Come far crescere la tua carriera con mentalità potenti

Cosa rende un mentorship di successo? Non si tratta di avere un mentee che ascolta e un mentore che insegna bene – è tutto sulla compatibilità dei valori. Ken Blanchard è il coautore di oltre 60 libri sulla leadership, quindi conosce lui stesso una cosa o due sulla collaborazione. One Minute Mentoring: come trovare e lavorare con un mentore – E perché trarrai vantaggio dall'essere uno , co-scritto con Claire Diaz-Ortiz, esplora come far crescere la tua carriera creando potenti relazioni di mentorship. Scopri perché la logistica è irrilevante, la saggezza dietro il modello del mentore e la differenza tra essenza e forma. Ascolta qui.

Trascrizione

Peter : benvenuto al podcast di Bregman Leadership. Sono Peter Bregman, il tuo ospite e CEO di Bregman Partners. Questo podcast è parte della mia missione per aiutarti a ottenere una grande trazione sulle cose che contano di più.

Siamo molto fortunati oggi. Abbiamo con noi, come nostro ospite sul podcast, Ken Blanchard. Lo conosci. Se non lo conosci, dovresti conoscerlo. Ho letto il One Minute Manager, non so esattamente quando è uscito, ma almeno 25 anni fa, quando l'ho letto per la prima volta. Devo ammettere che ero predisposto a non piacermi. L'idea di un libro di parabole, non lo so, mi ha infastidito in qualche modo. L'ho amato nonostante me stesso. Penso che sia stato un ottimo primer. Era così sintetico, così chiaro, così efficacemente focalizzato e scritto in un modo in cui quando le persone si muovevano in ruoli dirigenziali e dicevano "Che libro dovrei leggere?" E si aspettavano che io dessi loro una sorta di tomo o David McCullin Social Motivation, 680 pagine, che è anche un grande libro, ma non è neanche lontanamente pratico e utilizzabile come lo era One Minute Manager.

Suggerisco sempre quel libro. Se stai ascoltando questo e stai entrando in gestione, e anche se sei un manager esperto, ti consiglio di leggere One Minute Manager, perché è sia una lettura veloce che le storie che ti riguardano. Oggi siamo qui con Ken per parlare del suo nuovo libro, One Minute Mentoring: come trovare e lavorare con un mentore e perché trarrai vantaggio dall'essere con uno. Lo ha scritto con Claire Diaz Ortiz. Questo è, non so se è il suo 60 ° libro o da qualche parte lì intorno, perché ha scritto almeno 60 libri. Ha venduto 21 milioni di copie dei suoi libri. È uno dei 25 autori più prolifici o più venduti di tutti i tempi, secondo Amazon, e tutto questo pur essendo un ragazzo davvero incredibilmente simpatico. È il principale ufficiale spirituale delle società Ken Blanchard. Ti dice un po 'su chi è sia a livello pratico che a livello di anima. Senza ulteriori indugi, potrei andare avanti, Ken, benvenuto al podcast Bregman Leadership.

Ken: Beh, Peter, è bello essere con te. Solo un breve commento sul One Minute Manager, perché la vita è ciò che ti succede quando hai intenzione di fare qualcos'altro, sai? Sono stato invitato a una festa quando siamo usciti dal congedo sabbatico in California dall'università del Massachusetts da una donna che voleva che gli autori si unissero, e avevo scritto un libro di testo con Paul Hearse, e quindi mi ero qualificato in qualche modo. Siamo alla festa e Margie incontra Spencer Johnson, mia moglie, e Spencer ha scritto libri per bambini, questa intera serie di racconti di valore, Il valore di un senso dell'umorismo: La storia di Will Rogers. Il valore dell'onestà: la storia di Abe Lincoln. Lei lo porta a mano da me e lei dice: "Voi ragazzi dovreste scrivere un libro per bambini per i manager. Non leggeranno altro. "

