Come evitare una fusione politica personale

"Ho avuto una discussione via e-mail con mio nipote sulla politica e l'ho definito un deficiente. Non posso credere di averlo detto. Mi sono scusato dopo. Quello non sono io."

"Ieri sera ho gettato la scarpa sul telegiornale, mi sono arrabbiata così tanto. Non posso credere che farei qualcosa del genere. "

Sono tempi difficili, no? Questi commenti spiacevoli da parte di due miei amici ci invitano a pensare a come rispondiamo alle turbolenze intorno a noi e dentro di noi. Come trovare un posto tranquillo e pieno di speranza in questi tempi politici?

Quello non sono io

L'attuale amministrazione sottolinea la "rottura" come una tattica politica, creando intenzionalmente incertezza e confusione nella popolazione generale come mezzo per far avanzare la sua agenda politica.

L'effetto sulle persone è drammatico. Il tono provocatorio e acuto dei discorsi, la costante raffica di tweets oltraggiosi e disorganizzati, combinati con minacce e intimidazioni, e il selvaggio avvilimento degli avversari possono davvero distruggere anche i più esperti veterani della vita politica, tanto meno il resto di noi. Ancore di notizie veterane, commentatori politici e conduttori televisivi di tarda notte hanno occasionalmente (con il loro successivo rimpianto) preso l'esca e reagito in modo esagerato, rispondendo in modo razionale e senza pensarci. Hanno poi fatto le stesse scuse abiette che i miei amici mi hanno trasmesso: "Non so cosa sia successo", "Come avrei potuto dirlo? Quello non sono io."

Quello non sono io. O almeno non la calma, razionale me. La nostra capacità di pensare chiaramente si confonde con gli effetti dirompenti degli appelli primitivi a scatenare, a diventare subdoli e amareggiati, a perderla di fronte ai continui assalti all'empatia, alla cura e alla dignità che stanno attorno a noi.

Ansia e depressione sono aumentate. Le amicizie e le relazioni familiari si sono logorate dopo aspre dispute politiche o nei tentativi di evitarli del tutto. E al centro di tutto questo è il nostro senso di isolamento, la nostra solitudine e paura

Cura di sé?

Come ti proteggi dallo shock, dai tentativi deliberati di innescare il tuo sistema limbico, bypassare la corteccia prefrontale e infine interrompere il tipo di calma che porta a una risposta produttiva alla provocazione?

È possibile spegnere la TV e prestare meno attenzione alle notizie. Anche se utile a un certo punto, il ritiro lascia anche un vuoto sociale ed emotivo. Abbiamo bisogno di cittadini preoccupati, ora più urgentemente che mai. I sentimenti di ansia e depressione tra la popolazione sono precoci avvertimenti che qualcosa è molto sbagliato nella nostra società.

Puoi dimostrare, andare in strada, puoi firmare petizioni su Internet e condividere post su Facebook (anche importanti e utili, ma limitati). Questi modi di coinvolgere possono portare a un isolamento maggiore e non inferiore. Dopo la manifestazione, sei di nuovo solo. E quando la tua connessione all'azione politica è principalmente digitale, sei – nella struggente frase di Sherry Turkle – "solo insieme", che significa in pratica che sei ancora solo.

Vorrei aggiungere a questo elenco l'importanza dei piccoli gruppi locali di quartiere come supporto per la nostra salute mentale e come percorso verso un'azione politica di significato personale in questi tempi. Il "noi" di un piccolo gruppo ben funzionante ci guida, ci dà voce, fornisce coraggio e ispirazione oltre a ciò che possiamo realizzare nei nostri singoli silos.

Conosco il valore di tali gruppi, poiché ne faccio parte.

Il progetto per il soggiorno dei Mille New Hampshire

Sam Osherson
Fonte: Sam Osherson

Siamo un piccolo gruppo di vicini di casa in una piccola città del New Hampshire, che ha sviluppato una varietà di modi per aiutare le persone a trovare la propria voce e ad essere maggiormente coinvolte nell'azione politica, anche se non l'hanno mai fatto prima. "I vicini" non è abbastanza preciso: quando vivi in ​​modo razionale il termine racchiude un'ampia area. Siamo chiamati "Monadnock United 2018" poiché viviamo tutti in una zona relativamente breve del Monte Monadnock nel sud-ovest dell'NH.

Ci siamo incontrati per la prima volta nel 2012, quando sei di noi si sono riuniti per discutere su come sostenere la rielezione del presidente Obama. Avevamo poca esperienza politica, ma volevamo capire come coinvolgere i nostri vicini e i cittadini interessati nella regione. Il gruppo ha deciso che il modo migliore era convincere le persone a firmare qualcosa in cui credevano. Così abbiamo concordato di scrivere un annuncio di giornale che elencava i motivi per cui stavamo votando per rieleggere il Presidente Obama e ottenere il maggior numero possibile di firme da tutta la regione .

