male.

Come affrontare l'incertezza della vita:

1. Trova la via di mezzo tra gli estremi del vivere nell'illusione della certezza e vivere nella paura e preoccuparsi del futuro.

Quando mi sono ammalato, Sylvia Boorstein (che ha scritto la prefazione al mio primo libro) mi ha regalato Healing Lazarus di Lewis Richmond. Nel pieno della sua vita, Richmond fu colpita da una rara lesione cerebrale pericolosa per la vita: l'encefalite virale. Era in coma per 10 giorni. In questo libro straordinario, racconta l'effetto devastante della malattia e la sua lenta risalita alla salute.

Una storia che ha raccontato ha avuto un profondo effetto su di me. Quando ha iniziato a riprendersi, ha dovuto rimettere insieme la sua vita. Ciò significava imparare a camminare e parlare, riprendere la sua carriera e diventare un partner alla pari nella sua vita familiare. Durante questo lungo e estenuante processo, si ritrovò improvvisamente a vivere in una paura travolgente e si preoccupò che qualcosa come questa malattia potesse accadergli di nuovo.

Il terapeuta identificò questa paura come "pensiero catastrofico" e gli disse che non era un'esperienza insolita a seguito di un trauma di qualsiasi tipo. Quindi lei disse:

Certamente, qualsiasi di queste cose potrebbe accadere, a te o a me o a chiunque, ma non possiamo vivere le nostre vite per paura di loro. Dobbiamo tutti sviluppare un'assunzione di sicurezza che ci permetta di superare la giornata. Ho tre figli e se mi permettessi di preoccuparmi costantemente che uno di loro potesse essere investito da una macchina, o potesse essere rapito, non sarei in grado di funzionare.

Queste parole del suo terapeuta mi hanno aiutato incommensurabilmente. Sono ancora preso dalla paura generata dall'incertezza: "E se qualcosa dovesse accadere a uno dei miei familiari e devo essere continuamente al loro fianco in ospedale?" (Sono troppo malato per essere in grado di fare "Cosa succede se uno dei miei figli o nipoti si trova in un centro commerciale quando si verifica un attacco terroristico?" Quando si presentano questi timori, ricordo cosa gli ha detto il terapeuta di Lewis Richmond e ripeto le sue parole a me stesso: "Tutti dobbiamo sviluppare un'ipotesi di sicurezza. "

Pixabay

Questo suo commento non mi ha solo aiutato a far fronte all'incertezza di questa malattia, ma mi sono anche rilassato riguardo ai miei figli e nipoti. Li ho avvolti in un'assunzione di sicurezza. È stato incredibilmente confortante e liberatorio per me. Dopo tutto, la probabilità è bassa che accada qualcosa di disastroso. Ovviamente dovremmo prendere precauzioni ragionevoli, ma le catastrofi sono l'eccezione, non la regola, nonostante l'attenzione costante dei media su di loro. Come diceva Mark Twain: "Ho vissuto una lunga vita e ho visto un sacco di volte difficili … la maggior parte delle quali non è mai accaduta".

2. Usa le Prove meteorologiche per fare pace con il fatto di incertezza.

Scrivo di Weather Practice nel mio libro How to Be Sick , nel capitolo sull'impermanenza. I sintomi fisici, i pensieri e le emozioni sono mutevoli come il tempo. Soffiano dentro; si spengono. Quando arrivano emozioni dolorose come paura o preoccupazione, possiamo imparare a salutarle come ospiti attesi (di certo sembrano invitare se stessi). Resistere a loro è come resistere alle intemperie: non farà in modo che una tempesta possa esplodere. Non è personale. Come una tempesta, queste emozioni dolorose sorgono quando determinate cause e condizioni si uniscono. Poi passano attraverso, forse anche lasciando spazio a un raggio di sole nella mente!

Più possiamo accogliere la paura e la preoccupazione come semplicemente il risultato di cause e condizioni, alcune esterne a noi (ad esempio un uragano), alcune interne nella forma della nostra reazione a quelle condizioni esterne, prima gli ospiti vanno avanti perché perdono la loro stretta su di noi quando vediamo la loro natura impermanente.

Cerco di dare il benvenuto ogni giorno come lo è per me, inclusa l'incertezza e l'imprevedibilità. Uso una frase dell'insegnante buddista tibetano Pema Chodron: "Inizia dove sei". Così, comincio dove sono – con questa malattia e con un mondo che è turbato – mentre allo stesso tempo lavoro per migliorare la mia salute e il benessere degli altri.

L'insegnante buddista, Joseph Goldstein, ama dire: "Tutto può succedere in qualsiasi momento". Questo include difficoltà e persino crisi, ma include anche la possibilità di una guarigione spontanea dalla malattia o di una imprevista deposizione di armi. In quei preziosi momenti in cui non mi sento minacciato dall'incertezza e dal cambiamento, una grande sensazione di sollievo mi travolge e mi sento in pace.

Ora so che il 21 maggio 2001 non ero preparato per quello che la vita mi aveva riservato il giorno dopo, o per tutti noi meno di quattro mesi dopo. Ma, vedendo profondamente l'incertezza della vita, faccio voto di custodire ogni momento di gioia come se fosse un arcobaleno che appare fugacemente quando le giuste condizioni si uniscono.

© 2011 Toni Bernhard. Grazie per aver letto il mio lavoro. Sono l'autore di tre libri. Tutti e tre si espandono sul tema di affrontare con grazia l'incertezza della vita:

Come vivere bene con Chronic Pain and Illness: A Mindful Guide (2015)

Come svegliarsi: una guida ispirata dal buddismo per navigare tra la gioia e il dolore (2013)

Come essere malati: una guida ispirata dal buddista per i malati cronici e i loro caregivers (2010)  

Tutti i miei libri sono disponibili in formato audio da Amazon, audible.com e iTunes.

Visita www.tonibernhard.com per ulteriori informazioni e opzioni di acquisto.

Usando l'icona della busta, puoi inviare questo pezzo via email ad altri. Sono attivo su Facebook, Pinterest e Twitter.

Ti potrebbe piacere anche "Imparare a vivere con grazia con il cambiamento e l'incertezza" e "Cos'è una vita vissuta?"

Solutions Collecting From Web of "Come far fronte all'incertezza personale e globale"