Stava lavorando a un minuto di rimprovero con il suo psichiatra, e l'ho invitato a un seminario che stavo facendo. Si è seduto nella parte posteriore e ha riso [incomprensibile 00:03:26] è venuto su correndo alla fine. Ha detto: "Dimentica i genitori, facciamo il One Minute Manager." È uno scrittore di libri per bambini e io sono un narratore, quindi abbiamo deciso di scrivere una parabola su questo giovane alla ricerca di un manager efficace. Nessuno ci conosceva e chi l'avrebbe mai detto, sai? Eravamo nel Today Show e nel Labor Day del 1982 e la settimana successiva è andato nella lista dei best seller. Non è mai andato via per due o tre anni. Era semplicemente ridicolo. Ora abbiamo il nuovo One Minute Manager che è uscito perché non l'avevamo riscritto e avevano bisogno di un ebook.
Dissero: "Leggilo, vedi se vuoi apportare qualche cambiamento". Lo lessi, Peter, ho riso perché è nel suo sistema di interfono. Stai usando il tuo sistema di interfono oggi? Tutti quelli che stava supervisionando erano riuniti attorno a lui. Abbiamo cambiato il One Minute Reprimand in One Minute Redirect, che è molto più coerente con la filosofia odierna della leadership side-by-side. La vita è divertente per guardare le assurdità che ti fanno andare, lo sai?

Peter : Sono stato intervistato di recente e qualcuno mi ha chiesto del tipo di strategia della mia carriera. La mia risposta è stata: "La mia carriera è stata profondamente poco strategica. Cerchi opportunità che vedo, e cerco costantemente di avvicinarmi a ciò che mi dà gioia e che apporta valore al mondo. Non puoi completamente strategizzare questo. Devi provare qualcosa e dire "Huh, questo è interessante, e se lo modificassi un po ', scommetto che sarebbe più divertente o scommetto che aggiungerà più valore". È molto opportunistico.

Ken : Questo spiega perché ho scritto questo libro con Claire sul mentoring, sai? Non avevo pensato di scrivere sul mentoring, ma Claire ha circa trent'anni e lei è venuta da me. Ha detto: "Ken, in passato i mentori sono sempre stati più anziani, e penso che noi giovani potremmo imparare molto da voi anziani". Ho 78 anni, "Ma penso che voi ragazzi più grandi potreste imparare molto da noi giovani , in particolare per quanto riguarda la tecnologia. "Era, cosa possiamo scrivere sul mentoring inter-generazionale con la convinzione, a cui non avevo pensato, ma dopo aver pensato a tutti i co-autori che avevo, ogni volta che sei in una rapporto di mentore o di mentee, entrambe le parti imparano. Questa è la cosa più eccitante, è che se smetti di imparare penso che dovresti sdraiarti e lasciare che ti buttino addosso perché sei già morto.

Peter : ho trovato che fosse qualcosa di così interessante nel libro. Voglio condividere una breve esperienza, che è che quando sono uscito dal college ho lavorato con Outward Bound. Ho fatto corsi abbinati. Corsi e corsi per i corsi appaiati, che erano quando prendevi sei dirigenti aziendali e sei giovani urbani e li mettevi insieme. All'inizio il … E i dirigenti aziendali pagavano per la gioventù urbana. Stavano pagando una sorta di copertura dei costi. C'era la sensazione di "Okay, vengo e vado a fare da mentore." Uomo, non dimenticherò mai questi momenti in cui l'executive è a 80 piedi di altezza, sospeso sul terreno, terrorizzato, tremante, e il ragazzino di 16 anni lo sta guardando, "Io credo in te! L'hai capito! Scommetto che potresti farlo! "

È stato questo capovolgimento completo in cui hanno davvero compreso. Ciò che ho amato di questo è che non è stato solo il tutoraggio al contrario, il mentoring intergenerazionale nel modo in cui lo hai descritto nel libro, non è solo Josh chi è il mentee e Diane chi è il mentore. Non è solo Josh come il mentee che insegna a Diane sulla tecnologia, che è la cosa ovvia, ma in realtà facendo domande più profonde e aiutandola a pensare attraverso la sua vita in modo tale che ho scoperto che volevo che parlassi un po '. Hai dipinto in un modo che andava al di là di ciò che tradizionalmente ci aspetteremmo che il più giovane insegnasse al più vecchio.

Ken : Sì. Alcune persone hanno detto: "Ha agito un po 'troppo in gamba." Sai, penso che una grande collaborazione di mentoring sia qualcuno che è curioso, che vuole imparare, che è un buon ascoltatore e sa come fare domande. Non importa quale sia la tua età. Josh era davvero bravo, e Diane era stata avvertita dal suo mentore che se provassi a fare da mentore a qualcuno, se andassi a fare da mentore a qualcun altro, imparerai molto anche a mettere le cose in prospettiva. Questo è davvero quello che è successo anche. E 'stato davvero interessante. Mio nipote di 11 anni, mi guida periodicamente. Dirà "Gramps". Sai? Poi mi darà alcune intuizioni, sai, che ha avuto. È semplicemente meraviglioso da vedere.