Poiché ciò che può ragionevolmente stare su un giornale di una sola pagina è limitato (e costa denaro!), Abbiamo dovuto parlare e discutere esattamente PERCHÉ volevamo votare per il nostro candidato. Ciò ha richiesto diverse riunioni e ha comportato un considerevole dare e avere. La creazione dell'annuncio significava che dovevamo davvero parlarci e dare voce a ciò che più importava a ciascuno di noi. Siamo in disaccordo, abbiamo parlato, abbiamo compromesso. E abbiamo creato la nostra pubblicità insieme, attingendo ai diversi talenti del gruppo.

Quindi dovevamo convincere le persone a firmare l'annuncio e donare denaro per pubblicarlo. Speravamo di raccogliere abbastanza soldi per una pubblicità in uno dei giornali locali. Abbiamo usato la posta elettronica e il passaparola nelle nostre reti di amicizia. Abbiamo raggiunto le persone in quello che ho imparato ora è chiamato "caldo sbraccio": personale e diretto e basato sulle relazioni che abbiamo avuto dove vivevamo e lavoravamo.

Il risultato? Centinaia di persone provenienti da tutta la regione hanno firmato l'annuncio. Abbiamo sparato oltre il nostro obiettivo di raccolta fondi con abbastanza soldi per le pubblicità in tutti e quattro i nostri giornali locali. Molte persone ci hanno ringraziato per aver dato loro un'opportunità a livello di base per esprimere le loro preoccupazioni.

Ci siamo riuniti per le elezioni del 2016 e abbiamo applicato ciò che abbiamo appreso nel 2012. Questa volta ci siamo concentrati sugli annunci di giornali e radio per i nostri candidati presidenziali e senatori e abbiamo di nuovo contattato e-mail e conversazioni dirette in modo caloroso.

Il risultato? Di nuovo, centinaia di firmatari. Questa volta abbiamo raddoppiato il nostro obiettivo di budget molto più ampio, consentendo una pubblicazione ancora più ampia dei nostri annunci, in versione cartacea, online e radio. Hillary Clinton ha portato il New Hampshire nel 2016 per soli 3.000 voti e ora la senatrice Maggie Hassan ha sconfitto l'incumbent repubblicano di appena 1.000. Tuttavia, nella nostra zona, sia lei che Clinton hanno vinto con ampi margini. Sebbene il nostro gruppo non possa prendere tutto il merito, riteniamo che i nostri sforzi abbiano contribuito in modo sostanziale al loro successo

E, considerate questo: se ora – il senatore Hassan aveva perso l'incumbent repubblicano in incognito lo scorso novembre, oggi l'Affordable Care Act sarebbe stato storico poiché i repubblicani avrebbero avuto solo voti sufficienti per rovesciarlo. C'è un grande potere in piccoli gruppi.

Stiamo continuando ora come Monadnock United 2018, guardando all'organizzazione per le cruciali elezioni di medio termine. Abbiamo già avuto un certo successo nel mobilitare l'opposizione (e in un caso nel prevenire il passaggio di) a varie leggi statali che minacciano l'istruzione pubblica e i diritti di voto. Abbiamo persino prodotto un video sul ruolo dell'educazione pubblica in una democrazia.

Sam Osherson
Fonte: Sam Osherson

Abbiamo preso una lettera firmata da 500 elettori del New Hampshire direttamente nell'ufficio del Governatore, organizzato campagne di scrittura di lettere per i nostri senatori e lavorato insieme a lettere al direttore del nostro giornale locale su questioni importanti per noi. Tutto ciò dimostra che ci sono molti modi in cui le persone si impegnano al loro livello di conforto e trovano la loro voce politica.

Come parte della 1.000 Living Rooms Initiative, stiamo ora incoraggiando attivamente altri gruppi di soggiorno a formare intorno al New Hampshire e in altri stati. Saremo lieti di sentirti da te se stai cercando un gruppo o sei in un gruppo appena formato o esistente, ovunque nel paese.

Cosa abbiamo imparato

I gruppi di stanze di soggiorno possono fornire un supporto e un incoraggiamento importanti che ci consentono di adottare misure che potremmo non fare se stessimo lavorando da soli. Abbiamo anche scoperto che un gruppo fidato che si incontra regolarmente è un importante antidoto alla "fatica di fidanzamento" che potrebbe derivare dalle molte lotte e proteste che ci attendono. Mentre non dedichiamo più tempo a elaborare il nostro senso di tristezza e tristezza, come abbiamo fatto subito dopo le elezioni, il gruppo fornisce un posto importante per sentirci meno soli e per sentirci ascoltati di fronte a nuovi titoli angoscianti .

