Come essere un vincitore

Christopher Johns/Wikimedia Commons
Fonte: Christopher Johns / Wikimedia Commons

John Wooden è stato un vincitore, così come i Bruins dell'UCLA che hanno suonato per lui. Durante un periodo di 12 anni, dal 1963 al 1975, le sue squadre vinsero 10 campionati di pallacanestro NCAA. Per realizzare questa prodezza leggendaria, potresti pensare che Wooden doveva essere focalizzato su giochi vincenti. Eppure, dove era preoccupato, non era così. In effetti, ciò che ha comunicato alle sue squadre potrebbe essere la chiave del loro successo e della loro capacità di giocare bene sotto pressione.

Coach Wooden ha detto una volta a un pubblico di allenatori:

Non riesci a trovare un giocatore che abbia mai giocato per me alla UCLA che possa dirti che mi ha mai sentito nominare "vincere" una partita di basket. Potrebbe dire che ho inferito un po 'qua e là, ma non ho mai menzionato la vittoria. Eppure l'ultima cosa che ho detto ai miei giocatori prima della soffiata, prima di andare sul pavimento, è stata: "Quando il gioco è finito, voglio la tua testa, e so di un solo modo per la tua testa di essere sveglio Questo è per te sapere che hai fatto del tuo meglio. Nessuno può fare di più. . . . Hai fatto questo sforzo. "

Rispetto alla vittoria, il record di Coach Wooden parla da solo. Tuttavia è interessante notare che ha posto l'accento sul processo di ricerca dell'eccellenza . La sua visione è andata oltre la preoccupazione per i giochi vincenti. Invece, il "Mago di Westwood" ha chiesto che i suoi giocatori si dedicassero allo sforzo del 100%.

Cosa dovrebbero insegnare ai giovani atleti riguardo alla vittoria?

In termini di benefici educativi dello sport, i bambini possono imparare sia dalla vittoria che dalla sconfitta. Ma affinché ciò accada, la vittoria deve essere posta in una prospettiva sana . Il mio collega, il dottor Ron Smith, e io abbiamo quindi sviluppato una filosofia in quattro parti per vincere un orientamento che è stato progettato per massimizzare il godimento degli sportivi da parte degli atleti e le loro possibilità di ricevere gli esiti positivi della partecipazione.

1. Vincere non è tutto, né è l'unica cosa.

I giovani atleti non possono imparare dalla vittoria e dalla sconfitta se pensano che l'unico obiettivo sia battere gli avversari. Questo significa che i bambini non dovrebbero cercare di vincere? Sicuramente no! Come forma di competizione, gli sport coinvolgono concorsi tra individui o squadre avversari. Sarebbe ingenuo e irrealistico credere che vincere non sia un obiettivo importante. Ma non è l'obiettivo più importante.

"La linea di fondo negli sport giovanili non dovrebbe essere basata sulla pressione per vincere. Invece, dovrebbe essere il piacere di competere e l'opportunità di sviluppare atteggiamenti positivi nei confronti degli altri. " – Lute Olson, allenatore di Basket of Hall of Fame

2. Il fallimento non è la stessa cosa di perdere.

Gli atleti non dovrebbero vedere la sconfitta come un segno di fallimento o come una minaccia al loro valore personale. Dovrebbero essere insegnati che perdere una partita non è un riflesso della propria autostima. In altre parole, quando un individuo o una squadra perde una competizione, ciò non significa che valga meno di se avesse vinto. In effetti, alcune lezioni preziose possono essere apprese dalla perdita. I bambini possono imparare a resistere di fronte agli ostacoli e a sostenersi a vicenda, anche quando non ottengono la vittoria.

3. Il successo non equivale alla vittoria.

Pertanto, né il successo né il fallimento devono dipendere dall'esito di una gara o da un record vinto-perso. Vincere e perdere si applicano al risultato di una partita, mentre il successo e l'insuccesso no. Come, quindi, possiamo definire il successo nello sport?

4. Agli atleti dovrebbe essere insegnato che il successo si trova nella ricerca della vittoria. L'idea importante è che il successo è legato all'impegno e allo sforzo!

Lo sforzo è nella zona di controllo degli atleti. Hanno il controllo completo sulla quantità di sforzo che danno, ma solo un controllo limitato sul risultato ottenuto.

"Non ho alcun controllo sui risultati. Tutto quello che posso fare è giocare al meglio delle mie capacità. Il successo mi sta dando tutto ciò che ho. " – Ichiro Suzuki, giocatore della Major League Baseball

Dì ripetutamente ai bambini che non sono mai "perdenti" se si impegnano a fare del loro meglio e a dare il massimo sforzo. Quando lo fai, stai offrendo un dono inestimabile che li assisterà in molti dei compiti della vita.

"Fare del tuo meglio è più importante che essere il migliore." – Forest "Frosty" Westering, allenatore di Football Hall Hall of Fame

Quando la vittoria è mantenuta in una prospettiva sana , il bambino viene prima e la vincita è seconda. In questo caso, il prodotto sportivo più importante non è un disco vinto-perso; è la qualità dell'esperienza fornita agli atleti.

Come puoi insegnare una filosofia vincente orientata allo sforzo?

La filosofia presentata sopra è il nucleo dei nostri programmi di formazione per genitori e coach scientificamente validati. L' approccio alla padronanza del Coaching e della padronanza Approccio alla genitorialità nello sport sottolinea lo sviluppo delle abilità, il raggiungimento del successo personale e di squadra, dando il massimo sforzo e divertimento. Per accedere ai video, vai al sito Web di Youth Enrichment in Sports.

Solutions Collecting From Web of "Come essere un vincitore"