Peter : Parlaci un po 'di più su, sai, magari dacci una breve carrellata di notizie per le persone che vogliono avere un'idea del libro e pensano di voler imparare qualcosa sulle relazioni di mentoring e di mentee. Hai un processo graduale che si adatta al termine mentore, sai, è una sorta di mentore pneumatico attorno, che inizia con la missione, l'impegno, la rete, la fiducia, l'opportunità, la revisione e il rinnovo. Vuoi dare solo una frase di ciascuno per dare all'ascoltatore un po 'di contesto.

Ken : Lascia che ti dica un'altra cosa prima perché stavamo parlando offline del fatto che potessi fare da mentore a te o che potresti farmi da mentore o altro. La cosa fondamentale è quando stai cercando un mentore o un allievo, prima di arrivare ai passaggi di mentoring, che è, "Cosa faremo ora che abbiamo deciso di lavorare insieme." Ci sono due aspetti del lavoro con qualcuno. Uno è essenza e l'altro è forma. L'essenza è cuore a cuore e valori ai valori.

La forma è, "Che cosa stiamo andando a fare". L'acronimo del mentore riguarda la forma. La prima cosa è nel libro Josh incontra un paio di persone che pensano che sarebbe un buon mentore, e non c'è proprio clic con loro in termini di valori e tutto, quindi passa. Ho trovato che il consiglio era così potente per me perché ogni volta che salti in forma con qualcuno prima di aver ottenuto l'essenza, l'essenza ti morderà alla fine. Vuoi prima sapere, "E 'qualcuno con cui ti piacerebbe passare un po' di tempo. Pensi di condividere alcuni valori allo stesso modo? "Quindi puoi entrare nel modulo. Penso che sia una buona cosa parlare prima.

Peter : lo adoro. Come ti impegni nella questione dell'essenza? È che hai un pasto con qualcuno o fai una passeggiata con loro o ti impegni in conversazioni che sono al di fuori del regno di ciò che vuoi essere mentorato? Significa che ti allontani dal do e ti muovi verso l'essere e dici "Ci stiamo connettendo a quel livello?"

Ken : Sì. Bene, questo è davvero importante. Per darvi un esempio, ho avuto un'idea un certo numero di anni fa di scrivere un libro intitolato, On the Power of Positive Management. Sono andato da un ragazzo che era davvero famoso come pensiero positivo e tutto. Tutto quello di cui voleva parlare era la forma. Chi avrebbe fatto cosa, come abbiamo intenzione di rompere i diritti d'autore e tutto, così ho passato. Il mio editore mi ha chiamato e ha detto: "Ken, ho sentito che eri deluso dal tuo incontro. Hai mai pensato di scrivere un libro con Norman Vincent Peale? "Ho detto," È ancora vivo? "Sai? Disse: "Non solo è ancora [incomprensibile 00:10:58]." All'epoca aveva 86 anni.

Sono volato a New York, ho pranzato, tre ore a pranzo, con Norman e sua moglie Ruth e il nostro editore. In tre ore di incontro con Norman e Ruth, non c'era una domanda sul modulo. Era tutta l'essenza. "Parlaci di te. Parlaci di Margie. Abbiamo sentito parlare di tua moglie Margie. Lascia che ti parliamo di noi. "Alla fine del pranzo, Norman si rivolge a Ruth e fa la domanda finale, ha detto," Ruth, pensi che dovremmo fare un libro con questo giovane? "Non avevamo parlava anche di cosa sarebbe stato il titolo. Ha detto: "Sì, a una condizione". Ha detto: "Che cos'è?" "D'ora in poi, quando ci incontreremo, porterà sua moglie Margie. Noi quattro lavoreremo insieme su questo. "[Non udibile 00:11:45] ma era così dolce, perché avrebbero potuto preoccuparsi meno della forma. Volevano sapere se avremmo potuto fare clic qui. È un concetto così potente.

Peter : lo adoro. C'è saggezza dell'età in questo, che dice, ad un certo punto ho lasciato X numero di anni. Voglio assicurarmi di essere, sai, cosa stavo dicendo prima, che è avere gioia e aggiungere valore. È così, indipendentemente dalla tua età, questa è la domanda da porre, giusto?

Ken : Sì.

Peter: Non importa la tua età, nello schema delle cose è tutto molto breve. La domanda è: "Dove vuoi investire l'energia della tua vita e con chi vuoi investirla?"