Creare un gruppo piccolo stabile e degno di fiducia richiede un po 'di lavoro. Se i gruppi cercano di realizzare troppo, troppo velocemente, i membri possono scoraggiarsi e andare alla deriva. Evita di affrettarti immediatamente "a fare qualcosa". Prenditi del tempo per parlare e conoscersi e per discutere di ciò che conta davvero per ogni membro. Potresti non essere d'accordo, va bene, ma è importante che ogni membro si senta ascoltato.

Nel tempo il gruppo svilupperà alcuni obiettivi iniziali. Inizia in piccolo: una lettera al governatore o al tuo senatore o rappresentante a sostegno di un problema importante per te (forse diritti di voto o istruzione pubblica o Planned Parenthood) o una questione molto locale. Un primo successo è fondamentale per raggruppare il morale. E a poco a poco avrai anche bisogno di sviluppare almeno una struttura informale per chiarire le responsabilità, pianificare riunioni e simili. (Puoi trovare un elenco più completo di "how-to" e alcuni suggerimenti qui.)

Cura personale contro l'assistenza collettiva.

Al giorno d'oggi c'è molta enfasi sulla "cura di se stessi", ma la vera sfida è "cura collettiva", che ci aiuta a sostenerci e aiutarci a vicenda, a sfruttare la nostra interdipendenza anche se siamo abituati a pensare a noi stessi come "indipendenti" "Un risultato positivo di questi tempi potrebbe essere che impariamo a dipendere l'uno dall'altro più che in passato. Ci sarà meno "bowling da solo".

Trovare o formare un piccolo gruppo non è facile. Significa fare un passo oltre la nostra zona di comfort. Implica l'invio di una e-mail o la convocazione di persone, la loro invocazione, la discussione di problemi di cui non potremmo parlare abitualmente con i vicini o gli amici.

Ecco un modo per affrontare l'argomento: "Sono preoccupato per quello che sta succedendo a Washington e qui più vicino a casa. Pensavo di poter invitare alcuni amici a parlare di tutto questo. Vorresti unirti a noi

Quando immagini di dire o inviare per email un invito del genere, potresti voler esplorare i sentimenti che emergono. Probabilmente c'è qualche resistenza, o una voglia di procrastinare, ma forse anche qualche curiosità e speranza.

Chiaramente, ci sono dei rischi e dei vantaggi nel rivolgersi ad altre persone, sperando di trovare un terreno comune tra la forza di un piccolo gruppo.

È molto meglio, però, che urlare ai parenti o lanciare le scarpe alla TV. E sicuramente batte preoccupato e solo.

Sam Osherson, Ph.D., è un terapeuta in uno studio privato a Cambridge, MA, e un emerito professore di psicologia presso la Fielding Graduate University. Consulta le scuole attraverso lo Stanley King Counseling Institute e il suo libro più recente è The Stethoscope Cure, un romanzo su uno psichiatra e sulla guerra del Vietnam.

  • Come guarire la nostra solitudine
  • Mentoring Kids in Distress
  • L'ospite nel mio salotto
  • La relazione complicata tra disabilità e scopo
  • Oltre la tradizionale terapia del dolore
  • College Dreams Dashed
  • Scendere dal recinto: decidere sulla separazione
  • Troppo giovane per essere vecchio: ama, impara, lavora e gioca quando invecchi
  • Cosa conta di più? Dimensioni o qualità del tuo social network
  • Perché la solitudine fa così male
  • Gestione delle disfunzioni disordinate
  • 10 citazioni e riflessioni sulla solitudine
  • Dare forma alla storia della mia vita nel mondo
  • Abbiamo bisogno di riviste per single?
  • The Happiness Hack: Crea connessioni, non distrazioni
  • Come le coppie possono sopravvivere a barare (e perché anche loro provano)
  • 5 Piaceri colpevoli che puoi smettere di sentirti colpevole
  • indeciso
  • Il ruolo dell'amicizia in tutta la vita
  • 3 motivi per cui sei risentito delle coppie felici
  • 10 motivi per cui gli adolescenti americani sono più ansiosi che mai
  • La solitudine dei social media, terza parte
  • 14 segni che sei un Bachelor confermato (o Bachelorette)
  • La tua ferita primordiale: cosa è successo nell'infanzia?
  • Trascorrere San Valentino come donna senza legami? Sii gentile!
  • La malattia di Alzheimer come viaggio nel tempo
  • Trasferirsi in una nuova città: l'impatto sui bambini
  • Perché alcune persone sono sempre in ritardo? (E altri enigmi umani)
  • Come rendersi felici dal modo in cui tratti gli altri
  • Ti senti intrappolato in una relazione infelice?
  • Le aspettative irrealistiche ostacolano la felicità e l'empatia
  • Quali sono i papà di oggi che hanno bisogno del giorno di questo papà?
  • Proteggere l'intimità nell'era digitale
  • Attaccamento a Dio e gruppi come fonti di speranza
  • Perché una triste verità è meglio di una felice bugia
  • Puoi avere un matrimonio senza sesso?