Come far fronte alla rabbia

Pixabay
Fonte: Pixabay

La rabbia è una sensazione comune e potenzialmente distruttiva che ha bisogno urgentemente di ricevere più pensieri.

Il filosofo Platone non discute della rabbia in nessuna profondità e tende a tirarlo su solo nel contesto del piacere e del dolore. Nel Philebus , dice che le persone buone si dilettano nei piaceri veri o buoni, mentre le persone cattive si dilettano nei piaceri falsi o cattivi, e che lo stesso vale per il dolore, la paura, la rabbia e simili – implicando così che ci possa essere una cosa del genere come vera o buona rabbia. Più tardi, dice che i piaceri della mente possono essere mescolati con il dolore, come nella rabbia, nell'invidia o nell'amore, o nei sentimenti contrastanti dello spettatore della tragedia o del dramma più grande della vita – questa volta sottintendendo che la rabbia può essere piacevole come bene come doloroso. Nel Timeo elenca cinque terribili affetti dell'anima mortale: il piacere, l'incitatore del male; il dolore, che scoraggia dal bene; impudenza e paura, consiglieri sciocchi; rabbia, difficile da placare; e spero, facilmente portato fuori strada. Gli dei, ci dice Platone, mischiarono questi affetti con senso irrazionale e amore audace, e in tal modo creò l'uomo.

A differenza di Platone, il filosofo Aristotele discute molto della rabbia. Nel Libro 2 dell'Etica Nicomachea , sembra essere d'accordo con Platone dicendo che una persona di buon carattere può a volte arrabbiarsi, ma solo come dovrebbe. Una persona di buon carattere, continua, potrebbe arrabbiarsi troppo presto o non essere abbastanza, e tuttavia essere lodata per essere di buon carattere; è solo se devia più ampiamente dal mezzo rispetto alla rabbia che diventa biasimevole, o 'irascibile' ad un estremo o 'privo di spirito' dall'altro. Allora, notoriamente, ci dice

Perché in tutto non è facile trovare il mezzo … chiunque può arrabbiarsi – è facile – o dare o spendere soldi; ma per fare questo alla persona giusta, nella misura giusta, al momento giusto, con il giusto motivo, e nel modo giusto, non è per tutti, né è facile; pertanto la bontà è al tempo stesso rara, lodevole e nobile.

Aristotele concorda anche con Platone che la rabbia coinvolge sentimenti contrastanti di piacere e dolore. Nel Libro 2 della Retorica , nel discutere le emozioni, definisce la rabbia come un impulso, accompagnato dal dolore, ad una cospicua vendetta per un evidente vistoso che è stato diretto sia alla persona stessa che ai suoi amici; aggiunge poi che anche la rabbia è accompagnata da un certo piacere che deriva dall'aspettativa di vendetta. Una persona viene derisa da una delle tre cose, disprezzo, disprezzo e insolenza; in entrambi i casi, la leggera tradisce la sensazione del trasgressore che la persona offesa non abbia ovviamente alcuna importanza. La persona offesa può o non può arrabbiarsi, ma è più probabile che si arrabbi se è in difficoltà – per esempio, in povertà o in amore – o se si sente insicuro riguardo al soggetto della leggera. D'altra parte, è meno probabile che si arrabbi se la minima è involontaria, non intenzionale o provocata dalla rabbia, o se l'autore si scusa o si umilia davanti a lui e si comporta come il suo inferiore. Persino i cani, ci dice Aristotele, non mordono le persone sedute. La persona offesa è anche meno probabile che si arrabbi se l'autore del reato gli ha fatto più gentilezza di quanto non sia tornato, o lo riverisce, o è temuto e rispettato da lui. Una volta provocata, la rabbia viene calmata dal sentimento che il minimo è meritato, dal passare del tempo, dall'esazione della vendetta, dalla sofferenza del colpevole e / o dall'essere speso per qualcuno o per l'altro. Così, sebbene più atroce su Ergophilius che su Callistene, il popolo assolse Ergofilo perché avevano già condannato a morte Callistene.

C'è chiaramente un senso in cui Platone e Aristotele hanno ragione nel parlare di una cosa come una buona o giusta ira. La rabbia può servire a una serie di funzioni utili, anche vitali. Può porre fine a una minaccia fisica, emotiva o sociale o, in mancanza di ciò, può mobilitare risorse mentali e fisiche per un'azione difensiva o correttiva. Se esercitato con giudizio, può consentire a una persona di segnalare un alto status sociale, competere per il grado e la posizione, rafforzare le posizioni negoziali, assicurare che i contratti e le promesse siano soddisfatte e persino ispirare sentimenti desiderabili come il rispetto e la comprensione. Una persona che è in grado di esprimere o esercitare rabbia giudiziosamente può sentirsi meglio con se stesso, più in controllo, più ottimista e più incline al tipo di assunzione del rischio che promuove risultati di successo. D'altra parte, la rabbia, e in particolare la rabbia incontrollata, può portare alla perdita di prospettiva e giudizio, al comportamento impulsivo e irrazionale che è dannoso sia per se stessi che per gli altri, e perdita di faccia, simpatia e credibilità sociale. Quindi, sembra che il tipo di rabbia che è giustificata, controllata, strategica e potenzialmente adattabile dovrebbe essere demarcata e contrapposta a un secondo tipo di rabbia (chiamiamola rabbia) che è inappropriata, ingiustificata, non elaborata, irrazionale, indifferenziato e incontrollato. La funzione della rabbia è semplicemente quella di proteggere l'ego: provoca dolore di un tipo per sminuire il dolore di un altro ed è assistito da un piacere minimo se non del tutto.

Un'altra idea correlata è questa. La rabbia, e in particolare la rabbia, rafforza la polarizzazione della corrispondenza, cioè la tendenza ad attribuire comportamenti osservati a fattori disposizionali o legati alla personalità piuttosto che a fattori situazionali. Per esempio, se ho dimenticato di lavare i piatti, ho l'impressione che sia perché mi sono sentito improvvisamente molto stanco (fattore situazionale), mentre se Emma ha dimenticato di lavare i piatti, ho l'impressione che sia perché lei è inutile (fattore disposizionale). Più fondamentalmente, la rabbia rafforza l'illusione che le persone esercitino un alto grado di libero arbitrio, mentre in realtà la maggior parte delle azioni di una persona e l'attività neurologica a cui corrispondono sono determinate dagli eventi passati e dagli effetti cumulativi di quegli eventi passati su quella persona schemi di pensiero. Ne consegue che l'unica persona che può davvero meritare la rabbia è colui che ha agito liberamente, cioè colui che ci ha sputato liberamente e quindi probabilmente giustamente! Ciò non significa che la rabbia non sia giustificata in altri casi, in quanto una manifestazione di rabbia – anche se immeritata – può ancora servire a uno scopo strategico benevolo. Ma se tutto ciò che è richiesto è una dimostrazione strategica di rabbia, allora la vera rabbia che comporta dolore reale è del tutto superflua, la sua presenza serve solo a tradire … una certa mancanza di comprensione.

Neel Burton è autore di Heaven and Hell: The Psychology of the Emotions e altri libri.

Trova Neel Burton su Twitter e Facebook

Neel Burton
Fonte: Neel Burton

Solutions Collecting From Web of "Come far fronte alla rabbia"