Ken : E una volta che decidi, "Mi piacerebbe investirlo con te." O qualcuno, poi arrivi al modello del mentore, che è un modo meraviglioso per dire: "Prendi il modulo dritto". Perché M sta per missione, che è ciò che vogliamo realizzare lavorando insieme. Sai che tutto bene [incomprensibile 00:12:51] inizia con obiettivi chiari. Sai, se le persone non sanno cosa vuoi ottenere non possono arrivarci. È solo un tipo di accordo sulle aspettative. La E sta per engagement, che è, "Okay, ora sappiamo cosa vogliamo realizzare, come vogliamo incontrarci? Sarà sempre faccia a faccia durante un pasto o possiamo farlo su Skype? Possiamo email? Come vogliamo impegnarci l'un l'altro? "Quindi, N sta per rete. Una delle cose importanti del tutoraggio, indipendentemente da quanto l'età si sia diffusa, è che entrambi avete una rete di persone che potrebbe essere utile alla persona con cui state interagendo per dire: "Sai, ho qualcuno che potrebbe essere interessante per te parlare e tutto. "

Come ho incontrato Truett Cathy, il presidente di Chick-Fil-A attraverso Norman Vincent Peale. Ha detto, "Ecco qualcuno che penso ti piacerà molto perché gestisce un'azienda, lo sai, molto diverso dal nostro centro di pensiero positivo." T è fiducia, perché se hai una relazione buona e potente, devi imparare a fidarti l'uno dell'altro. In effetti, ho scritto un libro sulla fiducia con un collega di nome Cindy Homestead, che lo stava studiando da 20 anni. Ognuno ha diverse definizioni di fiducia. Ha detto: "Quando sei in una relazione di mentoring o in qualsiasi altro, c'è A, B, C, D di fiducia".

A è la persona che ha le capacità necessarie per ciò su cui si vuole lavorare insieme. B è sono credibili. Se ti dicono una cosa, fanno il loro discorso? Dicono che la mia porta è sempre aperta e non puoi mai averli. Hanno tre segretari che devi passare. C è quell'essenza, connessione. Come ti senti su di loro? D sta per affidabile. Dicono che ti incontreranno per un certo tempo. Si incontrano allora, o continuano a cambiarlo e non si può mai contare su di esso, e anche la fiducia è davvero importante. Poi arrivi a O, che è opportunità, che è diversa dalla rete, che è, "Ecco un'opportunità interessante che potresti voler dare un'occhiata. Potrebbe essere qualcosa che potrebbe aiutarti nel tuo viaggio e tutto il resto. "

Quindi, infine, R è quello di rivedere e rinnovare, che ha un periodo di tempo in cui dici: "Come abbiamo fatto a questo punto? Vogliamo rinnovarci o vogliamo dire che l'abbiamo fatto davvero? "Così come ho scritto un numero di libri con molte persone, ma alcune persone ho scritto più di un libro perché, beh noi finito uno, abbiamo avuto una tale connessione [incomprensibile 00:15:32] abbiamo detto, "Beh, cosa potremmo fare dopo." Con Sheldon Boles, ho scritto Raving Fans, e poi abbiamo scritto Gung Ho, sai, e cose come quella. È un bel piccolo acronimo per la forma.

Peter: È fantastico. Sai, dai un'occhiata all'essenza. Questa è la barra che attraversi. Questa è la porta che attraversi dove dici "Ok, ora pensiamo alla forma". Quali sono alcune delle sfide in cui le persone si impegnano nella relazione mentore-mentee che le persone dovrebbero cercare? Conosco un sacco di persone che, e molte organizzazioni, cercano di creare programmi mentore-mentee. Alcune delle sfide che devono affrontare sono le persone che si incontrano una o due volte e poi tutti si impegnano e si fermano. Quali sono alcune delle sfide che hai riscontrato quando guardi queste relazioni, e anche quali sono alcuni modi per aggirarle?

Ken : Beh, penso che uno di quelli grandi sia che ti dai da fare. Ecco perché è così importante, il passo di fidanzamento, che è, sai, ci stiamo impegnando, ma dobbiamo almeno mandarci una email una volta alla settimana, così restiamo aggiornati anche se potremmo non farlo, perché di programma, faccia a faccia per circa un mese. Un modo per far andare avanti la cosa. Dove si rompono non hai le regole di ingaggio stabilite, e poi tutto ad un tratto è solo una specie di derive. Peter Drucker mi ha detto anni fa: "Ken, nulla di buono accade per caso. Metti una struttura su di essa. "Penso che sia ciò che è importante, è mettere una struttura sulla cosa.

