Come essere più produttivi (senza nemmeno provare)

Nella mia vita ho incontrato parecchie persone iper produttive. Lavoravano in campi diversi come la pubblicità, il mondo accademico, il diritto e il settore bancario. Se c'è una cosa che tutti questi personaggi molto diversi avevano in comune, cioè che erano tutti estremamente appassionati per quello che stavano facendo – anche se le ragioni delle loro passioni erano spesso molto diverse.

Il segreto della produttività è senza dubbio quello di lavorare su qualcosa che ti piace e, per farlo, devi assumerti certi rischi, come non fare quello che non ti piace. Questo sembra uno scenario facilmente evitabile, eppure la maggior parte delle persone è intrappolata in una carriera che non sceglierebbero se fosse loro data la scelta di nuovo – e perché possono essere abbastanza bravi in ​​quelle cose, continuano semplicemente ad andare avanti.

Negli ultimi due decenni, gli psicologi del business hanno prestato crescente attenzione ai cosiddetti dipendenti "ad alto potenziale" (spesso chiamati semplicemente "hi-po's"). Sebbene le definizioni di "hi-po's" varino, esiste un modo molto oggettivo per identificarle, in particolare in termini di produttività. Molti anni fa, il sociologo italiano Vilfredo Pareto (1848-1923) notò che i piselli nel suo orto erano sproporzionatamente produttivi: il 20% di essi rappresentava l'80% della produttività; L'80% di loro rappresentava solo il 20% della produttività. Lo stesso si è rivelato vero in qualsiasi ambito delle prestazioni umane: una minoranza di persone (di solito, anche meno del 20%) rappresenta almeno l'80% della produttività, mentre la stragrande maggioranza delle persone (almeno l'80%) produce solo il restante 10-20%.

Questi dati sono coerenti con la prova irrevocabile del fatto che la maggior parte dei dipendenti è estremamente insoddisfatta o insoddisfatta sul lavoro (per gli ultimi dati visitare www.gallup.com). Quindi, c'è una chiara sovrapposizione tra mancanza di impegno e mancanza di produttività sul lavoro. In altre parole, la maggior parte delle persone ha un lavoro che non gli piace e molte persone sono improduttive al lavoro. Allo stesso tempo, una minoranza di persone sembra godere del proprio lavoro e sono anche molto più produttive.

Sarebbe un'utopia completa pensare a un mondo in cui era vero il contrario? Non potremmo avere, ad esempio, il 20% dei dipendenti disimpegnati e improduttivi e l'80% dei dipendenti impegnati e produttivi? Forse se le persone fossero costrette a identificare e seguire le loro passioni, potremmo essere in grado di bilanciare almeno i libri con una ripartizione 50-50 piuttosto che 80-20. Ma come si può fare? Ci sono tre passaggi chiave:

(1) Aumentare la consapevolezza di sé: se le persone si conoscessero meglio (e da una fase precedente), probabilmente non finirebbero per scegliere la carriera sbagliata, che inizia quando decidono quale importante perseguire al college. Sfortunatamente, gli studenti decidono su cosa studiare in base a ciò che vogliono i loro genitori, cosa fanno i loro amici, o cosa immaginano che finirebbero facendo una volta che si saranno laureati da quel particolare grado. Molte di queste assunzioni finiscono per essere false; la maggior parte degli studenti ha aspettative non realistiche – fino a quando non affrontano un controllo di realtà subito dopo la laurea.

(2) Pianificazione della carriera precedente: il più grande vantaggio competitivo che chiunque ha è quello di iniziare presto; ritardare le decisioni relative alla carriera porta non solo a importanti lacune CV, ma anche alla disperazione. Quando i miei studenti del primo anno mi chiedono che cosa devono fare per perseguire una carriera in X o Y, hanno un vantaggio di 3 anni rispetto ai miei studenti dell'ultimo anno (che tendono a fare la stessa domanda, solo molto dopo)

(3) Fare ciò che ami: se fai ciò che ami, finirai per amare ciò che fai, che è la soluzione migliore per essere produttivi. Quasi 1 su 2 lavoratori adulti considera seriamente un cambio di carriera, di solito a qualcosa che già sapevano di aver apprezzato prima (e lo fa ancora adesso). È importante sottolineare che questo può includere persone che hanno molto successo (in termini oggettivi: dal punto di vista finanziario, statistico o in termini di competenza professionale). Eppure la produttività senza passione è una perdita di tempo – e non è nemmeno gratificante.

Se, nonostante i seguenti 1, 2 e 3, finisci per essere pigro, sei disposto a livello passivo (che va bene, come probabilmente ti piace). Tuttavia, per oltre l'80% delle persone, seguendo questi passaggi si otterrà un notevole aumento della produttività, il problema è che poche persone lo fanno.

Solutions Collecting From Web of "Come essere più produttivi (senza nemmeno provare)"