Un sacco di volte nelle aziende in cui creano programmi mentori che ti assegnano un mentore, il che è un problema perché potresti non avere un'essenza con quella persona, mentre se dicevano: "Penso che ci piacerebbe farti entrare in un rapporto di mentoring, e qui ci sono due o tre persone con cui ti piacerebbe sederti. "Se ti accorgi di scoprire se hai una specie di bel match a vicenda, allora lascia che sia il tuo mentore piuttosto che," Sai, ecco una nuova persona, non vuole dire, 'dio questa persona non è solo la mia tazza di tè'. "

Peter : E hai qualche consiglio alla fine del libro per le organizzazioni sulla creazione di programmi di mentori, che penso sia davvero importante per i leader che ascoltano questo a cui stanno pensando, sai, "Come possiamo portare questo in un organizzazione in modo ragionevolmente codificato? "Una domanda che ho è, quanto è importante che ci sia una struttura organizzativa attorno a un programma di mentoring rispetto a dire all'organizzazione:" Apprezziamo il mentoring. Vogliamo che tu cerchi persone dalle quali puoi imparare. Vogliamo che tu chieda alle persone, se vogliamo che tu ti avvicini alle persone. "Ma lasciarlo a un'energia imprenditoriale piuttosto che creare una struttura attorno ad essa che supporti il ​​processo. Prima di rispondere, voglio solo dire alla gente, stiamo parlando con Ken Blanchard, il libro, il suo libro più recente, è One Minute Mentoring: come trovare e lavorare con un mentore e perché trarrai beneficio dall'essere uno .

Ken : Beh, penso che le persone debbano rendersi conto, e lo abbiamo fatto con il nostro lavoro nell'intera area della leadership è che devi avere colpi diversi per persone diverse. Alcune persone hanno uno spirito imprenditoriale su di loro e questo è bello per dire: "Crediamo nei mentori e suggeriamo di provare a trovarne uno". Ma potresti ottenere qualcun altro che non ha quel tipo di personalità esteriore e tutto ciò che forse è una qualche struttura sarebbe. Penso che sarebbe davvero bello parlare con la gente per dire: "Pensiamo che questa sia una cosa importante. Preferiresti prendere la palla da solo e correre con essa, o vuoi una struttura che potremmo impostare in tutto? "Quindi stai davvero aiutando a diagnosticare con loro ciò che potrebbe essere utile a loro.

È davvero interessante, non so quale sia la tua esperienza, la mia come l'ho guardata, Peter, non penso ci sia mai stato nessuno che abbia avuto successo e che non abbia avuto dei mentori, sai? Ora stiamo lavorando con la Football Hall of Fame, e sono passato un paio di volte alla Hall of Fame. Sono andato quando Don Schueller, con cui ho scritto un libro, è stato inserito. Tutte le persone che vengono introdotte non parlano di tutti i loro successi. Parlano delle persone che li hanno istruiti e che erano importanti per portarli dove erano e che stanno ricevendo questa introduzione nella Hall of Fame.

È davvero interessante, siamo stati là fuori l'anno scorso, sai, con Tony Dungy è stato inserito, e tutti hanno parlato di persone che hanno avuto un impatto sulle loro vite. Penso che quando ripensi a ciò, non conosco nessuno che abbia successo e che non abbia avuto e sia in grado di nominare un paio di persone che ha fatto la differenza nelle loro vite e nelle loro carriere.

Peter : Voglio parlare con qualcosa che ho sentito in me stesso, che ho sentito recentemente un enorme cambiamento, che mi sembra importante per diventare mentori, il che è che penso che ho la sensazione di averlo sentito e che ho sentito conosci altre persone, di competitività, che sai, guardi le persone che ti hanno preceduto e vuoi fare di meglio, e vuoi, sai, sei in competizione, e sei un po 'geloso . L'ho sentito con le persone. Recentemente ho avuto questo grande cambiamento, e in realtà ho Marshall, di cui abbiamo parlato prima, ho Marshall Goldsmith da ringraziare per questo un po ', con cui mi sentivo un po' competitivo. Poi, mi fermo e vado, "Sono pazzo, come perché sono … Ho così tanto da imparare. Ho tanto da imparare."

È una tale arroganza, un tale ego, uno spreco di energia tale da avvicinarsi alle relazioni con la competitività rispetto alle relazioni di approccio con un senso di apprendimento e apprezzamento di ciò che è stato creato. Penso che sia importante in questa conversazione sul mentoring, perché c'è una generosità dalla parte del mentore e un apprezzamento e un'apertura e un apprendimento dalla parte del mentee che è necessario, penso, perché queste relazioni abbiano davvero il loro potere .

Ken : Sì, e quello che amo di tutto il movimento attorno al mentoring è forse fare qualcosa per questa cosa competitiva. Ho sempre sentito una delle cose tristi delle organizzazioni: esci e assumi persone vincitrici di altre società o potenziali vincitori, e poi le metti in questo sistema di valutazione delle prestazioni in cui devi sfondare una certa percentuale di loro se hai intenzione di essere un buon manager. Devi avere una curva di distribuzione normale. Questa è la cosa più stupida che abbia mai sentito. Perché vorresti che tutti vincessero se stabilissi obiettivi veramente buoni, osservabili e misurabili che aiuteranno l'organizzazione e il dipartimento di quella persona.

Penso che se riusciremo a liberare le persone da questa cosa, ciò di cui hai bisogno non sono le persone in competizione tra loro, ma come possiamo aiutarci a vicenda, perché se tutti nel mio reparto vincono, allora tutti noi vinciamo. Perché sto cercando di dire, "Ragazzo, voglio correre più veloce di lui." C'era qualcosa del genere nel libro con Josh, perché questo giovane ragazzo è entrato, lo stava superando, sai, nelle vendite, che stava facendo hiM, "Oh dio, questo ragazzo, sai, non è nemmeno bagnato dietro le orecchie". Piuttosto che Diane che lo convinse a dire, "Scommetto che potresti imparare qualcosa da lui, sai, piuttosto che pensare alla competizione."

Peter: Questo è un enorme cambiamento per le persone. C'è un grande tipo di, devi affrontare le tue paure e devi affrontare il tuo ego. Devi affrontare una serie di cose che ti permettono di crescere, ma penso che sia ciò che è necessario per la crescita in generale. Probabilmente è per questo che hai il titolo di capo ufficiale spirituale.

Ken: Beh, sai, anche quello che è interessante è che uno dei motivi per cui ho potuto scrivere molti libri scritti a sorte è che non sono una persona competitiva nel senso che voglio davvero aiutare le altre persone vinci quanto voglio vincere. Io non sono lì … Sai, quindi sono diventato un buon amico e ho mentorato in qualche modo Patrick [Lynchioni 00:24:08] e Tony Robins e alcuni di questi ragazzi che [incomprensibile 00:24:10] e Renee Brown, che penso sia così in voga, e perché non vorrei fare nulla che potrei fare per aiutarli. Sai cosa? Sto solo imparando tonnellate da loro. Ho solo bisogno, abbiamo solo bisogno di spostare la mente dalla vita è tutto su questo gioco competitivo piuttosto che la vita è su come si crea un ambiente in cui tutti possono vincere.

Peter : lo adoro. Lo adoro, Ken. Voglio davvero apprezzarti per la ricchezza che hai condiviso con la comunità dirigente e il modo in cui ti sei presentato in un certo senso, voglio dire parlare di Hall of Fame, che ha ispirato molti di noi. Ho amato questa conversazione. Sta arrivando alla fine, ma volevo davvero apprezzare entrambi e dire grazie. Il libro è One Minute Mentoring: come trovare e lavorare con un mentore e perché trarrai vantaggio dall'essere uno. So di parlare per tutti i nostri ascoltatori quando dico, grazie mille per essere stato al podcast di Bregman Leadership.

Ken : Beh, è ​​stata davvero una gioia. Lavorare con Claire è stata una tale gioia [incomprensibile 00:25:23] che vive in Argentina. Abbiamo fatto un sacco di cose su Skype e su altri tipi di cose. La vita è davvero divertente Sto sparando, non andando in pensione.

Peter : lo adoro. Lo adoro. Grazie, Ken. Spero ti sia piaciuto questo episodio del Bregman Leadership Podcast. Se lo facessi, ci sarebbe di grande aiuto se ti iscrivi su iTunes e lasci una recensione. Un problema comune che vedo nelle aziende è un sacco di impegno, un sacco di duro lavoro che non riesce a spostare l'organizzazione nel suo complesso. Questo è il problema che risolviamo con il nostro processo di grande freccia. Per ulteriori informazioni al riguardo o per accedere a tutti i miei articoli, video e podcast, visitare Peterbregman.com. Grazie Clare Marshall per aver prodotto questo episodio, e grazie per l'ascolto.

Solutions Collecting From Web of "Come far crescere la tua carriera con mentalità potenti"